4 Agosto 2022
9:50

Sei nuove specie di minuscole rane scoperte nelle foreste del Messico

Sono tra le più piccole al mondo e non superano i 15 millimetri. Si nascondevano in bella vista nelle collezioni del Museo di Zoologia dell’Università di Cambridge ma non erano mai state identificate.
A cura di Valeria Aiello
Craugastor rubinus su una moneta messicana da 10 pesos / Eric Smith, Università del Texas ad Arlington
Craugastor rubinus su una moneta messicana da 10 pesos / Eric Smith, Università del Texas ad Arlington

Sei specie di minuscole rane, che non superano i 15 millimetri, sono state scoperte da un team di ricerca internazionale che le ha descritte per la prima volta nonostante si nascondessero in bella vista nelle collezioni del museo di Zoologia dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito. Le piccole creature fanno parte di un genere chiamato Craugastor e sono molto difficili da distinguere tra loro, perché decisamente simili tra loro. Avvistate e raccolte nelle foreste del Messico, erano state etichettate come Craugastor sconosciute, forse appartenenti alle specie Craugastor pygmaeus o Craugastor hobartsmithii, altri due tipi di rane messicane, ma fino ad oggi i ricercatori non erano riusciti a capire esattamente a quale specie appartenessero.

Nuove analisi genetiche, che hanno preso in esame circa 500 esemplari di rane provenienti dai musei di tutto il mondo, hanno permesso di verificare nel dettaglio la somiglianza dei loro geni con quelli di altre specie, e di identificare le sei nuove specie. I risultati della ricerca, pubblicati nel dettaglio sulla rivista scientifica Herpetological Monographs, hanno suggerito che in Messico potrebbero esserci molte altre specie non ancora classificate, specialmente nella Sierra Madre de Chiapas e sulle pendici della Sierra Madre del Sur e della Cintura Vulcanica Transmessicana che costituiscono lo spartiacque del fiume Balsas.

Minuscole rane con un ruolo ecologico enorme

Le nuove specie appena identificate sono molto interessanti per tanti motivi, dicono i ricercatori. “Quello che penso sia così affascinante di queste rane è la loro piccola dimensione – ha affermato Tom Jameson, ricercatore presso il Dipartimento di Zoologia dell’Università di Cambridge e il Museo di Zoologia dell’Università, che ha guidato il studio – . Quando queste creature sono così piccole, smettono di comportarsi come rane e non ricoprono il ruolo di normali rane in un ecosistema. Piuttosto, hanno un ruolo ecologico molto più simile a quello degli insetti”.

Craugastor bitonium /Eric Smith, Università del Texas ad Arlington
Craugastor bitonium /Eric Smith, Università del Texas ad Arlington

Secondo gli studiosi, le sei nuove specie, tutte più piccole di una moneta quando completamente sviluppate, si sono probabilmente evolute in tali dimensioni per poter vivere nel sottobosco delle foreste. “Vivere in questo ecosistema di lettiere di foglie di foresta umida offre una serie di vantaggi per un animale, dando accesso alle prede nascoste nelle sue profondità e riparo dai predatori, con un’elevata umidità per evitare che si secchino fuori – ha aggiunto Jameson – . Alcune delle rane di questo gruppo (ad esempio la diffusa Craugastor pygmaeus) sono potenzialmente iper abbondanti, con molti milioni di esemplari che riempiono la lettiera di foglie delle foreste in cui vivono. Si tratta dunque di un’enorme biomassa, che rende queste rane incredibilmente importanti nella catena alimentare, costituendo potenzialmente le basi su cui è costruito l’intero ecosistema forestale. Molti altri animali le useranno come fonte di cibo: lucertole, piccoli mammiferi, uccelli, altre rane e persino insetti. Senza queste rane, l’intero ecosistema collasserebbe”.

Craugastor cueyatl (cueyatl significa
Craugastor cueyatl (cueyatl significa "rana" in una delle lingue indigene del Messico Nahuatl) / Eric Smith, Università del Texas ad Arlington

Alcune delle rane appena identificate possono essere trovate solo in una piccola località del Messico. “Sono probabilmente microendemiche, il che significa che si trovano solo in una piccola area. Ciò significa che se quest’area viene distrutta o danneggiata, ad esempio dalla deforestazione o dall’inquinamento, l’intera specie potrebbe essere estinta” fa notare  Jameson. In tal senso, come parte del lavoro, il team ha identificato le aree dove si trovano tali specie. “Ciò significa che possiamo dire se le specie hanno già un certo livello di protezione o se ne sono completamente prive. E, sulla base di queste informazioni, abbiamo raccomandato l’ampliamento e il collegamento delle aree protette esistenti e la formazione di nuove aree protette”.

Le nuove specie sono state nominate Craugastor bitonium, Craugastor candelariensis, Craugastor cueyatl, Craugastor polaclavus, Craugastor portilloensis e Craugastor rubinus. Quest’ultima, in particolare, prende il nome dalle miniere situate sul pendio dove vivono le rane. Pertanto, ha concluso Jameson, espandere anche una sola di queste miniere potrebbe spazzare via queste rane per sempre.

Rara e minuscola tartaruga albina scoperta in India: le splendide immagini
Rara e minuscola tartaruga albina scoperta in India: le splendide immagini
Scoperto un nuovo dinosauro con le
Scoperto un nuovo dinosauro con le "braccine corte": forse le usava per accoppiarsi o rialzarsi
Vaste e meravigliose città perdute scoperte nel cuore della Foresta Amazzonica
Vaste e meravigliose città perdute scoperte nel cuore della Foresta Amazzonica
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni