118 CONDIVISIONI
9 Dicembre 2022
18:59

La scuola Sant’Anna di Pisa cerca un braccio: “Serve un volontario per testare la nostra mano robotica”

Il progetto Myki ha costruito un arto robotico in grado di muoversi in modo intuitivo e naturale: manca solo un volontario per l’ultima fase di sperimentazione.
A cura di Elisabetta Rosso
118 CONDIVISIONI

Un cuore che cerca sente bene che qualcosa gli manca, scriveva Goethe, ma se si trattasse di una mano? Anche. Dentro i laboratori della scuola Sant’Anna di Pisa c’è un arto che cerca il suo braccio. Fa parte di un progetto molto più ampio che vuole sviluppare una mano robotica in grado di muoversi, in poche parole, come una umana. Per farlo, però, è necessario un volontario.

“Il progetto Myki ha sviluppato una protesi robotica naturale e intuitiva. È un’interfaccia innovativa, che si basa sull’impianto di magneti all’interno dei muscoli per sfruttare al meglio il controllo della protesi”, spiega a Fanpage.it la ricercatrice Marta Ghelardini, che segue il progetto sin dall'inizio. “Siamo entrati nell’ultima fase, dobbiamo solo sperimentarla”.

Il progetto Myki

Myki nasce nei laboratori dell’istituto di biorobotica della scuola Sant'Anna di Pisa, “la mano è stata realizzata dalla Scuola Superiore Sant’Anna e ingegnerizzata in collaborazione con la spin off Prensilia che sta lavorando per commercializzare la protesi entro il 2023”, spiega Ghelardini. “È stato possibile realizzarla grazie ai finanziamenti dell’European Research Council che ha distribuito un ERC Starting Grant”, i fondi per supportare progetti di ricerca ad alto rischio.

SCUOLA SANT’ANNA | La mano robotica progettata dai ricercatori
SCUOLA SANT’ANNA | La mano robotica progettata dai ricercatori

Il progetto prevede l’impianto di piccoli magneti a livello dei muscoli dell’avambraccio. A seguito dell’impianto, gli stimoli prodotti dalla contrazione muscolare si tradurranno in uno spostamento dei magneti che, a loro volta, attiveranno i movimenti della mano robotica.

“Stiamo sviluppando una nuova interfaccia uomo macchina per il controllo della protesi per gli arti superiori, quindi le mani”, i magneti sono fondamentali perché sono in grado di attivare tutti quei micro movimenti necessari per generare risposte immediate agli input.

La sperimentazione su persona

Il progetto è pronto per la fase finale: la sperimentazione su persona. L’interfaccia per il controllo della mano robotica sarà infatti testata in via temporanea su persone con amputazione dell’arto superiore a livello del polso o dell’avambraccio. “Questo tipo di interfaccia non è mai stato speriementato, stiamo cercando un volontario che per la prima volta provi questo tipo di interfaccia. È una prima prova che durerà sei settimane” spiega Ghelardini.

Prima di essere commercializzata infatti è necessario testare la mano robotica. “Serve una persona che abbia subito un’amputazione a livello dell'avambraccio e del polso, che sia di origine traumatica o congenita. Dopo la fase sperimentale, e se va tutto bene, la mano potrà essere disponibile".

L’appello sui social

@marcoilgiallino

Abbiamo bisogno di voi: la mano robotica è pronta e cerchiamo un volontario o volontaria per testarla. È la fase più delicata dell’esperimento, il successo significherebbe aiutare tante e tanti. Guarda il video e condivido con più persone possibile! La mail a cui scrivere è alla fine del video! #perte #neiperte #imparacontiktok

♬ suono originale – Marco Martinelli

Marco Martinelli, creator e divulgatore scientifico, ha scelto di sostenere il progetto e condividere sui social l’appello della mano in cerca di un braccio. “È una protesi innovativa, bisogna solo testarla”, spiega a Fanpage.it Martinelli che ha caricato un video su TikTok dove racconta i prossimi passi della mano robotica. “Ho riscontrato una grande disponibilità da parte delle persone, hanno diffuso e condiviso il messaggio dimostrando che i social e le community possono diventare una risorsa e avere un grande impatto”

“In molti mi hanno scritto su TikTok per sapere se potevano essere i candidati ideali chiaramente ho sempre consigliato a tutti di scrivere alla e-mail del progetto di riferimento per avere informazioni più dettagliate”. Sotto il suo video compaiono commenti entusiasti e domande per sapere di più sull’arto robotico: “Molti hanno taggato amici e conoscenti, in generale è stato un buon riscontro, ho visto molto interesse sul tema”.

118 CONDIVISIONI
Apple sceglie l'India per produrre gli iPhone 14, così la Cina diventa sempre più lontana
Apple sceglie l'India per produrre gli iPhone 14, così la Cina diventa sempre più lontana
Neuralink di Elon Musk è sotto indagine:
Neuralink di Elon Musk è sotto indagine: "Ha fatto soffrire centinaia di animali con i suoi test"
WhatsApp si prepara a lanciare i suoi avatar: come funzioneranno e dove si potranno usare
WhatsApp si prepara a lanciare i suoi avatar: come funzioneranno e dove si potranno usare
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni