595 CONDIVISIONI
Covid 19
16 Aprile 2020
07:00
AGGIORNATO19 Aprile

Gli aggiornamenti del 16 aprile sul Coronavirus in italia e nel mondo, Borrelli: “168.941 casi totali, ancora 525 nuovi decessi”

595 CONDIVISIONI

Le notizie sul Coronavirus in Italia e nel mondo di giovedì 16 aprile, con i dati aggiornati sull'andamento del contagio da Covid-19. Sono 168.941 i contagiati nel nostro Paese, di cui 40.164 guariti e 22.170 morti. Record di tamponi fatti (più sessantamila in un solo giorno). Sale a 127 il numero dei decessi tra i medici. Al via i test sierologici per un campione di 150mila persone. Ma l'emergenza divide: è scontro aperto tra la regione Lombardia ed il governo Conte sulla riapertura dopo il 4 maggio. Anche Sicilia e Veneto si dicono favorevoli per quella data. Superano i due milioni i contagi nel mondo, più di 600mila negli USA con Trump che spinge per la fine del lockdown: "Abbiamo superato picco, si riapre". Il mondo della cultura in lutto: il virus ha ucciso Luis Sepulveda. In Corea del Sud 141 persone sono tornate positive.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19
16 Aprile
22:11

La storia di Francesco, a 38 anni guarito dal Coronavirus: "La prova più dura che abbia affrontato"

"Cari amici, ieri finalmente sono uscito dalla terapia intensiva dopo 10 giorni. È stata forse la prova più dura che abbia mai affrontato fino ad oggi, ma è finita e adesso si guarda avanti anche perché la strada per la guarigione è ancora lunga. Grazie a chiunque mi sia stato vicino in questi giorni ed ha avuto un pensiero per me". Comincia così il lungo post di Francesco Bozzi, 38enne di Empoli, guarito dal Coronavirus. Una testimonianza toccante, che anche il sindaco Brenda Barnini ha deciso di condividere sulla sua pagina Facebook. "Questo momento di miglioramento è dovuto al primo blocco – ha concluso -, ma il virus è lì fuori. E se non state sempre attenti lo prendete, prima o poi. Magari sarete asintomatici, ve lo auguro con tutto il cuore. O magari avrete bisogno della terapia intensiva come me, e spero veramente che ci sia un letto disponibile e personale medico sereno e non stressato per curarvi".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
21:59

Caos Coronavirus in Brasile, si dimette il ministro della Sanità

Il ministro della Sanità brasiliano, Luiz Henrique Mandetta, ha rassegnato le dimissioni: lo ha comunicato lui stesso sui social, dopo un incontro a Brasilia con il presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro .Da settimane, i due erano in aperto disaccordo sulle modalità attraverso cui gestire l’epidemia di Coronavirus: il ministro si era detto a favore di rigide misure di isolamento sociale a differenza del presidente preoccupato dai danni che avrebbe potuto subire l'economia con un lockdown totale. Al posto di Mandetta, riferisce il quotidiano portoghese Globo, dovrebbe essere nominato l’oncologo Nelson Teich. Nel Paese, intanto, è salito a 30.425 il numero dei casi di Covid-19 e a 1.924 quello dei decessi.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
21:13

Ilaria Capua: "Nonni e nipoti non potranno stare insieme come prima"

"Oggi vanno definite le categorie da mettere in sicurezza, non chi parte prima. Vanno identificate le caratteristiche delle categorie: alcuni gruppi di persone come nonni e nipoti non potranno stare insieme come prima fino a quando non si saprà come stiamo come popolo". Lo ha detto la virologa Ilaria Capua, direttrice dell'One Health Center of Excellence dell’Università della Florida, intervenendo al Tg1 a proposito dell'emergenza Coronavirus e dell'esigenza di condurre test sierologici per la sicurezza della popolazione, non prima di aver determinato quali categorie sono più a rischio.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
21:10

In Italia ferme 2,1 milioni di imprese per il lockdown, il 48% del totale

Le attività di impresa formalmente sospese in Italia per l'emergenza coronavirus sono 2,1 milioni  che rappresentano poco meno del 48 per cento del totale. Lo segnala l'Istat nel suo report sulla situazione delle imprese italiane a seguito dei provvedimenti governativi che hanno comportato la progressiva chiusura di alcune attività produttive. Le imprese costrette a chiudere impiegano 7,1 milioni di addetti (di cui 4,8 milioni dipendenti)e generano – sulla base dei dati del 2017 – 1334 miliardi di euro di fatturato (il 41,4 per cento del livello complessivo) e 309 miliardi di valore aggiunto (il 39,5 per cento del totale). Numeri che, come spiega l'Istat, non prendono in considerazione
le unità produttive che  hanno notificato richiesta di deroga alla prefettura competente.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:50

Commissario Arcuri: "App fondamentale per la fase successiva dell’emergenza"

La app per il tracciamento dei contagi "sarà un pilastro importante nella gestione della fase successiva dell’emergenza2, lo ha spiegato il Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri. La sperimentazione del nuovo sistema, su cui il governo ha aperto un bando, partirà a breve in alcune regioni pilota per essere poi estesa ma sarà sempre su base volontaria. "Stiamo lavorando con il ministero per l’Innovazione e la Presidenza del Consiglio per cominciare la sperimentazione, che contiamo possa essere avviata in alcune regioni pilota, per poi estenderla. Speriamo in una massiccia adesione volontaria dei cittadini" ha aggiunto Arcuri intervenuto al Tg1. "Speriamo che i cittadini possano sopportare e supportare il sistema di tracciamento dei contatti, che ci servirà a capitalizzare l’esperienza della fase precedente ed evitare che si possa replicare" ha concluso il Commissario

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:38

Nel mondo superati i 140mila morti per coronavirus

Nel mondo superati i 140mila morti per coronavirus. Secondo il bilancio dalla Johns Hopkins University che raccoglie i dati provenienti da tutti i Paesi, il numero totale di morti per coronavirus nel mondo ha raggiunto quota 140.773. Il Paese più colpito restano gli Stati Uniti con oltre 33mila decessi seguito dall'Italia che ha superato i 22mila morti e la Spagna con oltre 19mila.

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:26

Bonaccini: "Chi ha reddito di cittadinanza può lavorare nei campi, mancano braccia"

"Chi prende il reddito di cittadinanza può cominciare ad andare a lavorare" nei campi per raccogliere la frutta e la verdura, visto che gli agricoltori stanno facendo fatica a trovare lavoratori per la stagione della raccolta. Lo ha dichiarato  il presidente della Regione Emilia romagna Stefano Bonaccini intervenendo in un dibattito organizzato dalla Bologna Business School. "Essendo andati via per la gran parte i lavoratori stranieri, oggi le aziende agricole ci chiedono come trovare lavoratori che vadano a raccogliere la frutta e la verdura nei campi. Visto che quel comparto non solo non si è fermato ma sta producendo, tanto adesso mettiamo a disposizione i Centri per l'impiego per individuare figure di lavoratori che vadano a fare quel mestiere perché non si trova quasi più nessuno" ha spiegato infatti Bonaccini, aggiungendo: "Mi verrebbe persino da dire che chi prende il reddito di cittadinanza può cominciare ad andare a lavorare lì così restituisce un po' quello che prende".

A cura di Antonio Palma
16 Aprile
20:15

Ultime notizie Coronavirus, la Slovenia verso l'allentamento delle misure restrittive

In Slovenia il governo, alla luce di dati incoraggianti fra calo dei contagi e decessi in frenata, ha approvato un decreto per allentare alcune misure restrittive, autorizzando taluni sport, senza però partecipazione di pubblico, lavori di manutenzione e stagionali su terreni privati al di fuori del comune di residenza. Al vaglio dell'esecutivo anche altre aperture nei servizi e nelle attività commerciali, in linea con i nuovi dati e le indicazioni del comitato consultivo degli esperti. Secondo quanto riferito dal portavoce dell'unità di crisi del governo, Jelko Kacin, tuttavia nessuna decisione a breve termine sarà presa sulla riapertura di scuole, asili, università e sul trasporto pubblico. Intanto gli ultimi dati aggiornati parlano di nessun decesso e 21 nuovi casi di positività al coronavirus nelle ultime 24 ore, a fronte di 1023 test, per un totale di 1.268 persone infette. Il numero delle vittime resta fermo a 61.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
19:38

La Gran Bretagna sulla pandemia: "La Cina dovrà rispondere a domande difficili"

Il governo britannico intende rivolgere "domande difficili alla Cina" quando l'emergenza Coronavirus sarà passata su "come tutto questo sia accaduto" e "come non si sia potuto fermarlo prima". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Dominic Raab, supplente del premier Boris Johnson, sollecitato da un giornalista nella conferenza stampa di giornata a Downing Street. Raab ha sottolineato la buona collaborazione sanitaria con Pechino in queste settimane, notando che "bisogna guardare tutti i lati" della questione, ma ha aggiunto che occorrerà "un approfondimento accurato" su tutto a tempo debito, incluso "l'esplosione dell'epidemia", e che "non c'è dubbio" che non si potrà tornare semplicemente "al business as usual".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
19:28

ISS: "Allo studio mix di misure per riaprire senza influire sull'indice di trasmissione del virus"

Per passare alla fase 2 è "allo studio" del Comitato tecnico-scientifico "un mix di misure che consentano di togliere alcune restrizioni. Il nostro faro guida è mantenere il cosiddetto R con 0", cioè l'indice di trasmissione del virus, "sotto l'uno, perché altrimenti avremmo una ripartenza della circolazione del virus". Lo ha detto Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità, in conferenza stampa alla Protezione civile. Fondamentale, dunque, è ripartire adottando "un mix di provvedimenti come il monitoraggio stretto e la capacità di tracciare velocemente i casi positivi e i contatti". La raccomandazione resta quella di "essere molto cauti per evitare che ci sia anche una ripartenza della curva dei contagi".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
19:11

ISS: "Dati confermano trend decrescente ma siamo lontani dall'immunità di gregge"

"Siamo in un trend discendente, con le curve dei contagiati, dei ricoverati e dei deceduti che hanno uno sfalsamento temporale e che trovano evidenza anche nei dati giornalieri". Lo ha detto il presidente dell'Iss Silvio Brusaferro in conferenza stampa alla Protezione Civile commentando il bollettino giornaliero dell'emergenza Coronavirus in Italia. Tuttavia, ha aggiunto Brusaferro, "il 90 per cento delle persone, in Lombardia un po’ di meno, è ancora suscettibile al contagio, ma per raggiungere l’immunità di gregge bisogna avere tra il 60 e il 70 per cento delle popolazione che è immunizzata". Per questo, ha concluso, "se non siamo molto puntuali nell’adottare le raccomandazioni la circolazione del virus può riprendere in maniera più intensa".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
18:38

Lo Stato di New York proroga il lockdown fino al 15 maggio

Lo Stato di New York resterà chiuso fino al 15 maggio. Il governatore Andrew Cuomo ha infatti deciso di prolungare il lockdown con le chiusure delle attività non essenziali per il prossimo mese, malgrado il pressing di Donald Trump.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
18:22

Nel Regno Unito lockdown prorogato per altre tre settimane: "Evitare secondo picco"

Le misure di lockdown nel Regno Unito devono rimanere in vigore per altre tre settimane. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri e premier sostituto del premier Johnson, Dominic Raab, in un breifing a Downing Street. Raab ha confermato che le misure di distanziamento sociale stanno funzionando nel rallentare la diffusione del virus, ma alleggerirle significherebbe rischiare un secondo picco. Downing Street ha anche spiegato che non chiederà alla Ue un’estensione alla Brexit in scadenza il 31 dicembre.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
18:16

Borrelli: "In Italia 168.941 contagiati di cui 40.164 guariti e 22.170 morti"

In Italia i contagi complessivi da nuovo Coronavirus sono 168.941 (+ 3786 rispetto a ieri), di cui 40.164 guariti (+ 2072) e 22.170 decessi (+ 525). Sono questi i numeri del bollettino aggiornato dell'emergenza Covid-19 nel nostro Paese appena comunicati dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, nel punto stampa delle 18.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
18:08

Bollettino Coronavirus Lombardia: "63.094 contagi da Coronavirus e 11.608 morti"

In Lombardia salgono a 63.094 i casi di contagio da Coronavirus accertati, in aumento di 941 unità rispetto a ieri quando erano 62.153. E' quanto emerso dal bollettino di oggi dell'emergenza Covid-19 a livello regionale. Le persone ricoverate in ospedale sono 11.356, con una riduzione di 687 pazienti rispetto a ieri quando il numero era di 12.043. Cala ancora il numero delle persone curate in terapia intensiva: sono 1.032 in totale (- 42 unità rispetto a ieri). Cresce il numero totale dei dimessi, arrivato a quota 18.396, ma purtroppo anche quello dei decessi, giunti a 11.608, con un aumento di 231 unità in 24 ore. In totale sono stati effettuati 232.674 tamponi.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
17:32

Negli Stati Uniti sono già finiti 349 miliardi di aiuti alle piccole imprese

Il programma per prestiti di emergenza alle piccole imprese Usa, inserito nel pacchetto di stimolo da 2.200 miliardi di dollari, ha già esaurito i 349 miliardi di dollari a sua disposizione. Lo ha reso noto la Small Business Association con un messaggio pubblicato sul suo sito in cui afferma di non poter accettare "nuove domande per il Paycheck Protection Program" a causa della mancanza di disponibilità di fondi, che sono finiti in meno di due settimane dall'attivazione. Al Congresso, intanto, sono in corso i negoziati tra democratici, repubblicani ed amministrazione Trump per un ulteriore intervento a sostegno dell'economia Usa travolta dalle conseguenze del Coronavirus: nelle ultime quattro settimane il numero delle domande di sussidi di disoccupazione ha raggiunto quota 22 milioni.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
17:25

La procura di Genova indaga per epidemia colposa: "Troppo scostamento tra dati"

La procura di Genova ha aperto un fascicolo, a carico di ignoti, per epidemia colposa. "E' una indagine esplorativa – ha spiegato il procurato capo Francesco Cozzi -. Abbiamo notato uno scostamento tra i dati dell'epidemia in sé e i dati dei morti e contagiati in questo mese e mezzo. Bisognerà studiare se ciò è una conseguenza normale della pandemia o se l'anomalia forte è stata accompagnata da comportamenti gravemente imprudenti e imperiti".

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
17:10

Altri 861 morti in Regno Unito nelle ultime 24 ore, oltre 100.000 casi

Torna a salire oltre il picco di 800 il numero di morti da coronavirus registrati nei soli ospedali del Regno Unito nelle ultime 24 ore, con altri 861 decessi: sotto il record di 980 toccato la settimana scorsa, ma più dei 761 di ieri e del totale giornaliero indicato finora da altri Paesi europei. Lo certificano i dati diffusi oggi del dicastero della Sanità, portando la somma censita nel Paese a 13.839 vittime. I contagi diagnosticati superano intanto ora quota 103.000, con una curva d'aumento stabile.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
16:50

Negli Stati Uniti superate le 30mila vittime per Coronavirus

Sono 30.990 le persone morte negli Stati Uniti di Coronavirus, secondo il conteggio della Johns Hopkins University. Gli Usa restano il Paese più colpito al mondo dalla pandemia di Covid-19 davanti all'Italia (21.645 vittime), la Spagna (19.130) e la Francia (17.167) per numero di vittime. I casi positivi al nuovo Coronavirus in totale in Usa hanno raggiunto i 639.733.

A cura di Ida Artiaco
16 Aprile
16:30

In Italia sono morti 127 medici per colpa del Coronavirus

Altri tre medici hanno perso la vita per l'epidemia di Covid-19. Sono, fa sapere la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), Alberto Guidetti (ginecologo), Alberto Omo (direttore sanitario casa di riposo) e Giancarlo Buccheri (medico antroposofo). A loro si sono aggiunti Pietro Bellini (medico di famiglia) e Renzo Mattei (medico in pensione). Il totale dei decessi sale così a 127. Ad oggi, sono deceduti per l'infezione da Covid-19 anche 31 infermieri e 9 farmacisti. Oggi è morta anche un'ostetrica nel napoletano.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
16:22

Inps proroga congedo parentale al 3 maggio

 Il congedo parentale speciale per i genitori lavoratori che hanno i figli a casa a causa della chiusura delle scuole per l'emergenza Coronavirus è stato prorogato fino al 3 maggio. Lo precisa l'Inps. "A seguito del D.P.C.M. del 10 aprile 2020, che ha previsto l'ulteriore proroga del periodo di sospensione dei servizi educativi per l'infanzia e delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado, – si legge in una nota – sono prorogati fino al 3 maggio 2020 anche i termini per la fruizione dei quindici giorni di congedo per emergenza Covid-19 per la cura dei figli".

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
16:03

668 positivi su una portaerei nucleare francese: più di un terzo delle persone a bordo

668 marinai casi di contagio sulla portaerei nucleare Charles de Gaulle. Secondo gli ultimi dati del ministero della Difesa su 1767, oltre un terzo, sono positivi al Covid-19, e il loro numero è destinato a crescere perché mancano ancora i risultati del 30% dei test. La nave, che si trovava nell'Atlantico non lontano dal Portogallo, è rientrata domenica a Tolone

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
15:49

Sicilia: "Siamo a contrari allo stop oltre il 3 maggio"

"Il premier Conte ha chiesto alle Regioni di condividere con i ministeri competenti eventuali scelte di anticipare riaperture di attività. Valutiamo l'ipotesi che lo Stato propenda di andare oltre al 3 maggio, mentre la nostra posizione è che non si può andare oltre a quella data, perché in Sicilia ci troviamo in una condizione epidemiologica diversa da quella di altre regioni". Queste le parole dell'assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, all'Assemblea siciliana.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
15:41

Veneto, il governatore Zaia: "4 maggio si apre, forse anche prima"

"Se ci sono i presupposti di natura sanitaria dal mondo scientifico, dal 4 maggio o anche prima si può aprire con tutto". Lo ha detto il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, aggiungendo che "dal 4 maggio dobbiamo essere tutti pronti con dispositivi, regole, ovviamente negoziati con il mondo delle parti sociali e quello dei datori di lavoro. A me risulta che questo lavoro si stia facendo a livello nazionale con questa prospettiva. Non escludo che alcune attività possono essere anche messe in una griglia di partenza, magari, un po' prima. Immagino che la dead line sia il 4 maggio" aggiunge il governatore.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
15:24

USA, allarme lavoro: 5,2 milioni di richieste di sussidi di disoccupazione

Le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana si sono attestate 5,24 milioni dopo i 6,61 milioni della settimana precedente. Complessivamente 22 milioni di americani hanno chiesto i sussidi nelle ultime 4 settimane. 22 milioni sono circa il numero netto dei posti creati in nove anni e mezzo di ripresa iniziata alla fine dell'ultima recessione nel 2009 fino all'arrivo della pandemia.

In diverse città degli States, ci sono state proteste per chiedere la fine del lockdown. In particolare, in Michigan migliaia di cittadini hanno dato vita alla cosiddetta ”Operazione Ingorgo’.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
14:53

Morto l'ex boss di mafia, diventato collaboratore di giustizia, Francesco Di Carlo

Una polmonite da Coronavirus ha ucciso il boss di mafia, diventato collaboratore di giustizia, Francesco Di Carlo. Nato a Altofonte (Pa), storico narcotrafficante di Cosa nostra, per anni è stato detenuto in Regno Unito dove aveva gestito traffici di cocaina per miliardi di sterline. Nel 1996 iniziò la collaborazione con la giustizia italiana diventando tra i grandi accusatori dell'ex senatore di Forza Italia Marcello Dell'Utri che indicò come il mediatore dei rapporti che l'ex premier Silvio Berlusconi avrebbe avuto con la mafia. Un altro pentito, Francesco Marino Mannoia, affermò che Di Carlo aveva ucciso il banchiere Roberto Calvi.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
14:20

Coronavirus, in Giappone stato emergenza esteso a tutto il Paese

Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha allargato lo stato d’emergenza a tutto il Giappone. Ad annunciarlo è stato lo stesso premier. Precedentemente lo stato d’emergenza era limitato a Tokyo, Osaka e altre cinque prefetture. Finora il Giappone ha registrato 9.294 casi di contagio, ancora molto al di sotto dei livelli negli Stati Uniti e in Europa. Ora Abe ha dichiarato che bisogna ridurre i contatti tra le persone del 70-80 per cento.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
14:15

31 infermieri morti dall'inizio dell'emergenza, 32% erano in Rsa

Sale a 31, con una nuova vittima oggi, il numero degli infermieri morti per Coronavirus, di cui il 32% prestava servizio nelle Rsa (residenze sanitarie assistenziali). Lo rende noto la Federazione degli ordini infermieristici (Fnopi) sottolineando che proprio nelle Rsa "mancavano maggiormente i dispositivi individuali di sicurezza". Fnopi indica anche che il 50% degli infermieri morti lavorava in strutture sul territorio e non in ospedale. Ad oggi sono 8.600 gli infermieri contagiati.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
14:10

L’appello della Cei: “Autorizzate funerali, battesimi e matrimoni”

"Torniamo nelle chiese, in tanti ne hanno bisogno". Questa è la richiesta del sottosegretario della Conferenza episcopale italiana don Ivan Maffeis. Proposto "un pacchetto di proposte" che verrà illustrato questa settimana al governo: previsti l’impiego di volontari, la restrizione del numero di presenti e la partecipazione alle cerimonie solo di parenti stretti. "Sappiamo tutti che il 4 maggio – dice Maffeis – l'emergenza non sarà finita ma se aspettiamo che finisca l'emergenza possiamo mettere in soffitta per sempre la vita ecclesiale. Per questo chiediamo che ci venga riconosciuta la possibilità di riprendere, certamente senza sconti, sarebbe irresponsabile. Però noi chiediamo che venga data una risposta alle attese di tanta gente".

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
13:04

Le scuse della Von der Leyen all'Italia

"E' vero che molti erano assenti quando l'Italia ha avuto bisogno di aiuto all'inizio di questa pandemia. Ed è vero, l'Ue ora deve presentare una scusa sentita all'Italia, e lo fa. Ma le scuse valgono solo se si cambia comportamento. C'è voluto molto tempo perché tutti capissero che dobbiamo proteggerci a vicenda. Ma ora Ue è il cuore pulsante dell'Ue". Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo intervento al Parlamento europeo.

"Abbiate coraggio di difendere l'Unione europea. Perché questa nostra Unione ci porterà" oltre la crisi. "E domani sarà forte nella misura in cui" ci impegniamo per lei oggi. "Se vi occorre ispirazione, guardate ai cittadini europei, che stanno insieme, con empatia, umiltà e umanità. Rendo omaggio a tutti loro", ha sottolineato la presidente della Commissione europea.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
12:58

In Corea del Sud 141 persone sono tornate positive al Coronavirus

Preoccupa quanto sta avvenendo in Corea del Sud (che conta 229 vittime e oltre 10mila contagi), dove il Korea Centers for Disease Control and Prevention (KCDC) ha fatto sapere che 141 persone giudicate completamente guarite sono risultate poi di nuovo positive al Coronavirus e, sottolineano, tra queste 34 sono ventenni.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
12:51

In Spagna oltre 19mila vittime, 551 nelle ultime 24 ore

La Spagna ha registrato 551 decessi causati dal Coronavirus nelle ultime 24 ore per un totale di 19.130 morti. Il numero dei decessi registrati quotidianamente è aumentato rispetto al giorno prima (523) ma resta paragonabile a quello degli ultimi giorni, ha annunciato il ministero della Salute. Il numero totale delle persone contagiate nel paese è di 182.816, contro le 177.633 di ieri.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
12:27

Ministro Catalfo: "Con decreto Cura Italia tutelati 19 milioni lavoratori"

"Con il decreto Cura Italia, abbiamo tutelato quasi 19 milioni di lavoratori". Lo ha detto la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, nel corso dell'informativa urgente sull'emergenza Covid-19 in Aula alla Camera.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
11:50

Oms Europa: "Siamo ancora in mezzo alla tempesta"

 "Non bisogna commettere errori adesso. Nonostante sia arrivata la primavera siamo ancora nel bel mezzo della tempesta". Lo ha detto il direttore generale dell'Oms Europa, Hans Kluge in una conferenza stampa sulla pandemia di coronavirus in Europa. "Alcuni Paesi devono ancora vivere l'impatto più forte, mentre in altri c'è un momento di calma con il numero di nuovi casi di Covid-19 che diminuisce", ha aggiunto.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
11:28

Un altro decesso tra i medici: sono 122 i 'camici bianchi' uccisi dal Coronavirus in Italia

Un altro medico è morto per l'epidemia di Covid-19. Si chiamava Arrigo Moglia, neurologo. Sono dunque 122 decessi tra i camici bianchi. Lo rende noto la Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo), che aggiorna costantemente la lista dei decessi includendo medici in attività, pensionati e medici pensionati richiamati in attività o comunque impegnati nell'emergenza.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
11:10

Sileri (Sottosegretario Salute): "Mascherine devono avere prezzo fisso"

L'uso della mascherina "sarà fondamentale, credo debba essere fornita dallo Stato e il prezzo debba essere non solo calmierato, ma direi un prezzo fisso". Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri a Radio Cusano Tv Italia. "Ora abbiamo iniziato una produzione anche in Italia quindi il numero di mascherine è crescente. Ho girato molto nel Lazio e problemi di mascherine non ce ne sono. Ora con la fase due ovviamente – sottolinea – deve esserci un aumento della distribuzione".

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
11:03

Il Coronavirus ha ucciso Luis Sepulveda

Lo scrittore cilenao Luis Sepulveda è morto di Coronavirus. A dare la notizia El Paìs. Lo scrittore si era ammalato di Covid 19 qualche settimana fa ed era stato oggetto di diverse fake news sul suo stato di salute.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
10:52

Scontro su riapertura Lombardia tra regione e governo

La regione più colpita dal coronavirus spinge per la riapertura, ma il governo tira i freni. La Lombardia ha infatti chiesto di riavviare tutto con una serie di misure precauzionali come l’uso della mascherina, il distanziamento e gli ingressi scaglionati al lavoro. Palazzo Chigi non ha gradito. Il viceministro Stefano Buffagni ha definito il progetto di Attilio Fontana “un errore” perché “andare in ordine sparso rischia di alimentare confusione nei cittadini e nelle imprese”. Nella tarda serata di mercoledì il governatore lombardo ha fatto in parte marcia indietro: “Non ci permettiamo di parlare di attività produttive, che sono una questione di esclusiva competenza del governo centrale”.

A cura di Biagio Chiariello
16 Aprile
10:16

L’appello di Zingaretti sulla fase due: “Regole nazionali, no a furbizie delle Regioni"

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, chiede responsabilità a tutte le forze di maggioranza che dovranno decidere sulla fase due e alle singole Regioni: “L’uscita dal lockdown deve avvenire, ma avvenga dentro tempi e regole nazionali da individuare in fretta senza furbizie. Cos’altro deve accadere per capire che i nostri destini di italiani e di europei sono legati?”, si chiede il segretario dem. Zingaretti prosegue, nel suo post su Facebook: “E che ciò che accade a una Regione condiziona pesantemente ciò che accade su tutto il resto del Paese? Errare è umano, perseverare è diabolico”.

A cura di Stefano Rizzuti
16 Aprile
09:45

L'ira di Walter Ricciardi: "Si credono tutti epidemiologi senza aver studiato"

Walter Ricciardi, membro dell'esecutivo dell'Oms e consulente del Ministro della Salute Roberto Speranza nell'emergenza coronavirus. si sfoga sulla sua pagina Twitter: "Formare un epidemiologo è una delle cose più lunghe e difficili che si possano fare, ma in quattro mesi di epidemia ho visto economisti, sociologi, giornalisti, clinici, psicologi, manager, e politici acquisire incredibili capacità senza mai aver frequentato nemmeno un corso breve".

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
09:40

Il coronavirus si trasmette 2/3 giorni prima della comparsa dei sintomi

Le persone che hanno contratto il coronavirus possono cominciare a emettere particelle del virus SarsCoV2, e quindi essere contagiosi, da due a tre giorni prima di manifestare i sintomi della malattia. Lo rivela la ricerca pubblicata sulla rivista Nature Medicine e condotta dall'Università di Hong Kong. I ricercatori, coordinati da Eric Lau, ritengono che le misure di controllo dovrebbero essere calibrate tenendo contro di una "considerevole trasmissione asintomatica".

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
09:28

Sessantacinquemila aziende hanno ripreso la produzione senza nessun permesso

65mila aziende hanno già ripreso a lavorare in tutta Italia pur senza avere nessun permesso. Imprese e negozi hanno chiesto alle prefetture di tornare in attività in deroga ai divieti, non hanno ottenuto risposta entro 30 giorni e hanno comunque riaperto. A comunicarlo è stato il Viminale in seguito alle denunce fatte nei giorni scorsi dai sindacati.

Come spiega il Corriere "tra le industrie che avrebbero ricominciato a produrre ce ne sono alcune specializzate nella fabbricazione e distribuzione di attrezzi per l’attività fisica. E dunque cyclette, tapis roulant, panche, vogatori e tutto quello che serve alla riabilitazione di pazienti e anziani. La motivazione inserita nelle istanze trasmesse ai prefetti giustifica questa ripartenza proprio con la necessità di garantire le consegne nelle case di cura e di riposo".

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
08:52

Coronavirus, ultime notizie. Sileri: "Riapertura il 4 maggio? Sono ottimista"

Intervistato da Radio Cusano Tv il sottosegretario alla salute Pierpaolo Sileri ha dichiarato: "Fase due? Sulla data del 4 maggio sono molto ottimista. Credo che i contagi continueranno a diminuire nelle prossime settimane, ma il contagio zero non è possibile finché il virus circola. La riapertura va programmata non immediata su tutto, ma scaglionata e con tutte le misure di sicurezza necessarie".

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
08:48

Calano ancora i contagi importati in Cina

Scendono per il terzo giorno consecutivo i casi di contagio da coronavirus importati in Cina, a quota 34 contro i 36 di ieri, mentre aumenta lievemente il numero di contagi a livello locale, a quota 12, tre dei quali nella capitale cinese. Dei 34 casi importati, sedici sono stati individuati nella provincia nord-orientale dello Heilongjiang, che dalla settimana scorsa ha visto un aumento di contagi dovuto al rientro nel Paese di propri connazionali dalla Russia. Nella giornata di ieri si sono registrati 46 nuovi casi di contagio in Cina, allo stesso livello di martedi': cresce, invece, il numero dei casi asintomatici, che non vengono conteggiati assieme a quelli accertati, a quota 64, contro i 57 del giorno precedente. In totale, dall'inizio dell'epidemia, i casi di contagio in Cina sono stati 82.341 e 3.342 i decessi.

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
08:40

Yanis Varoufakis: “Eurobond essenziali. Senza l'Eurozona morirà"

In un'intervista rilasciata a Fanpage.it l'ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis, ora leader del partito transeuroepeo Diem25, ha duramente criticato la gestione degli aiuti economici da parte dell'Unione Europea: “Da questi leader non ci si può aspettare nessuna idea progressista. L’Italia dovrebbe mettere il veto sul Mes e su tutto il pacchetto di aiuti contro la crisi da Coronavirus. Gli Eurobond? Essenziali. Senza di loro l'Eurozona morirà o diventerà una gabbia crudele di austerità in cui il nostro popolo languirà".

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
08:16

L'allarme dell'Oms, Ranieri Guerra: "Massacro nelle Rsa"

Ranieri Guerra, dell'Organizzazione mondiale della Sanità, definisce un "massacro" quanto accaduto nelle Residenze sanitarie assistenziali, dove moltissimi anziani sono morti a causa del coronavirus. "Il massacro nelle Rsa deve essere un'occasione da non disperdere per ripensare ad assistenza e cura. L'Oms chiede al governo cosa è successo e come mai". L'Oms chiede quindi spiegazioni al governo e Ranieri Guerra sottolinea la necessità di "ripensare e rivedere un adeguamento progressivo non solo basato su standard di cura ma di percorsi di presa in carico e integrazione socio-sanitaria e comprensione di una popolazione che invecchia e che ha bisogno di qualcosa che risponde a un bisogno e non di metratura quadrata pro capite".

A cura di Annalisa Girardi
16 Aprile
07:51

USA, Trump: "Abbiamo raggiunto il picco di contagi, riapriremo prima di maggio"

Donald Trump
Donald Trump

Gli Stati Uniti potrebbero aver superato il picco dei contagi. A dichiararlo il Presidente Donald Trump, mentre nel paese sono stati certificati 639.628 positivi al cocid-19 e 30.980 morti. Il capo della Casa Bianca ha continuato ad attaccare l'Organizzazione Mondiale della Sanità: "Hanno fatto un orribile, tragico errore" nella gestione della pandemia di coronavirus "o forse sapevano cosa stava succedendo": Trump ha rilanciato il suo attacco all'Oms dopo aver sospeso i finanziamenti in attesa dall'esito dell'inchiesta Usa sulla risposta dell'agenzia Onu al coronavirus. "Hanno trattato gli Usa molto male a favore della Cina", ha aggiunto.

Il presidente ha annunciato inoltre che oggi svelerà le "direttive" per "riaprire" l'economia americana. "Riapriremo alcuni Stati prima di altri e penso che alcuni Stati possano davvero riaprire prima del primo maggio", ha proseguito, riferendosi alla scadenza delle linee guida per il distanziamento sociale.

A cura di Davide Falcioni
16 Aprile
07:43

Ministra Bonetti: "Bambini soffrono quarantena. Lasciamoli giocare all'aperto nei parchi, a turno"

La ministra per la Famiglia e le Pari, Elena Bonetti, opportunità lancia un appello affinché sia concesso ai bambini uscire all'aria aperta dopo oltre un mese di lockdown: "Bisogna fare in fretta. I bambini e gli adolescenti hanno il diritto di riconquistare luoghi di gioco, di movimento e di aria. Dobbiamo predisporre, quando sarà possibile riaprire, spazi all’aperto con un controllo dei flussi. Penso a giardini con volontari che regolino gli ingressi, per nuclei familiari ad esempio. Penso ad aree sportive dove due fratelli possano giocare a pallone o piccoli gruppi di bambini, ben distanziati, possano fare delle attività motorie e ludiche", afferma in un'intervista a Repubblica.

"In gioco c’è la loro salute, fisica e psichica", sottolinea la ministra, ricordando un'analisi dell'Istat secondo cui il 40% dei bambini e ragazzi vivono in case sovraffollate e inadeguate. "Iniziano a soffrire moltissimo la quarantena. Nell’emergenza è stato giusto chiedere un sacrificio", prosegue, ma adesso "è responsabilità della politica ridefinire gli spazi". Quindi Bonetti annuncia: "Ho deciso di stanziare per adesso cinque milioni di euro da assegnare, tramite bandi, a progetti che ripensino il gioco dei ragazzi in modo sicuro". E aggiunge di aver proposto, nel decreto di aprile un assegno universale mensile per ogni figlio, in modo che le famiglie siano sostenute nel ruolo educativo, oltre all'estensione di altri 15 giorni del congedo parentale straordinario.

A cura di Annalisa Girardi
16 Aprile
07:00

Coronavirus, la diretta e le notizie di giovedì 16 aprile

Ad oggi, 16 aprile 2020, sono 165.155 i pazienti affetti da Coronavirus in Italia, di cui 38.092 guariti e 21.645 decessi stando all'ultimo bollettino diffuso dalla Protezione Civile. La Lombardia continua a essere la regione con il numero maggiore di casi Covid positivi, seguita da Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Il trend dei contagi è in calo in tutte le Regioni, ma i dati evidenziano anche la difficoltà di arginare il virus nelle grandi città. Ecco i dati aggiornati sui contagi regione per regione:

Lombardia: 62.153

Emilia Romagna: 21.029

Piemonte: 18.229

Veneto: 14.624

Toscana: 7.666

Liguria: 5.936

Marche: 5.503

Lazio: 5.232

Campania: 3.807

Puglia: 3.184

Trento: 3.220

Friuli VG: 2.544

Sicilia: 2.535

Abruzzo: 2.274

Bolzano: 2.224

Umbria: 1.322

Sardegna: 1.161

Calabria: 971

Valle D'Aosta: 958

Basilicata: 320

Molise: 263

Mentre continua il lockdown dell'Italia fino al 3 maggio, aumentano le ipotesi sulla Fase 2 del contagio a partire dal 4 maggio: oltre alle uscite scaglionate per età e al distanziamento sociale, si ragiona sulla possibilità di riaprire inizialmente le aree con una minore densità di fabbriche. Le scuole con ogni probabilità ripartiranno direttamente a settembre. Al via da subito invece la sperimentazione dei test sierologici dopo l'autorizzazione da parte del comitato tecnico scientifico.

Il Governo vaglia intanto le misure economiche del decreto previsto per il mese di aprile, contenente ulteriori aiuti a famiglie e imprese che integrano i decreti precedentemente emanati, tra cui spunta l'ipotesi di un bonus vacanze per le famiglie italiane. Il 24 aprile alla Camera verrà votato l'eventuale scostamento dal bilancio al fine di consentire l'erogazione di fondi a copertura delle nuove misure. Prosegue il dibattito interno a maggioranza e opposizione sul MES e sull'opportunità di utilizzare il Meccanismo Europeo di Stabilità a sostegno dell'emergenza Coronavirus in Italia ed Europa. Mario Centeno, presidente dell'Eurogruppo, ha dichiarato alla stampa di non escludere gli Eurobond, ma che essi non siano necessariamente la risposta all'emergenza sanitaria in atto.

Sono più di due milioni i contagi da Coronavirus nel mondo, e aumenta il numero dei casi negli Stati Uniti. Più di 600mila i casi di Covid negli USA con oltre 20mila morti, di cui più di un terzo nello Stato di New York, tra i focolai attualmente più pericolosi al mondo. Donald Trump ha dichiarato di voler sospendere i fondi all'Organizzazione Mondiale della Sanità, accusata di essere "filocinese". Cresce anche il numero dei contagi in America Latina e in particolare in Brasile, dove si trovano quasi un terzo dei casi e più del 50% dei morti. Aumentano i contagi anche in Europa e in Germania, in particolar modo nel Laender della Baviera. Intanto la Danimarca è il primo Paese europeo che ha scelto di riaprire le scuole dopo il lockdown.

A cura di Quale Compro Team
595 CONDIVISIONI
31032 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni