22 febbraio 07:22 Coronavirus, atterrato l’aereo con italiani della Diamond Princess

Sono tornati in Italia i passeggeri della Diamond Princess, la nave da crociera bloccata per settimane in Giappone per l'epidemia di Coronavirus,. L'aero speciale dell'aeronautica miliare, decollato ieri pomeriggio da Yokohama, infatti, è atterrato in queste ore all'aeroporto di Pratica di Mare. Per tutti i passeggeri a bordo è previsto un periodo di quarantena come accaduto ai nostri connazionali di ritorno da Wuhan.

22 febbraio 01:06 Un nuovo contagiato a Cremona. I casi accertati diventano 18

Un nuovo contagiato è stato registrato nella notte a Cremona. I casi accertati sono così 18. Ne dà notizia l'agenzia AdnKronos. Sarebbe stato individuato presso l'Ospedale Civile. Si tratterebbe di un paziente ricoverato da 5 giorni nel reparto di pneumologia. Salgono così a 18 i casi accertati in Italia, due in Veneto – con il primo decesso nel nostro Paese, il muratore 77enne Adriano Trevisan – e 16 in Lombardia.

22 febbraio 00:40 Coronavirus, morto uno dei due contagiati in Veneto: aveva 77 anni

E' morto all'ospedale di Schiavonia (Padova) uno dei due pazienti veneti positivi al Coronavirus. Si tratta della prima vittima in Italia. Lo conferma il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia. Adriano Trevisan, 77 anni, in pensione, era ricoverato già da una decina di giorni per precedenti patologie.  L'uomo, ex titolare di una piccola impresa edile, aveva tre figli, una delle quali era stata sindaco di Vo' Euganeo.

22 febbraio 00:26 Coronavirus, Conte: “Adottate misure di massima precauzione. Costante monitoraggio”

"Abbiamo adottato tutte le misure di massimo livello precauzionale, quindi francamente non è questo il momento per sollevare perplessità": lo ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte dopo la riunione del Comitato operativo della Protezione civile. "Serve costante monitoraggio", ha continuato il premier, non escludendo la possibilità di rivedere le misure prese "per renderle più efficaci". "Siamo disponibili ad adottare ulteriori misure ove necessario, misure per isolare e mettere in quarantena tutte le persone venute in contatto" con i casi certificati di Coronavirus.

21 febbraio 23:14 Coronavirus, cominciato alla Protezione civile il vertice di governo con Conte e Di Maio

E' cominciato alla Protezione civile il vertice di Governo sull'emergenza Coronavirus dopo la conferma di 17 casi positivi in Italia oggi, tra Lombardia e Veneto. Presenti il premier Giuseppe Conte, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, il ministro della Salute Roberto Speranza e il capo della Protezione civile Borrelli.

21 febbraio 21:59 Emergenza Coronavirus, domani scuole chiuse anche a Noventa Vicentina

Domani, sabato 22 febbraio, resteranno chiuse le scuole a Noventa Vicentina, comune che si trova a pochi passi da Vo' Euganeo, il comune di residenza dei due contagiata da Coronavirus Covid-19 in Veneto. "Dopo essermi consultato con le autorità scolastica e sanitaria e considerate le misure adottate dai comuni padovani limitrofi al nostro, le nostre scuole domani, sabato 22 febbraio, rimarranno chiuse – ha spiegato il primo cittadino Mattia Veronese -. Vo' Euganeo è blindata e anche il sindaco di Lozzo Atestino, sui Colli Euganei, ha deciso la chiusura delle classi. Sono a conoscenza che altre Amministrazioni stanno valutando questa misura cautelativa per la sicurezza degli studenti".

21 febbraio 21:46 Coronavirus, negativa la donna ricoverata a Piacenza e collega del primo paziente in Lombardia

Negativa al Coronavirus Covid-19: non c'è nessun caso di contagio a Piacenza, dal momento che la paziente sospetta, ricoverata questa mattina nel reparto di malattie infettive dell'Ospedale cittadino, sta bene e non è stata infettata dal nuovo virus, come confermato dalle analisi effettuate sul tampone presso laboratorio di riferimento regionale del Sant'Orsola di Bologna. La donna è collega del primo paziente risultato positivo, il 38enne del Lodigiano e dipendente dell'Unilever di Lodi.

21 febbraio 21:28 Coronavirus, arriva la conferma: chiuse scuole e negozi a Vo’ Euganeo. Vietate le messe

Il governatore del Veneto, Luca Zaia, lo aveva annunciato qualche ora fa, ma ora è arrivata la conferma ufficiale: domani, sabato 22 febbraio, resteranno chiuse scuole, uffici e negozi a Vo' Euganeo, il comune di residenza dei due anziani risultati positivi al Coronavirus Covid-19, in attesa di riscontri dall'ospedale Spallanzani di Roma. Tutto il comune del Padovano sarà isolato e saranno sottoposte a tampone circa 4200 persone per scongiurare il pericolo di ulteriori casi di infezione. Inoltre, sono sospese tutte le manifestazioni pubbliche, comprese quelle di natura religiosa, delle attività ludiche (anche le feste di Carnevale) e sportive. Decisa infine l'interdizione delle fermate dei mezzi pubblici e possibilità di screening per tutta la popolazione.

21 febbraio 21:08 Coronavirus in Veneto, Zaia: “Isolato il Comune dei contagiati. Tamponi per 4200 persone”

Il Comune di Vo' Euganeo, dove risiedono i due contagiati dal Coronavirus Covid-19, sarà isolato. Lo ha annunciato il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, al termine della riunione a Padova. "Un cordone sanitario attorno a Vo' Euganeo – ha sottolineato il governatore – con misure straordinarie in via preventiva. E' stato poi deciso di far fare il tampone a tutti i cittadini e a tutti quelli che si presenteranno in tutto il Veneto con sintomi compatibili. Per quanto riguarda Vo si tratta in totale di 4.200 persone tra cittadini, operatori sanitari dell'ospedale di Schiavoni", dove i due pazienti sono stati ricoverati per 15 giorni prima di essere trasferiti a Padova.

21 febbraio 20:36 Coronavirus, Conte: “Non siate preoccupati. Avevamo un piano e lo stiamo attuando”

Sui casi di Coronavirus Covid-19 in Italia "eravamo preparati, trattandosi di agenti virali facilmente trasmissibili. La popolazione non deve essere preoccupata, avevamo un piano e lo stiamo attuando". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte da Bruxelles, aggiungendo: "In questo momento non riteniamo necessario la sospensione del trattato di Schengen, ma siamo disponibili ad adottare qualsiasi misura per tutelare la salute dei cittadini". Il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: "Stiamo verificando tutti i casi delle persone che sono entrare in contatto con i contagiati, il numero potrebbe aumentare di qualche ulteriore caso. Non ce lo auguriamo, ma l'importante è circoscrivere e adottare tutte le misure per evitare la diffusione".

21 febbraio 20:13 Coornavirus, a Wuhan saranno costruiti 19 ospedali provvisori per far fronte all’emergenza

Wuhan, la città cinese focolaio dell'epidemia di Coronavirus, ha in programma di costruire altri 19 ospedali provvisori per ricevere o pazienti contagiati. Lo hanno reso le autorità locali, citate dall'agenzia stampa ufficiale Xinhua. A lavori conclusi, già martedì prossimo, tutti gli ospedali di emergenza a Wuhan offriranno 30 mila posti letto. A oggi, la Capitale della provincia dell'Hubei ha convertito 13 strutture esistenti in ospedali temporanei, sul modello di quelli realizzati a Pechino durante l'emergenza della Sars, con un totale di 13.348 posti letto e circa 9.313 posti letto sono stati utilizzati per trattare pazienti con sintomi lievi.

21 febbraio 19:46 Coronavirus, sabato 22 febbraio scuole chiuse a Piacenza: “Scelta precauzionale”

Scuole chiuse a Piacenza e provincia domani, sabato 22 febbraio, in via precauzionale, dopo i numerosi contagi avvenuti nel vicinissimo Basso Lodigiano nelle ultime ore. Lo ha deciso il Comune, insieme all'annullamento di quasi tutte le manifestazioni culturali e non solo. Intanto il dipartimento della Protezione civile ha individuato nell'aeroporto militare di San Damiano, in provincia di Piacenza nel comune di San Giorgio, la struttura in cui ricoverare, in caso di necessità, le persone che verranno sottoposte a quarantena.

21 febbraio 19:12 Coronavirus in Veneto, Zaia: “Virus maledetto. Un infetto è grave”. Chiuse scuole e negozi

I due pazienti risultati positivi al Coronavirus Covid-19 sono stati trasferiti dall'ospedale di Schiavonia e ricoverati in quello di Padova. Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia aggiungendo che "queste due persone hanno avuto contatti in loco, non sono andate in Cina, non sono il classico ‘caso sospetto'. Lavoriamo anche sul fronte dell'eventuale necessità di una struttura dedicata a eventuali contagiati, perché non sappiamo qual è l'entità del contagio". Il governatore ha anche sottolineato che "per noi le analisi sono positive, stiamo aspettando la conferma dallo Spallanzani, ho parlato più volte con Borrelli oggi pomeriggio Gli infetti sono due cittadini di Vo' Euganeo, uno del '42 e uno del '53, uno in condizioni critiche in terapia intensiva e ha sviluppato una malattia importante alle vie aeree ed era curato per una normale influenza".

Inoltre, sempre Zaia ha fatto sapere di aver parlato col sindaco di Vo' Euganeo per adottare tutte le misure: "Chiusura delle scuole, degli esercizi commerciali, cercando di ricostruire tutte le attività sociali e i contatti che queste persone hanno avuto per capire qual è il livello di cordone sanitario da mettere in atto. Non bisogna diffondere il panico – ha aggiunto – ma prima regola è l'isolamento". Il presidente del Veneto ha infine concluso affermando che "siamo molto preoccupati perché questo è un virus maledetto, è problematico e sorprende ora dopo ora. Le raccomandazioni sono sempre quelle: lavarsi le mani frequentemente, mi sento di dire anche di evitare luoghi affollati dove non c'è ricambio d'aria, perché il virus viene veicolato dal vapore acqueo e da piccole gocce di saliva. Quindi bisogna mantenere le distanze vitali di almeno un metro durante le discussioni con le persone

21 febbraio 19:05 Il ministro speranza annuncia nuove misure d’emergenza contro il Coronavirus in Italia

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato nuove misure d'emergenza contro il Coronavirus Covid-19 dopo i 14 casi positivi riscontrati in Lombardia e altri due in Veneto, anche se di quest'ultimi si attendono conferme. Si tratta di "un sistema di sorveglianza attiva per chi è stato nelle aree più a rischio segnalate dall'Oms. Ci sono già stati in Europa dei cluster, già visti in Germania e in Francia. L'Italia è pronta, avevamo preparato un piano perché era evidente che quanto accaduto poteva accadere. Ora si tratta di attuare il piano predisposto"

21 febbraio 18:52 Coronavirus, il sindaco di Padova ai cittadini: “Mantenere la calma”

"Mi rivolgo a tutti i cittadini padovani. Come Sindaco e come amministrazione stiamo seguendo con la più ampia attenzione il fenomeno del nuovo Coronavirus e dei possibili contagi". Comincia così il comunicato diramato da Sergio Giordani, primo cittadino di Padova dove sono stati segnalati due casi positivi al Coronavirus Covid-19, per i quali tuttavia, si aspettano riscontri dall'ospedale Spallanzani di Roma. "Siamo in costante contatto con le autorità sanitarie locali, con la Regione e anche io personalmente col Presidente Zaia e col dottor Scibetta. Il sistema di stretta sorveglianza a cascata è attivato ed è stato ben collaudato con l’epidemia SARS. Tutte le istituzioni sono allertate, coordinate e hanno le istruzioni corrette per come comportarsi con prontezza in caso di emergenza". Giordani ha poi aggiunto che "la Regione è in contatto con il ministero e con il commissario straordinario e a sua volta la Regione coordina i presidi sanitari locali costantemente. "Invito i cittadini ad informarsi solo tramite i canali ufficiali: sito Ulss e sito Regione Veneto. Siamo e sono personalmente pronto ad affrontare qualsiasi evenienza in contatto con le autorità competenti e col massimo impegno. Invito i cittadini ad avere fiducia nelle istituzioni, a mantenere la calma e a collaborare attivamente secondo le indicazioni fornite".

21 febbraio 18:42 Coronavirus, in Italia sale il numero dei contagi: 14 in Lombardia e 2 in Veneto

L'emergenza Coronavirus Covid-19 è arrivata anche in Italia. Sono aumentati i casi dei pazienti positivi al nuovo virus, il cui bilancio è arrivato a quota 16: 14 in Lombardia e due in Veneto, in provincia di Padova. Quest'ultimi, entrambi anziani, di cui uno in gravi condizioni, sono già stati isolati in ospedale e si attendono ora gli esiti di un secondo test a cui sono stati sottoposti e il cui tampone è stato inviato all'ospedale Spallanzani di Roma. Nel Lodigiano, invece, risultano infetti dal Covid-19 un uomo di 38 ani, la moglie incinta, il figlio di un barista di Castiglione d'Adda, tre clienti di uno stesso bar; sono inoltre risultate positive altre otto persone, fra cui 5 operatori sanitari e tre pazienti dell'ospedale di Codogno dove erano stati ricoverati i primi risultati contagiati. L'Oms nelle scorse ore si era detta preoccupata "per il numero di contagi che non hanno un chiaro collegamento epidemiologico". Intanto, sale ancora il bilancio di contagi e vittime nel resto del mondo. La situazione più grave è ancora in Cina, precisamente nella provincia dell'Hubei, epicentro dell'epidemia.