1.023 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
16 Maggio 2022
07:54

Zelensky: “L’operazione speciale della Russia è fallita, priorità ora è l’embargo sul petrolio”

Nell’ultimo videomessaggio condiviso nella notte sui propri canali social, il presidente ucraino Zelensky ha dichiarato che “l’operazione speciale russa è fallita. Ora la priorità è l’embargo petrolifero. Gli occupanti devono avvertire il prezzo della guerra in costante aumento”.
A cura di Ida Artiaco
1.023 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"I missili russi oggi hanno colpito la regione di Lviv, bombardamenti ci sono stati a Hulyaipole, Severodonetsk, Lysychansk, città e comunità della regione di Donetsk. Tutta questa brutalità degli occupanti, che l'Ucraina sta vivendo ogni giorno, porterà solo alla fatto che i soldati russi sopravvissuti trasferiranno questo male in Russia". Comincia così l'ultimo videomessaggio che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha condiviso nelle scorse ore sul proprio profilo Facebook, al termine di una giornata difficile, in cui si sono verificati numerosi attacchi anche contro obiettivi civili. Tuttavia, secondo il leader di Kiev, l'operazione speciale che Mosca ha lanciato ben 82 giorni fa "è fallita".

"Ci stiamo preparando a nuovi tentativi da parte della Russia di attaccare il Donbass, per intensificare in qualche modo il loro attacco nel sud dell'Ucraina", ma l'esercito di Putin è in una situazione di stallo", ha detto Zelensky, aggiungendo che "gli occupanti ancora non vogliono ammettere di essere in un vicolo cieco e che la loro cosiddetta ‘operazione speciale' è già fallita. Ma verrà sicuramente il momento in cui il popolo ucraino spingerà gli invasori al pieno riconoscimento della realtà". E poi ancora: "Gli attacchi missilistici russi di oggi sulla regione di Lviv, i bombardamenti di Huliaipil, Severodonetsk, Lysychansk, le città e le comunità della regione di Donetsk, tutta questa brutalità degli occupanti che l'Ucraina sta vivendo ogni giorno, porteranno solo al fatto che i soldati russi che sopravvivranno porteranno questo male indietro. Lo porteranno in Russia, perché si ritireranno. È così che finirà tutta la febbrile attività dell'esercito russo".

Il presidente ha anche annunciato che sono in corso negoziati per arrivare far uscire le persone da Mariupol, compresi i combattenti ucraini asserragliati nell'acciaieria di Azovstal. "Stiamo proseguendo trattative molto difficili e delicate per salvare la nostra gente da Mariupol, da Azovstal. Ci occupiamo quotidianamente di questo. E la cosa principale è che gli accordi siano rispettati", ha detto il presidente. Infine, ha parlato di energia e indipendenza dalle fonti russe: "Ora la priorità è l'embargo petrolifero. Non importa quanto duramente Mosca cerchi di contrastare questa decisione, il tempo della dipendenza dell'Europa dalle risorse energetiche russe sta volgendo al termine. E questo non cambierà", ha affermato Zelensky. Il capo di Stato ha anche evidenziato il lavoro attivo dell'Ucraina per rafforzare le sanzioni contro la Russia. "Abbiamo bisogno di partner per prendere decisioni ogni settimana che limitino i legami della Russia con il mondo. Gli occupanti devono avvertire il prezzo della guerra in costante aumento", ha concluso.

1.023 CONDIVISIONI
2590 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni