Covid 19
10 Novembre 2022
9:45

Un uomo ha avuto il Covid per più di 400 giorni: come è possibile

Si tratta di un 59enne che ha contratto l’infezione nel dicembre 2020 ed è finalmente guarito dopo 411 giorni grazie a una terapia con anticorpi monoclonali.
A cura di Valeria Aiello
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un uomo di 59 anni, che ha contratto il Covid-19 nel dicembre 2020, è rimasto positivo per 411 giorni prima di guarire grazie a una terapia con anticorpi monoclonali. Il suo caso è stato descritto da un team di ricercatori del Regno Unito in un rapporto appena pubblicato sulla rivista scientifica Clinical Infectious Diseases.

Positivo al Covid per più di 400 giorni

L’uomo, hanno spiegato gli studiosi, aveva un sistema immunitario indebolito a seguito di un trapianto di rene e, nonostante i sintomi della malattia si fossero risolti, ha continuato a risultare positivo fino a gennaio 2022. Le analisi genetiche del virus hanno evidenziato che l’infezione era causata dalla forma virale B.1.177.18, una delle prime varianti di Sars-Co-2, subito successiva alla versione originale di Wuhan ma con mutazioni multiple che si sono sviluppate successivamente. “[Quando] abbiamo esaminato il suo virus, era qualcosa che esisteva da tempo, molto prima di Omicron, molto prima di Delta e persino prima di Alfa. Quindi era una di quelle varianti più vecchie e precoci dell’inizio della pandemia” hanno affermato gli studiosi.

Il dottor Luke Blagdon Snell e colleghi del Guy’s and St Thomas’ NHS Foundation Trust di Londra e il King’s College di Londra, Regno Unito, hanno presentato alcuni dettagli di questo e altri cinque casi di Covid persistente nell’aprile 2022, in occasione del Congresso europea di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) a Lisbona, in Portogallo, inclusi i particolari del caso di Covid più lungo mai registrato, 505 giorni in un paziente che non è sopravvissuto . Per questi altri casi, i ricercatori hanno precisato i dettagli del sequenziamento genomico e delle mutazioni acquisite dal virus, consentendo ai medici di selezionare la giusta terapia.

Al momento del congresso ECCMID, il 59enne ora guarito aveva completato il trattamento con la combinazione di anticorpi neutralizzanti casirivimab/imdevimab (noto anche come Regeneron), ma il team medico stava ancora conducendo test di follow-up per verificare i suoi progressi. “Il paziente positivo per 411 giorni rimane stabile e in salute – ha affermato il dottor Snell – . Il suo ed è uno dei casi noti di Covid più lunghi, insieme al paziente rimasto infetto per 505 giorni”.

I ricercatori hanno in programma di presentare maggiori dettagli su questo e altri casi di infezione persistente al Congresso ECCMID del prossimo anno a Copenaghen, in Danimarca. Questi comprendono i rapporti relativi a pazienti immunocompromessi, con varie forme di cancro e HIV avanzato.

32435 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni