29 Giugno 2022
17:56

Cresce l’attesa per le prime immagini del telescopio James Webb: ecco quando saranno mostrate

La NASA rilascerà le prime immagini a colori e i dati spettroscopici il prossimo 12 luglio, a sei mesi dal suo lancio del telescopio nello spazio.
A cura di Valeria Aiello

Il telescopio James Webb della Nasa – il più grande, più costoso e più complesso mai lanciato nello spazio – rilascerà le sue prime immagini a colori il prossimo 12 luglio, a sei mesi dal suo lancio nello spazio. Ma cosa vedremo? Per ora, il loro contenuto resta top secret, anche se le prime indiscrezioni assicurano che saranno strabilianti per scienziati e non. “I nostri obiettivi per le prime immagini e dati di Webb sono sia quello di mostrare i potenti strumenti del telescopio sia di visualizzare in anteprima la missione scientifica a venire – ha affermato Klaus Pontoppidan, scienziato del progetto JWST presso lo Space Telescope Science Institute (STScI) – . Siamo sicuri di offrire un tanto atteso ‘wow' per gli astronomi e il pubblico”.

Il compito principale del telescopio è quello di scrutare nelle profondità del cosmo, per far luce sulla nascita delle prime galassie, oltre che provare a identificare esopianeti lontani e studiarne la loro atmosfera, per determinare se il potenziale per ospitare una qualche forma di vita. Gli obiettivi iniziali del telescopio come annunciato nel 2017, includono l’osservazione del processo di formazione stellare, Giove e le sue lune, le atmosfere attorno agli esopianeti e l’esame delle regioni surriscaldate attorno ai massicci buchi neri noti come quasar ma, al momento, non è noto se le prime immagini riguarderanno uno di questi obiettivi. Come premesso, il loro rilascio è previsto per martedì 12 luglio alle 10:30 EDT (14:30 UTC), le 16:30 in Italia, e saranno svelate in diretta streaming attraverso i canali social della Nasa, su Facebook, Twitter e YouTube.

Il telescopio spaziale James Webb è stato lanciato nello spazio il giorno di Natale del 2021 e, dopo aver raggiunto la sua destinazione finale – L2, il secondo punto lagrangiano, a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra – prima della fine di gennaio 2022, trascorrendo i mesi successivi in operazioni di implementazione, calibrazione e test dei suoi strumenti. Le prime immagini di allineamento sono già state rilasciate lo scorso marzo, suggerendo che l’ottica del telescopio corrisponde o addirittura supera le aspettative.

Anche al di là del contenuto delle prime immagini a colori, nessuno è sicuro neppure di come appariranno visivamente, neanche i ricercatori della missione.  “Ovviamente, ci sono cose che ci aspettiamo e speriamo di vedere, ma con un nuovo telescopio e questi nuovi dati a infrarossi ad alta risoluzione, non lo sapremo finché non le vedremo – ha affermato Joseph DePasquale, sviluppatore di grafica scientifica dello STScI – . Ciò che è sicuro, è saranno solo l'inizio della vera missione scientifica di Webb”.

L'astrofisico Masi spiega perché le foto del telescopio James Webb sono
L'astrofisico Masi spiega perché le foto del telescopio James Webb sono "primizie dirompenti"
La nascita di una stella e la danza delle galassie: le prime immagini del Webb sono clamorose
La nascita di una stella e la danza delle galassie: le prime immagini del Webb sono clamorose
Cosa ha visto davvero il telescopio spaziale James Webb
Cosa ha visto davvero il telescopio spaziale James Webb
1.033.626 di Marco Paretti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni