1.038 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
25 Maggio 2022
15:48

Cosa sono i letali corazzati “Terminator” schierati dalla Russia in Ucraina

La Russia ha schierato in Ucraina i moderni e micidiali mezzi corazzati Terminator. Ecco come funzionano e perché sono stati inviati sul campo.
A cura di Andrea Centini
1.038 CONDIVISIONI
Corazzati Terminator sfilano durante una parata
Corazzati Terminator sfilano durante una parata
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

L'Agenzia di stampa statale RIA Novosti ha annunciato che l'esercito russo ha schierato in Ucraina i micidiali mezzi corazzati Terminator. In base a video circolati sui social network sarebbero stati avvistati nella città orientale di Severodonetsk, teatro di durissimi scontri in questa fase del conflitto. Sono annoverati tra i veicoli da combattimento più moderni, avanzati e resistenti a disposizione del Cremlino, tanto che i primi dieci dell'ultima versione sono entrati in servizio soltanto nel 2018. Tecnicamente vengono definiti BMTP, acronimo di “Boyevaya Mashina Podderzhki Tankov”; non si tratta di tank, quindi di carri armati, ma letteralmente di semoventi di supporto ai carri armati specializzati nella guerra urbana. In Ucraina sarebbero state avvistate versioni modificate del tipo più recente, il BMPT-72 o “Terminator 2”. Ecco come funzionano i Terminator e perché possono rappresentare una seria minaccia per le truppe ucraine.

Come funzionano i Terminator

I corazzati BMPT Terminator, conosciuti anche con il nome di Object 199, sono prodotti dalla società russa UralVagonZavod con sede a Nizhny Tagil; è considerata la più grande azienda al mondo costruttrice di carri armati e altri veicoli corazzati. Come indicato si tratta di sofisticati mezzi di supporto, sviluppati per sostituire la fanteria meccanizzata a protezione dei carri armati veri e propri, impacciati e poco sfruttabili nel contesto urbano. I russi se ne accorsero bene durante la guerra in Cecenia e Afghanistan, quando i fanti appostati con armi anticarro all'interno degli edifici riuscirono a distruggere indisturbati un gran numero di mezzi. Moltissimi carri e altri blindati russi sono andati distrutti anche nell'attuale conflitto in Ucraina, vittime dei missili Javelin ed NLAW consegnati dalle forze occidentali. La discesa in campo dei Terminator va probabilmente letta in questo contesto. I mezzi corazzati, infatti, sono dotati di torrette automatiche in grado di sparare in varie direzioni (anche verso l'alto) e in rapidissima successione. Come specificato da military-today, tra le letali armi equipaggiate figurano cannoni automatici 2A42 da 30 millimetri, in grado di sparare 850 colpi; lanciatori per missili anticarro guidati 9M120 Ataka-T da 130 millimetri; lanciagranate AGS-30 da 600 colpi o due lanciagranate AG-17D; e una mitragliatrice PKTM da 7,62 millimetri da 2.000 colpi. Queste armi permettono un rapido e preciso fuoco di soppressione, a protezione delle colonne di carri che si muovono all'interno dell'ambiente urbano. I cannoni possono sparare sia proiettili perforanti che convenzionali.

Letali e resistenti

Oltre a essere pesantemente armati, i Terminator possono contare anche su una moderna corazzatura definita “reattiva”, in grado di deflettere verso le esterno le esplosioni provocate da proiettili e missili lanciati lateralmente. Non a caso le armi anticarro più avanzate fanno cadere i proiettili dall'alto, puntando a colpire le torrette, la parte più delicata dei mezzi corazzati. Corazzature a lamelle e a piastre sono inoltre disposte in vari punti nevralgici del veicolo. Questi mezzi sono dotati di lanciagranate fumogeni per il camuffamento ai sistemi di rilevamento a infrarossi e ottici, mentre tra le misure a protezione dei soldati vi sono serbatoi sigillati, un sistema antincendio che si attiva automaticamente in caso di necessità e sedili installati in posizione rialzata. L’equipaggio dei Terminator è composto da cinque militari, dei quali due operatori per i lanciagranate automatici. Le versioni senza lanciagranate possono essere condotte da tre persone (comandante, cannoniere e pilota). Tutti i Terminator, compresa la recente versione BMPT-72, si basano sul telaio del carro armato T-72, il corazzato di questa classe più diffuso al mondo, con almeno 30mila esemplari consegnati in decine di Paesi. L'ultima versione del Terminator, il BMP T-15 “Terminator 3”, è disponibile solo sotto forma di prototipo.

1.038 CONDIVISIONI
2538 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni