531 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
18 Marzo 2022
17:03

Cos’è lo Stugna-P, l’arma anticarro ucraina che sta creando guai ai russi

Tra le armi più efficaci utilizzate dalla resistenza ucraina figura il sistema missilistico guidato Stugna-P, un anticarro prodotto a Kiev. Ecco come funziona.
A cura di Andrea Centini
531 CONDIVISIONI
Credit: Luch Design Bureau
Credit: Luch Design Bureau
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Benché la resistenza Ucraina si stia difendendo dall'aggressione della Russia con diverse armi di fabbricazione estera, come i Javelin, gli NLAW e presto forse anche con i droni kamizaze Switchblade, i soldati possono contare anche su un lanciamissili anticarro fatto in casa: lo Stugna-P, conosciuto anche con il nome d'importazione Skif. Tecnicamente si tratta di un cosiddetto ATGM, acronimo di anti-tank guided missile, ovvero missile anticarro guidato. Sviluppato dall'azienda di Kiev Luch Design Bureau, specializzata in dispositivi per la difesa, come specificato da militaryleak.com lo Stugna-P è progettato per distruggere bersagli corazzati fissi e mobili con varie tipologie di armature, comprese quelle dei carri armati moderni definite ERA (armatura reattiva esplosiva), che hanno la capacità di deflettere verso l'esterno i proiettili / missili che le colpiscono lateralmente. Da quando l'esercito russo ha invaso l'Ucraina sono stati diffusi diversi video in cui si vedono i mezzi di Mosca distrutti da questi efficaci sistemi d'arma.

Com'è fatto lo Stugna-P

Come indicato nel sito ufficiale di Luch Design Bureau, il sistema missilistico guidato anticarro Stugna-P si basa su più componenti: un treppiede girevole, un tubo lanciatore, un pannello di controllo remoto PDU-215 (che permette di manovrare il lanciamissili da remoto), un sistema di guida sviluppato in Bielorussia e una telecamera termografica (termocamera) SLX-Hawk, in grado di agganciare i bersagli anche di notte. L'arma può lanciare due tipologie di missili, da 130 e 152 millimetri, capaci di distruggere un ampio ventaglio di veicoli pesanti. Non solo terrestri come camion, blindati e carri armati, ma anche aerei ed elicotteri che volano a bassa velocità.

Lo Stugna-P può lanciare testate a doppia carica HEAT RK-2S, progettate per rimuovere la corazza di un mezzo con la prima detonazione e distruggerlo con la seconda, quella principale. Questi missili possono distruggere armature di 1.100 millimetri. Le testate a frammentazione HE RK-2OF e RK-2М-OF vengono invece utilizzate per neutralizzare veicoli più leggeri come i camion, ma anche postazioni di artiglieria fisse. Il peso complessivo dell'arma (compreso un missile) è di oltre 100 chilogrammi ed è possibile montarla anche su veicoli. Servono 3 / 4 operatori per farla funzionare in maniera rapida e ottimale. La temperatura d'esercizio è compresa tra – 40° C e + 60° C.

Uno Stugna–P montato su un veicolo. Credit: wikipedia
Uno Stugna–P montato su un veicolo. Credit: wikipedia

Come funziona lo Stugna-P usato contro i russi

Lo Stugna-P è un sistema missilistico anticarro dal design “spara e dimentica”. I soldati, infatti, dopo aver agganciato il bersaglio e lanciato il missile possono abbandonare la postazione. Sarà il sistema di guida laser automatico a mantenere l'obiettivo nel mirino (ma è possibile anche puntare manualmente). Una delle caratteristiche più interessanti dell'arma ucraina risiede nel pannello di controllo PDU-215, una sorta di computer portatile in una valigetta che permette di controllare l'arma da remoto, a una distanza massima di 50 metri. Lo Stugna-P può agganciare e distruggere bersagli vicini (a 100 metri) e lontani, per un raggio d'azione massimo di oltre 5 chilometri. La portata si riduce a un massimo di 3 chilometri durante la notte. Per coprire la distanza massima il missile lanciato impiega 25 secondi. Come indicato lo Stugna-P viene impiegato dalla resistenza Ucraina per difendersi dall'invasione russa; nel 2019 l'esercito ha ricevuto 50 dispositivi, altri 50 Skif destinati all'esportazione (soprattutto Paesi mediorientali) sono stati destinati ai soldati ucraini dopo l'attacco di Mosca.

531 CONDIVISIONI
2698 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni