25 CONDIVISIONI

Un tirannosauro con ancora la preda nello stomaco: l’incredibile scoperta in Canada

Lo hanno annunciato i paleontologi che hanno ritrovato un fossile di Gorgosaurus libratus con i resti di due dinosauri simili ad uccelli all’interno della cavità addominale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Valeria Aiello
25 CONDIVISIONI
Lo scheletro di gorgosauro conservato al Royal Tyrrell Museum di Drumheller, in Canada / Credit: S. Bergmann, Wikipedia
Lo scheletro di gorgosauro conservato al Royal Tyrrell Museum di Drumheller, in Canada / Credit: S. Bergmann, Wikipedia

Cosa mangiavano i dinosauri? A fare luce sulle abitudini alimentari di uno dei predatori vissuti 75 milioni di anni fa è un’incredibile scoperta avvenuta nella provincia canadese dell’Alberta, dove i paleontologi hanno ritrovato il fossile di un giovane tirannosauro con i resti del suo ultimo pasto perfettamente conservati all’interno della cavità addominale. L’esemplare, un tirannosauro Gorgosaurus libratus, un antenato leggermente più piccolo del famoso Tyrannosaurus rex, aveva probabilmente tra i 5 e i 7 anni, pesava circa 350 chilogrammi (meno di un cavallo) ed era lungo circa metri.

Al momento del suo ritrovamento, il giovane dinosauro era sdraiato sul lato sinistro ma quando Darren Tanke, un tecnico del Royal Tyrrell Museum of Paleontology, in Canada, stava preparando il fossile per la raccolta, ha notato che qualcosa di strano spuntava dal suo addome. Si trattava di alcune ossa che, grazie a un’attenta indagine, appena pubblicata sulla rivista Science Advance, si è scoperto che erano gli arti posteriori di due dinosauri simili ad uccelli, chiamati Cipites, ciascuno dei quali era probabilmente grande quanto un tacchino.

Il fossile di Gorgosaurus libratus scoperto nella provincia canadese di Alberta: (A) vista laterale destra; (B) vista anterolaterale sinistra/ Credit: Science Advance
Il fossile di Gorgosaurus libratus scoperto nella provincia canadese di Alberta: (A) vista laterale destra; (B) vista anterolaterale sinistra/ Credit: Science Advance

La scoperta è stata accolta con entusiasmo dalla comunità paleontologica, per una serie di motivi. Ma la cosa più sorprendente è che il contenuto dello suo stomaco era solo parzialmente digerito, dando la possibilità agli scienziati di capire che le due prede erano state consumate in due momenti diversi. “Questo è un fossile che capita una volta nella carriera – ha affermato Darla Zelenitsky, paleontologa dell’Università di Calgary, in Canada, e una delle autrici dello studio – . Il giovane dinosauro “era probabilmente un predatore di precisione. Aveva un cranio molto stretto, denti a forma di lama [e] probabilmente poteva facilmente strappare gli arti posteriori da questi animali”.

Per anni gli scienziati hanno riflettuto sull’evoluzione dei tirannosauri: gli adulti erano animali corpulenti e robusti, che si ritiene si cibassero della carne di altri dinosauri. Ma fino al raggiungimento della maturità (11 anni per un Gorgosaurus), i giovani tirannosauri sono stati considerati quasi come una specie diversa, molto più leggeri, più veloci e privi di un morso assassino. I loro denti erano più simili a lame affilate, non arrotondati come quelli dei tirannosauri adulti, paragonati invece a delle “banane assassine” da Francois Therrien, curatore della paleoecologia dei dinosauri al Royal Tyrrell Museum.

I cambiamenti nella fisiologia tra giovani e adulti hanno portato alla formulazione di teorie secondo cui i tirannosauri subirebbero un cambiamento nella dieta nel corso della vita, mangiando piccole prede da giovani e forse occupando una nicchia ecologica separata da quella degli adulti. “Ciò era stato suggerito in precedenza, ma in realtà non avevamo alcuna prova che fosse così. Era tutto basato su modelli e ipotesi” ha aggiunto Therrien.

Finora, le prove circa le abitudini alimentari dei tirannosauri provenivano da una serie di indizi, come i segni dei morsi impressi sulle ossa di potenziali prede o l’analisi degli escrementi fossili, che hanno aiutato i paleontologi a ricostruire le loro abitudini alimentari. Ma secondo gli autori della scoperta, il nuovo fossile è il primo esempio di tirannosauro con il contenuto dello stomaco perfettamente conservato. Oltre ad essere il primo caso in cui gli arti posteriori dei dinosauri pennuti trovati nell’addome sono anche i fossili di Citipes più completi mai scoperti – perché protetti nella cavità addominale del Gorgosaurus che se li mangiò.

Anche se si tratta di un solo esemplare, per cui è difficile che i giovani tirannosauri preferissero mangiare i Citipes o cibarsi solo delle loro cosce, gli scienziati hanno affermato che il cambiamento di dieta durante la crescita potrebbe non essere una caratteristica di questo esemplare o addirittura di questa specie, ma potrebbe essere comune ad altri tirannosauri. “Non erano solo bruti spaccaossa che mangiavano quello che volevano, quando volevano – ha commentato Stephen Brusatte, paleontologo dell'Università di Edimburgo che non è stato coinvolto nello studio – . Si nutrivano in modo piuttosto sofisticato, con una dieta cambiava man mano che invecchiavano”.

25 CONDIVISIONI
Scoperta lucertola drago dalle eccezionali capacità mimetiche: impossibile da vedere se non si muove
Scoperta lucertola drago dalle eccezionali capacità mimetiche: impossibile da vedere se non si muove
I vulcani nel Canale di Sicilia spiegati da chi li ha scoperti: “Possono essere un rischio, ma anche darci energia”
I vulcani nel Canale di Sicilia spiegati da chi li ha scoperti: “Possono essere un rischio, ma anche darci energia”
Le scosse delle anguille elettriche possono trasferire DNA ad altri animali: l'incredibile scoperta
Le scosse delle anguille elettriche possono trasferire DNA ad altri animali: l'incredibile scoperta
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni