Oltre 1.500 tartarughe chiuse all'interno di quattro valigie e legate con nastro adesivo sono state trovate all’aeroporto Ninoy Aquino di Manila, nella Filippine. A effettuare la scoperta sono stati gli agenti di polizia che hanno trovato gli animali in quattro valigie apparentemente smarrite che potevano essere rivendute per circa 60.000 sterline (quasi 70mila euro).

Caricati di contrabbando su un volo proveniente da Hong Kong, i rettili sono stati trovati in quattro bagagli non reclamati all'aeroporto delle Filippine e sarebbero stati con ogni probabilità destinati alla vendita, come ha confermato anche il Bureau of Customs del paese in un post di Facebook. Fortunatamente le 1.529 tartarughe erano ancora tutte vive, anche se alcune erano decisamente malconce e tra queste ve n'erano molte appartenenti a specie a rischio. Nei bagagli, infatti, sono stati trovati – tra gli altri – esemplari di doppietta stellare, testuggine rossa, tartaruga sulcata, tre specie classificate come vulnerabili dall'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) che tuttavia sono spesso tra le preferite tra i commercianti illegali di animali esotici.

Le povere creature si trovavano nelle valigie abbandonate da un passeggero filippino in arrivo col volo PR 311 da Hong Kong: è probabile che all'uomo sia arrivata una "soffiata" e che per questo abbia deciso di abbandonare le valigie eludendo i controlli e salvandosi da una pesante denuncia.