3.575 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Se hai problemi al cuore il vaccino contro il Covid-19 può allungarti la vita: lo studio

Per la prima volta uno studio riesce a quantificare l’effetto dei vaccini contro il Covid-19 nei pazienti con insufficienza cardiaca: hanno oltre l’80% di probabilità in più di vivere più a lungo dei non vaccinati.
3.575 CONDIVISIONI
Immagine

Da quando sono disponibili i vaccini contro il Covid-19, le persone con problemi cardiaci sono da sempre elencate nella lista dei soggetti fragili. Oggi, uno studio ne ha misurato i benefici nelle persone con insufficienza cardiaca: dall'analisi  su quasi 150.000 pazienti affetti da questa condizione è emerso che le persone vaccinate hanno una probabilità maggiore dell'82% di vivere più lungo rispetto ai non vaccinati, riducendo il tasso di mortalità per tutte le cause.

Dallo studio è emerso anche che durante i sei mesi di osservazione, essersi sottoposti al vaccino contro il Covid-19 ha ridotto anche il rischio di essere ricoverati per insufficienza cardiaca, oltre a determinare una minore probabilità di contrarre l'infezione. Da gennaio 2024 sono disponibili i nuovi vaccini aggiornati ed efficaci contro le nuove varianti del Sars-Cov-2, arrivate nelle ultime settimane in Italia.

I risultati dopo sei mesi di studio

Questo studio è il primo – hanno spiegato gli autori – a mostrare un chiaro beneficio della vaccinazione sulle persone affette da insufficienza cardiaca, un problema che riguarda oltre 64 milioni di persone in tutto il mondo.

Dopo aver osservato i pazienti partecipanti allo studio per un periodo di sei mesi, i ricercatori hanno quantificato in che modo il vaccino avesse influito sulla loro salute e sulla loro aspettativa di vita. Partiamo dal dato più significativo: i pazienti vaccinati hanno mostrato l'82% delle probabilità in meno di morire per tutte le cause rispetto ai non vaccinati. Anche il rischio di essere ospedalizzati per insufficienza cardiaca è apparso minore, quasi dimezzato (del 47% in meno), e quello di contrarre il coronavirus inferiore del 13%.

Cosa è emerso dallo studio su insufficienza cardiaca e vaccini

Lo studio è stato presentato durante il Congresso mondiale sull'insufficienza cardiaca, a Lisbona, l'11 maggio 2024 ed è stato condotto dai medici del National Health Insurance Service Ilsan Hospital di Goyang, in Corea del Sud, servendosi dei dati dei pazienti raccolti nel database dell'ospedale.

Per effettuare lo studio, i ricercatori sono partiti da una platea di 651.127 pazienti con età media di 69,5 anni, 50% donne e 50% uomini. Di questi 538.434 (83%) sono stati classificati vaccinati (avevano ricevuto due o più dosi) e 112.693 (17%) come non vaccinati.

Tuttavia, per escludere il peso di altri fattori sulla salute complessiva dei partecipanti, i ricercatori hanno considerato solo i pazienti che potessero essere confrontati in base al sesso, età e altre condizioni di salute. In questo modo la platea è stata selezionata e ridotta a 73.559 pazienti vaccinati e 73.559 pazienti non vaccinati. Lo studio quindi, spiegano gli autori, fornisce nuove prove a favore della somministrazione dei vaccini anti-Covid nelle persone con insufficienza cardiaca, tuttavia ribadiscono che non rappresentano una regola universalmente valida e che nei pazienti con condizioni particolari bisogna sempre rimettersi alle valutazione dei rischi da parte dei medici.

3.575 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views