15 Giugno 2022
16:55

Un enorme progetto mapperà tutta la vita delle isole britanniche

Saranno conteggiate almeno settantamila specie, comprese piante, animali e funghi, che si trovano in Gran Bretagna e Irlanda.
A cura di Valeria Aiello

Mappare tutti i genomi di tutte le specie, comprese piante, animali e funghi, che si trovano in Gran Bretagna e Irlanda. Questo l’obiettivo di uno dei progetti più ambiziosi della biologia, che vede al centro il Wellcome Sanger Institute di Cambridge, dove ogni giorno arrivano campioni da tutte le isole britanniche per poter essere analizzati. L’istituto di genetica ha svolto un ruolo di primo piano nel progetto genoma umano, che ha richiesto anni per essere completato. Ora, il sequenziamento di una specie richiede alcuni giorni. “Vogliamo renderlo possibile per tutta la biologia – ha detto alla CNN Mark Blaxter, che guida il progetto Tree of Life di Sanger – . Quando il genoma umano è stato sequenziato, è cambiato per sempre il modo in cui facciamo biologia umana. E ha davvero trasformato il modo in cui vediamo noi stessi e il modo in cui lavoriamo con la nostra salute e malattia. Quindi vogliamo che tutti, lavorando su qualsiasi specie o gruppo di specie, in qualsiasi parte del mondo, siano in grado di avere questa base definitiva”.

Avere questi genomi – ciascuno un insieme completo di informazioni genetiche per una specie – potrebbe trasformare il modo in cui comprendiamo il mondo naturale. E potrebbero esserci vantaggi anche nella ricerca di medicinali e materiali ispirati alla natura. Il lavoro genetico dovrebbe anche mostrare come le specie si relazionano tra loro e rivelare le loro somiglianze e anche dove si trovano le loro differenze.

“Sta riempiendo la biblioteca della vita” dice Blaxter che con il progetto Darwin Tree of Life ha una scadenza difficile da rispettare: sequenziare il DNA di 70.000 specie entro la fine del 2030.

C'è molto lavoro da fare, ma questo progetto potrebbe darci la nostra comprensione più dettagliata della diversità della vita.

La sfida più grande è posta dalle forme di vita più piccole, su cui sta lavorando Jamie McGowan dell’Earlham Institute di Norwich, che sta osservando al microscopio una singola goccia d’acqua di stagno. È pieno di organismi unicellulari noti come protisti. “Ci sono due piccole cellule verdi: sono entrambe microalghe. Sono fotosintetiche, proprio come le piante” ha spiegato.

I protisti sono gli organismi più piccoli che vengono sequenziati per il progetto, ma non è facile. “Sono davvero difficili da identificare, perché alcuni di loro sembrano molto simili. E sono anche difficili da sequenziare perché hanno una quantità davvero, davvero minuscole di DNA”.

La vita sulla Terra è iniziata con organismi unicellulari e non potremmo esistere senza di loro. “Dipendiamo completamente da loro per sopravvivere – dice  McGowan – . I protisti occupano una posizione davvero importante nella catena alimentare, dove mangiano organismi più piccoli di loro, come batteri e virus. E poi, a loro volta, vengono mangiati da organismi più grandi”.

E molti protisti possono produrre ossigeno, infatti producono circa la metà dell’apporto di ossigeno del pianeta. Quindi avere il loro genoma sequenziato è davvero importante per poterli identificare. La loro biodiversità è così poco conosciuta. E dobbiamo proteggerli, perché sono così critici per tutto il resto della vita”.

Enorme meteora attraversa i cieli della Scozia: le immagini mozzafiato
Enorme meteora attraversa i cieli della Scozia: le immagini mozzafiato
Come funziona questo scudo dell'invisibilità progettato da una startup britannica
Come funziona questo scudo dell'invisibilità progettato da una startup britannica
Forse abbiamo trovato un modo naturale per scatenare la pioggia
Forse abbiamo trovato un modo naturale per scatenare la pioggia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni