759 CONDIVISIONI
Covid 19
2 Luglio 2022
11:43

Non c’è nessuno studio che dica che i vaccini Covid non funzionano nei bambini

L’efficacia del vaccino Covid di Pfizer nei bambini di 5-11 anni risulta inferiore rispetto ai trial clinici, ma dire che non funziona è assolutamente falso.
A cura di Andrea Centini
759 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Per convenienza politica, ideologia, ignoranza e finanche meri interessi personali, nell'ultimo anno e mezzo i risultati (positivi) di autorevoli studi scientifici sull'efficacia dei vaccini anti Covid sono stati tacciati da molti di essere palesemente falsi e/o manipolati per oscure ragioni. Ma se uno studio scientifico sembra – e sottolineiamo sembra – sposare le proprie convinzioni complottiste, allora diventa immediatamente un vessillo da sbandierare con orgoglio sui social e sbattere in faccia al “gregge”, che fino ad oggi ha seguito le raccomandazioni della scienza. È l'assurda strumentalizzazione che sta montando attorno ai risultati di uno studio italiano pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica The Lancet, nel quale è stata scrupolosamente indagata l'efficacia del vaccino Covid a mRNA di PfizerBioNTech nei bambini tra i 5 e gli 11 anni. Riassumendo, è emersa una protezione sensibilmente inferiore rispetto a quella rilevata nei trial clinici di Fase 3, che hanno portato il BNT162b2 a essere approvato per l'uso di emergenza prima dalla FDA, poi dall'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e a ruota dall'AIFA. Nonostante la significativa differenza tra l'ambiente sperimentale e il mondo reale, lo studio non dice affatto che il vaccino non funziona nei bambini. Ma procediamo con ordine.

La nuova indagine è stata condotta da scienziati del Dipartimento di Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS) in stretta collaborazione con i colleghi di altri dipartimenti e della Direzione generale della prevenzione del Ministero della Salute. I ricercatori hanno eseguito un'analisi retrospettiva per valutare l'efficacia del vaccino di Pfizer contro l'infezione da coronavirus SARS-Cov-2 e la COVID-19 grave, “definita come un'infezione che porta al ricovero o alla morte”, si legge nell'abstract dello studio. Tutti i piccoli di età compresa tra i 5 e gli 11 anni sono stati seguiti dal 17 gennaio al 13 aprile 2022 (a questa data meno del 40 percento dei bambini risultava immunizzato in Italia). La professoressa Chiara Sacco e i colleghi hanno analizzato statisticamente i dati confrontando i tassi di incidenza di infezione e Covid grave tra i bambini completamente vaccinati (con due dosi), i vaccinati con la sola prima dose e i non vaccinati (gruppo di controllo). Nello studio sono stati coinvolti oltre 1 milione di bambini con due dosi (35, 8 percento); circa 135mila bambini con una sola dose (4,5 percento); e 1,8 milioni di bambini non vaccinati (59,6 percento).

Come indicato nella ricerca, nel periodo di studio si sono verificati 766.756 casi di infezione e 644 casi di COVID-19 grave, dei quali 627 ricoveri, 15 ricoveri in unità di terapia intensiva e due decessi. Incrociando tutti i dati è emerso che l'efficacia del vaccino di Pfizer è stata del 29,4 percento contro l'infezione e del 41,1 percento contro la COVID-19 grave nei bambini che avevano ricevuto le due dosi. Per i piccoli trattati con una sola dose l'efficacia è risultata leggermente inferiore, rispettivamente del 27,4 e 38,1 percento. I dati del mondo reale indicano chiaramente che, nei bambini tra i 5 e gli 11 anni, il vaccino BNT162b2 ha un'efficacia assai ridotta rispetto a quanto rilevato nei trial clinici, i cui risultati hanno portato all'autorizzazione da parte delle autorità sanitarie. Basti pensare che l'FDA e l'EMA alla fine del 2021 hanno approvato il vaccino evidenziando un'efficacia del 90,7 percento nel prevenire la forma sintomatica della COVID-19 (non la semplice positività al tampone oro-rinofaringeo). Tale percentuale era emersa da uno studio clinico di Fase 3 condotto da Pfizer con circa duemila bambini coinvolti.

Un calo così rilevante rispetto a quanto si osserva nelle altre fasce di età era forse inatteso, ma è importante ribadire che l'approvazione di un vaccino si basa sul bilanciamento tra costi e benefici e questi ultimi continuano a essere nettamente superiori anche per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Non a caso lo studio su The Lancet ha rilevato che l'incidenza dei casi gravi risultava doppia nei piccoli non vaccinati rispetto a quelli vaccinati (0,6 ogni 100mila giorni / persona rispetto a 0,3). Va anche tenuto presente che quando è stato condotto il trial clinico non erano ancora emerse la variante Omicron e le sue famigerate sottovarianti BA.4 e BA.5, che stanno guidando l'attuale ondata pandemica a causa dell'estrema elusività agli anticorpi neutralizzanti, sia quelli indotti da una precedente infezione naturale che quelli legati alla vaccinazione. Ciò determina un rischio superiore di reinfezione e infezione rivoluzionaria. I vaccini anti Covid attualmente disponibili si basano tutti sul generare l'immunità contro la proteina S o Spike del ceppo emerso a Wuhan alla fine del 2019. Pur continuando a proteggerci efficacemente dalla malattia grave e dal ricovero in ospedale, offrono uno scudo ridotto contro l'infezione ed è per questo che si stanno sviluppando vaccini aggiornati contro le nuove varianti elusive (anche se le speranze maggiori sono per i vaccini pan-coronavirus). Va anche tenuto presente che i bambini tra i 5 e gli 11 anni ricevono una dose di appena 10 microgrammi, un terzo di quella somministrata ai maggiori di 12 anni; ciò può avere un effetto da non sottovalutare sull'efficacia reale del vaccino (non a caso la FDA ha recentemente approvato anche il booster per i piccoli).

Nonostante la ridotta efficacia – o meglio, l'effettività che rispecchia il mondo reale – emersa dall'indagine italiana, una ricerca condotta da scienziati del COVID-19 Response Team dei CDC statunitensi ha dimostrato che i vaccini anti Covid hanno abbattuto del 68 percento il rischio di ricovero in ospedale nella fascia 5 -11 anni, proprio durante l'ondata di Omicron. In questa fase dominata dalla sottovariante BA.5, molto più elusiva, stanno invece aumentando i ricoveri dei bambini più piccoli, per i quali un vaccino non è ancora stato approvato. Un calo dell'efficacia del vaccino innanzi a un virus mutevole e sfuggente come il SARS-CoV-2 era in parte preventivabile, vista anche la specializzazione dei vaccini contro la proteina S, ed è proprio per questo che gli esperti sono a lavoro su nuove formulazioni. Ma dire che i vaccini “non funzionano” nei bambini è palesemente falso ed è una evidente strumentalizzazione dei dati scientifici, senza tener conto dei molteplici fattori coinvolti. Come ribadito dagli autori dello studio, l'analisi è stata condotta in un periodo in cui era predominante la variante Omicron, ma anche una protezione ridotta del vaccino "ha contribuito in maniera significativa a ridurre gli effetti dell'infezione, soprattutto quelli più gravi", come evidenziato dalla differenza nell'incidenza dei casi severi tra il gruppo vaccinato e quello non vaccinato. I dettagli dello studio “Effectiveness of BNT162b2 vaccine against SARS-CoV-2 infection and severe COVID-19 in children aged 5–11 years in Italy: a retrospective analysis of January–April, 2022” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica The Lancet.

759 CONDIVISIONI
32168 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni