1.461 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
1 Maggio 2022
09:00

Zelensky: “Uccisi 23mila soldati russi: l’Ucraina tornerà libera, compreso il Donbass”

In un videomessaggio su Telegram il presidente ucraino Volodymir Zelensky incita il suo popolo, assicurando che tutta la nazione verrà liberata dai russi.
A cura di Giacomo Andreoli
1.461 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"L'Ucraina sarà libera, e Kherson, Melitopol, Berdyansk, Dniprorudne e su tutte le altre città e comunità temporaneamente occupate" tornerà a sventolare la bandiera ucraina. In un messaggio sui social il presidente ucraino Zelensky incita il suo popolo a resistere ancora contro l'invasione russa, assicurando che la guerra sarà vinta da Kiev.

Secondo il numero uno del governo "c'è ancora molto lavoro da fare: gli occupanti sono ancora sulla nostra terra e ancora non riconoscono l'apparente fallimento della loro cosiddetta operazione. Dobbiamo ancora combattere e dirigere tutti gli sforzi per cacciare gli occupanti e lo faremo". Ha poi promesso a tutti il "ritorno a una vita normale, che la Russia non è in grado di fornire nemmeno sul proprio territorio".

Poco prima, nell'oramai noto videomessaggio alla nazione su Telegram, il presidente Ucraino aveva spiegato che dall'inizio dell'invasione sono morti 23.000 soldati russi. Inoltre, più di 1.000 carri armati e quasi 2.500 altri veicoli militari di Mosca sarebbero stati distrutti. Mosca aveva precedentemente ammesso che più di mille russi sono stati uccisi dall'inizio della guerra. Zelensky ha poi spiegato di aspettarsi che la Russia raduni "truppe aggiuntive" per gli attacchi nell'Ucraina orientale, facendo appello all'esercito russo durante il suo discorso: "Ogni soldato può ancora salvarsi la vita. È meglio per te sopravvivere in Russia che morire nel nostro Paese".

"Sappiamo che il comando russo si sta preparando a nuove grandi perdite" – ha aggiunto – "nuove persone vengono reclutate nelle unità il cui personale è stato quasi completamente eliminato o notevolmente indebolito nel periodo marzo-aprile. Le nuove reclute hanno poca motivazione e poca esperienza di combattimento". Per il leader di Kiev "i comandanti russi mentono ai loro soldati dicendo che dovranno affrontare una grave responsabilità per essersi rifiutati di combattere. E allo stesso tempo, non parlano, ad esempio, del fatto che l'esercito russo stia preparando dei frigoriferi aggiuntivi per la conservazione dei cadaveri".

Zelensky è poi tornato sulle sanzioni a Mosca, invocando multe ad ogni azienda o Stato che aiuta la Russia a commerciare petrolio e augurandosi restrizioni agli scambi sugli idrocarburi già nelle prossime settimane. In questo modo, secondo il presidente, non verrebbero più aggirate le sanzioni dell'Occidente. L'Ue sta in effetti lavorando a un sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia, che potrebbe includere un divieto parziale alle importazioni di petrolio.

1.461 CONDIVISIONI
2570 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni