19 Febbraio 2022
12:54

Le spugne da cucina coltivano i batteri meglio delle piastre di laboratorio

Lo ha scoperto un team di ricerca che ha studiato l’idoneità delle spugne come mezzo microbico, osservando che gli strumenti per la pulizia sono in realtà un ottimo supporto per la crescita dei batteri.
A cura di Valeria Aiello

Le spugne da cucina possono essere cariche di batteri, anche se la maggior parte di noi preferisce non pensarci. Ci hanno però pensato i ricercatori, studiando l’idoneità delle spugne come mezzo per la crescita microbica e scoprendo che gli strumenti per la pulizia che usiamo in casa sono in realtà un ottimo supporto per la crescita dei batteri rispetto alle piaste di laboratorio, specificatamente progettate per tale scopo.

Il fatto che su oggetti da cucina come spugne e taglieri si formi una sorta di impanatura batterica, specialmente quando sono umidi, è noto da tempo. Un team della Duke University ha capito il motivo quasi per caso, come un’attività collaterale alla loro ricerca. In uno studio pubblicato sulla rivista Nature Chemical Biology, rivelano che una piena visione dell’idoneità della spugna come mezzo per la crescita microbica dipende dalla comprensione del modo in cui interagiscono i diversi batteri.

Gli sforzi di laboratorio per coltivare i batteri generalmente si concentrano su un singolo ceppo, sperando che un’abbondante scorta di cibo e la giusta quantità di calore e luce facciano il resto. Questo è il caso di alcune specie, perché altri batteri crescono meglio quando sono circondati da una vasta gamma di diverse forme di vita. “I batteri sono proprio come le persone: alcune trovano difficile vivere isolate mentre altre prosperano” ha affermato il professor Lingchong You della Duke University, co-autore principale del lavoro di ricerca. “Abbiamo dimostrato che in una comunità complessa che ha interazioni sia positive sia negative tra le specie, c’è una quantità intermedia di integrazione che massimizzerà la sua coesistenza complessiva”.

Per lo studio, i ricercatori hanno creato un mezzo liquido contenente molti ceppi di E. coli e li hanno distribuiti su piastre con spazi di crescita – o “pozzi” – di dimensioni variabili, che andavano da sei grandi pozzi dove i batteri potevano aggregarsi a 1.536 pozzi così piccoli che un ceppo poteva aspettarsi di essere solo. “I pozzi più piccoli hanno davvero danneggiato le specie che dipendono dalle interazioni con altre specie per sopravvivere, mentre i pozzi più grandi hanno eliminato i batteri che soffrono di queste interazioni (i solitari) – ha spiegato il professor You – . Ma i pozzi intermedi hanno consentito la massima diversità di sopravvissuti nella comunità microbica”.

Oltre ai mezzi di crescita accuratamente progettati, il team ha eseguito lo stesso esperimento su strisce di spugna, scoprendo che la struttura tridimensionale, progettata per il massimo assorbimento d'acqua, incoraggiava la crescita dei batteri anche meglio dei pozzi di dimensioni intermedie. “A quanto pare, una spugna è un modo molto semplice per implementare una porzionatura multilivello per migliorare la comunità microbica complessiva” ha affermato il professor You.

Gli spazi della spugna imitano in modo notevole i pozzi di diverse dimensioni in cui i batteri possono crescere, e sono sufficientemente separati da consentire sia ai batteri “solitari” sia ai ceppi dominanti di diffondersi e prosperare , almeno quando sono umidi. I ricercatori che lottano per coltivare batteri potrebbero trovare utili queste informazioni, modificando l’ambiente fisico e chimico per migliorare la crescita delle proprie colonie. E potrebbe trovarle utili chi in cucina dimentica di strizzare la spugna o non vuole preoccuparsi di mangiare in piatti sporchi.

Deltacron potrebbe non essere una nuova variante ma un errore di laboratorio
Deltacron potrebbe non essere una nuova variante ma un errore di laboratorio
Giornata mondiale contro il cancro: battere il tempo per battere il tumore
Giornata mondiale contro il cancro: battere il tempo per battere il tumore
382.956 di Janssen Oncology
Farmaco contrasta la distrofia muscolare in test di laboratorio: speranze per una nuova terapia
Farmaco contrasta la distrofia muscolare in test di laboratorio: speranze per una nuova terapia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni