29 Aprile 2022
18:39

Non è vero che la razza del cane ci dice tutto del suo comportamento

Lo ha scoperto un team di ricerca americano nell’ambito di un’indagine genetica che ha coinvolto oltre 2.000 cani di razza pura e mista.
A cura di Valeria Aiello

La razza di un cane ci dice davvero tutto del suo comportamento? A chiederselo sono stati i ricercatori della Chan Medical School dell’Università del Massachusetts a Worcester, negli Stati Uniti, che nell’ambito di un’indagine genetica, che ha coinvolto oltre 2.000 cani di 78 razze diverse, hanno scoperto come i tratti comportamentali del miglior amico dell’uomo non siano in realtà specifici per la razza. Detto in altre parole, la diversità genetica dei cani può spiegare alcune differenze del loro temperamento, ma la sola razza canina non predice in modo esatto quello che è invece il loro comportamento. I risultati della ricerca, appena pubblicati in un nuovo articolo su Science, contrastano con quanto finora presupposto da molti circa le razze canine, spesso confinate in stereotipi utilizzati per spiegare perché alcuni cani siano più aggressivi, obbedienti o affettuosi di altri.

Volendo fare un esempio, spiegano gli studiosi, un golden retriever ha solo una piccola probabilità in più di essere un cane amichevole rispetto a uno di altra razza. “Nonostante l’affettuosità sia un tratto che comunemente associamo ai golden retriever, quello che abbiamo scoperto è che i criteri che definiscono un golden retriever sono le sue caratteristiche fisiche: la forma delle sue orecchie, il colore e la qualità del suo pelo, le sue dimensioni, e non se sia un cane amichevole o meno – ha affermato la professoressa Elinor Karlsson, autrice senior della ricerca e docente di Medicina molecolare la Chan Medical School dell’Università del Massachusetts – . Mentre la genetica gioca un ruolo nella personalità di ogni singolo cane, una razza di cane specifica non è un buon predittore di quei tratti”.

Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno utilizzato studi di associazione sull’intero genoma dei cani per cercare variazioni genetiche comuni che potessero prevedere tratti comportamentali specifici in 2.155 cani di razza pura e mista. Combinando questi dati con le risposte a 18.385 sondaggi completati dai proprietari di animali domestici sui loro cani, gli studiosi hanno identificato 11 loci genetici fortemente associati al comportamento canino, ma nessuno di questi era specifico per la razza.

Secondo i risultati, la razza spiega solo il 9% della variazione del comportamento nei singoli cani. Per alcuni tratti comportamentali, in particolare, l’età o il sesso del cane si sono invece rivelati i migliori predittori. “La maggior parte dei comportamenti che consideriamo come caratteristiche di specifiche razze canine moderne derivano molto probabilmente da migliaia di anni di evoluzione dal lupo al cane selvatico al cane addomesticato e, infine, alle razze moderne – ha aggiunto Karlsson in un articolo correlato alla pubblicazione – . Questi tratti ereditabili precedono di migliaia di anni il nostro concetto di razze canine moderne ”.

Il cane è il miglior amico dell'uomo e abbiamo appena scoperto come ha fatto a diventarlo
Il cane è il miglior amico dell'uomo e abbiamo appena scoperto come ha fatto a diventarlo
Gli anziani con un cane hanno un rischio dimezzato di disabilità (ma i gatti non aiutano)
Gli anziani con un cane hanno un rischio dimezzato di disabilità (ma i gatti non aiutano)
Un cane ha contratto il vaiolo delle scimmie dal proprio padrone: come è possibile e cosa cambia
Un cane ha contratto il vaiolo delle scimmie dal proprio padrone: come è possibile e cosa cambia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni