769 CONDIVISIONI
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus
16 Maggio 2022
15:19

Dietro ai sintomi di Long Covid ci sono “fantasmi” dell’infezione nell’intestino

Queste tracce virali possono persistere per mesi dopo l’infezione, suggerendo che siano la causa di sintomi gastrointestinali prolungati.
A cura di Valeria Aiello
769 CONDIVISIONI
Particelle di SARS–CoV–2 (blu; colorate artificialmente) su una cellula intestinale / Nature
Particelle di SARS–CoV–2 (blu; colorate artificialmente) su una cellula intestinale / Nature
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus

Dietro ai sintomi di Long Covid potrebbero esserci i “fantasmi” dell’infezione, come chiamati in un’intervista a Nature dal professor Ami Bhatt della Stanford University che, insieme ai suoi colleghi, sta ricercando le cause di questa sindrome post-virale. Le ricerche finora condotte hanno suggerito che i frammenti di Sars-Cov-2 possano persistere per mesi nell’intestino, e la loro presenza è stata documentata da un crescente numero di studi, anche se ad oggi non è stato ancora individuato un legame tra tracce virali persistenti e Long Covid.

Tuttavia, un primo indizio di questo collegamento è arrivato nel 2021, quando uno studio pubblicato sempre su Nature ha riportato di aver trovato particelle virali nel tratto gastrointestinale di pazienti Covid a distanza di quattro mesi dall’infezione. Un altro documento,, non ancora sottoposto a revisione paritaria, ha rilevato che le particelle virali sono “ampiamente distribuite” nei tessuti dei pazienti deceduti “anche tra  coloro che sono morti con Covid-19 da asintomatico a lieve”, riporta il documento, e che “la replicazione virale è presente in più tessuti extrapolmonari all’inizio dell’infezione”.

Più recentemente, in uno studio pubblicato sulla rivista Gastroenterology, un team di Innsbruck, in Austria, ha trovato tracce di RNA SARS-CoV-2 nella mucosa intestinale dei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) fino a sette mesi dopo che l’infezione da coronavirus è stata confermata. “I nostri risultati indicano che gli antigeni virali, ma non i virioni infettivi, persistono nella mucosa intestinale ben oltre l’infezione da Sars-Cov-2 nei pazienti con IBD – riporta lo studio  – . Più specificamente, la persistenza dell’antigene si verifica nel 52-70 percento dei pazienti dopo circa 7 mesi nella nostra coorte di pazienti con IBD. Sosteniamo che la persistenza dell’antigene virale rifletta l’eliminazione incompleta di SARS-CoV-2 piuttosto che l'infezione subclinica (latente o persistente), poiché non è possibile replicare il virus dal tessuto derivato dalle biopsie”.

Anche secondo il professor Bhatt, autore di una ricerca pubblicata sulla rivista Med nel mese di aprile, la comparsa di sintomi gastrointestinali dopo l’infezione da coronavirus può essere collegata alla persistenza di frammenti virali nell’intestino. Ad ogni modo, ha aggiunto l’esperto, per confermare questo legame causa-effetto sono necessari ulteriori studi.

769 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni