7 Ottobre 2022
19:45

Perché le donne possono essere più suscettibili al morbo di Alzheimer

Un team di ricerca americano ha identificato un enzima che è naturalmente espresso a livelli più elevati nel cervello delle donne e che potrebbe conferire una maggiore vulnerabilità.
A cura di Valeria Aiello

Un enzima, naturalmente presente nel cervello delle donne a livelli più elevati che in quello degli uomini, potrebbe spiegare perché le prime sono più suscettibili all’Alzheimer. Lo ha scoperto un team di ricerca americano che, in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Cell, ha rilevato come l’eccessiva attività di questo enzima, chiamato peptidasi 11 specifica dell’ubiquitina (USP11), favorisca l’accumulo di proteina tau nel cervello, responsabile della formazione di aggregati tossici all’interno delle cellule nervose cerebrali caratteristici della malattia di Alzheimer.

L’enzima peptidasi 11 specifica dell’ubiquitina (USP11), in particolare, è legato all’X, il che significa che si trova nei geni sul cromosoma X, uno dei due cromosomi sessuali in ciascuna cellula, e svolge anche un ruolo nella biologia di parte femminile, per cui è espresso a livelli significativamente più elevati nelle donne rispetto agli uomini.

Secondo gli studiosi, questa maggiore espressione rappresenterebbe “un fattore di rischio legato all’X in grado di contribuire a una maggiore suscettibilità alla tautopatia, dunque alla neuro-degenerazione correlata alla proteina tau nelle donne  – ha affermato il professor David Kang del Dipartimento di Patologia della Case Western Reserve School of Medicine di Cleveland, Ohio, e co-autore senior dello studio – . Siamo particolarmente entusiasti di questa scoperta perché fornisce una base per lo sviluppo di nuovi farmaci neuroprotettivi”.

Riguardo il meccanismo molecolare legato all’enzima USP11, i ricercatori hanno spiegato come la maggiore attività di quest’enzima, correlata ad alti livelli di tau nelle donne, inibisca la degradazione e la corretta eliminazione di tau. “Il processo di eliminazione della proteina tau in eccesso inizia con l’aggiunta di un tag chimico chiamato ubiquitina. La presenza di ubiquitina sulla tau è regolata da un sistema equilibrato di enzimi (di cui fa parte USP11), che aggiungono o rimuovono il tag dell’ubiquitina. La disfunzione di questo processo può portare a un accumulo anomalo di tau nel morbo di Alzheimer”.

I ricercatori hanno anche scoperto che eliminando il gene USP11 in modelli murini di patologia tau cerebrale, le femmine di topo erano preferenzialmente protette dalla patologia tau e dal deterioramento cognitivo. Anche i topi maschi sono risultati protetti, ma non nella misura osservata nelle femmine.

In termini di implicazioni, la buona notizia è che USP11 è un enzima e gli enzimi possono essere tradizionalmente inibiti farmacologicamente –  ha aggiunto Kang – . La nostra speranza è quindi quella di sviluppare un farmaco che funzioni in questo modo, al fine di proteggere le donne dal rischio più elevato di sviluppare il morbo di Alzheimer”.

6 minuti di sport intenso al giorno possono proteggerci dall'Alzheimer
6 minuti di sport intenso al giorno possono proteggerci dall'Alzheimer
Alzheimer e Parkinson sono forse due “facce” della stessa malattia: l'ipotesi di uno studio italiano
Alzheimer e Parkinson sono forse due “facce” della stessa malattia: l'ipotesi di uno studio italiano
Esame del sangue rivoluzionario rileva l'Alzheimer: come funziona
Esame del sangue rivoluzionario rileva l'Alzheimer: come funziona
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni