21 Novembre 2022
20:04

L’eruzione del vulcano di Tonga è stata la più violenta esplosione sottomarina mai registrata

Lo confermano i dati dell’indagine condotta dai ricercatori neozelandesi: “L’eruzione ha spostato quasi 10 km3 di fondale marino, pari a 2,6 milioni di piscine olimpioniche”.
A cura di Valeria Aiello
un’immagine satellitare dell’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga–Hunga Ha’apai del 15 gennaio 2022 / Credit: Himawari–8
un’immagine satellitare dell’eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga–Hunga Ha’apai del 15 gennaio 2022 / Credit: Himawari–8

La devastante eruzione del vulcano Hunga-Tonga Hunga-Ha'apai, nel Pacifico meridionale, è stata la più violenta esplosione sottomarina mai registrata sulla Terra. Lo confermano i dati dell’indagine condotta dai ricercatori del National Institute for Water and Atmospheric Research (NIWA) della Nuova Zelanda che hanno scoperto che “quasi 10 km3 di fondale marino sono stati spostati – l'equivalente di 2,6 milioni di piscine olimpioniche e un terzo in più rispetto alle stime iniziali – con due terzi provenienti dalla vetta e il resto dai fianchi circostanti”.

Nel complesso, gli studiosi hanno calcolato che quasi tre quarti di questo materiale si sia depositato entro 20 km dal vulcano, e che all’appello mancherebbero circa 3,2 km3 di fondale marino, considerato disperso. Il capo del progetto, il geologo marino Kevin Mackay, ha affermato che questi detriti mancanti potrebbero in parte essersi perduti nell’atmosfera. “L’eruzione ha raggiunto livelli record, essendo la prima che abbiamo mai visto penetrare nella mesosfera – ha spiegato Mackay – . È stato come sparare un colpo di fucile direttamente nel cielo”.

I ricercatori stimano che il volume dei detriti immessi nell’atmosfera sia di ben 1,9 km3. “Questo materiale, che circola nella nostra atmosfera da mesi, ha determinato i meravigliosi tramonti che abbiamo visto dopo l’eruzione. Questo in qualche modo spiega perché non vediamo tutto sul fondo del mare” ha aggiunto l’esperto.

Nonostante l’enorme spostamento di materiale, il fianco del vulcano è rimasto sorprendentemente intatto, mentre il cratere è attualmente più profondo di circa 700 metri rispetto a prima dell’eruzione. Ulteriori dati, ottenuti mediante le rilevazioni di una nave robotica gestita a distanza dal Regno Unito, hanno indicato che un cono di nuova formazione è ancora attivo.

Confronto delle dimensioni delle principali eruzione vulcaniche con quella sottomarina dell’Hunga Tonga–Hunga Ha’apai / NIWA
Confronto delle dimensioni delle principali eruzione vulcaniche con quella sottomarina dell’Hunga Tonga–Hunga Ha’apai / NIWA

Mentre questa eruzione è stata grande – una delle più grandi dai tempi del Krakatoa, in Indonesia, nel 1883 – da allora ce ne sono state altre di grandezza simile che non si sono comportate allo stesso modo – ha precisato Mackay – . La differenza qui è che si tratta di un vulcano sottomarino ed è anche parte del motivo per cui abbiamo avuto onde di tsunami così grandi”.

Secondo gli studiosi, a sovralimentare lo tsunami sarebbe stata “l’anomalia di pressione generata dall’eruzione” e che ha permesso alle onde di attraversare il Pacifico e di viaggiare in tutto il mondo. “Questo ha significato che le onde potevano viaggiare più lontano e più velocemente di quanto previsto dai nostri sistemi di allarme – ha precisato la dottoressa Emily Lane, Principal Scientist di NIWA – . L’eruzione del Krakatoa è stata l'ultima volta che si è verificato uno tsunami vulcanico di questa portata”.

L'eruzione di Tonga ha iniettato 50 milioni di tonnellate di vapore acqueo nell'atmosfera: i rischi
L'eruzione di Tonga ha iniettato 50 milioni di tonnellate di vapore acqueo nell'atmosfera: i rischi
Perché gli esperti dicono che siamo “terribilmente impreparati” a una massiccia eruzione vulcanica
Perché gli esperti dicono che siamo “terribilmente impreparati” a una massiccia eruzione vulcanica
Un grande vulcano sottomarino vicino alla fossa delle Marianne potrebbe essere in eruzione
Un grande vulcano sottomarino vicino alla fossa delle Marianne potrebbe essere in eruzione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni