4 Febbraio 2022
9:54

Un ghiacciaio che ha impiegato 2.000 anni per formarsi sull’Everest si è sciolto in appena 25

Si tratta del ghiacciaio del Colle Sud che si assottigliato di circa 55 metri in appena in quarto di secolo, perdendo una massa ghiacciata che è pari a quella che si è formata in 2.000 anni.
A cura di Valeria Aiello

Migliaia di anni persi in meno di tre decenni: è quanto sta accadendo sull’Everest, dove il ghiacciaio del Colle Sud si è assottigliato di 55 metri nel corso degli ultimi 25 anni, perdendo una massa ghiacciata che è pari a quella che si è formata in circa 2.000 anni. L’allarmante stima arriva da un team di ricerca internazionale guidato dall’Università del Maine che, sulla base dei dati di carotaggio e delle stazioni meteorologiche automatiche, ha calcolato che il ghiacciaio si sta ritirando a una velocità che è 80 volte superiore al tempo necessario alla formazione del ghiacciaio stesso.

Lo scioglimento, affermano i ricercatori in uno studio pubblicato su Nature Portfolio Journal Climate and Atmospheric Science, è conseguenza del cambiamento climatico indotto dall’uomo, che ha raggiunto il punto per cui anche il ghiacciaio più alto dell’Everest sta risentendo profondamente del riscaldamento globale. Il rapido scioglimento, avvertono gli studiosi, potrebbe portare a un ulteriore peggioramento della crisi climatica, oltre a generare valanghe più frequenti e avere un pesante impatto sulle fonti d’acqua da cui dipendono circa 1 miliardo di persone, limitando la disponibilità di questa risorsa per bere, irrigare e produrre energia idroelettrica.

L’analisi è stata condotta a partire da una spedizione del 2019, durante la quale gli studiosi hanno raccolto campioni da una carota di ghiaccio lunga 10 metri e installato due stazioni meteorologiche automatiche per la raccolta dati, osservando come anche i ghiacciai meno studiati della Terra stiano rapidamente diminuendo di volume, con conseguenze sull’equilibrio critico fornito dalle superfici innevate.

Quest’ultima ricerca conferma come le vette siano raggiunte dai cambiamenti climatici causati dall’uomo e funge da campanello d’allarme per altri sistemi di ghiacciai di alta montagna e i potenziali impatti con il declino della massa dei ghiacciai – ha affermato Paul Andrew Mayewski, glaciologo e direttore dell’Istituto per il cambiamento climatico dell’Università del UMaine, che era il capo spedizione sul ghiacciaio del Colle Sud – . Tutto risponde a una delle grandi domande poste dalla nostra spedizione: se i ghiacciai più alti del pianeta siano influenzati dai cambiamenti climatici. E la risposta è un sonoro sì, e in modo molto significativo dalla fine degli Anni '90”.

Le simulazioni al computer hanno indicato che la perdita di massa superficiale per fusione o vaporizzazione può accelerare di un fattore superiore a 20 quando il manto nevoso lascia il posto al ghiaccio. E mentre l’aumento delle temperature ha causato la maggior parte della sublimazione, anche il calo dell’umidità relativa e i venti più forti sono fattori che contribuiscono alla perdita di massa del ghiacciaio. “Le previsioni climatiche per l'Himalaya suggeriscono un riscaldamento continuo e una permanente perdita di massa del ghiacciaio – ha aggiunto Mariusz Potocki, glaciochimico del Climate Change Institute e autore principale dello studio – . Anche la cima dell’Everest è influenzata dal riscaldamento antropico”.

L'ex ghiacciaio del Calderone sul Gran Sasso sta
L'ex ghiacciaio del Calderone sul Gran Sasso sta "morendo": restano solo 25 metri di ghiaccio
Drammatico aumento di morti per abuso di alcol durante la pandemia: più colpita la fascia 25-44 anni
Drammatico aumento di morti per abuso di alcol durante la pandemia: più colpita la fascia 25-44 anni
Scoperti i più giovani asteroidi del Sistema solare: hanno appena 270 anni
Scoperti i più giovani asteroidi del Sistema solare: hanno appena 270 anni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni