video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Zelensky ai parlamentari tedeschi: “Chiuderemo la guerra alle nostre condizioni”. L’AfD lascia l’aula

Volodomyr Zelensky ha parlato oggi al Bundestag: “Noi chiuderemo questa guerra nell’interesse di tutti i nostri figli”, ma “la chiuderemo alle nostre condizioni”. I deputati dell’AfD hanno lasciato l’aula in segno di protesta.
A cura di Davide Falcioni
35 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Noi chiuderemo questa guerra nell'interesse di tutti i nostri figli", ma "la chiuderemo alle nostre condizioni". Lo ha detto il presidente ucraino Volodomyr Zelensky parlando oggi al Bundestag, una delle due camere del Parlamento tedesco. Il leader ucraino ha aggiunti che "il tempo per i compromessi è finito", e che "l'Europa deve essere il continente di una pace forte" e l'Ucraina non deve essere divisa: "Potete capire perché stiamo lottando così duramente contro i tentativi della Russia di dividerci, di dividere l'Ucraina. Perché stiamo facendo assolutamente di tutto per prevenire un muro tra le parti del nostro paese. La Russia lascia dietro di sé centinaia di cimiteri" e Vladimir Putin è abituato a sottomettere gli altri: "La Russia ha distrutto Grozny e Aleppo, diviso la Moldavia, costretto la Bielorussia in ginocchio. È nel nostro interesse comune che Putin perda".

Il presidente ucraino ha proseguito: "Sembrava che il muro di Berlino dovesse restare per sempre. Nessuno poteva immaginare quanto potesse cadere velocemente. E così alcuni potrebbero pensare che Putin sia eterno, e che non ci sia una fine alla guerra. Ma questa è un'illusione che si può distruggere con la leadership, con le decisioni e con i successi. Non esistono muri che non cadono".

Immagine

I deputati dell'AfD lasciano il Parlamento durante il discorso di Zelensky

Il discorso di Zelensky è stato accolto da lunghi applausi. Molti parlamentari dell'attuale maggioranza si sono alzati in pedi, ma molti altri se ne sono andati. La maggior parte dei deputati del partito tedesco di estrema destra AfD – galvanizzati dal successo elettorali di due giorni fa – e tutti quelli di BSW, un partito sovranista di sinistra, hanno boicottato l'intervento del leader ucraino, che ha espresso preoccupazione per l'eco della retorica filorussa in Europa. 83 gli scranni lasciati vuoti. Entrambi i partiti hanno accettato la loro decisione: "Ci rifiutiamo di ascoltare un oratore vestito in mimetica", ha scritto AfD in un comunicato stampa, sostenendo che "l'Ucraina non ha bisogno di un presidente di guerra ma di un presidente di pace".  Il movimento BSW ha dichiarato di voler inviare "un segno di solidarietà con tutti gli ucraini che vogliono un cessate il fuoco immediato e una soluzione negoziata" del conflitto.

Domani alla Corte europea dei Diritti umani l'aggressione russa all'Ucraina e l'incidente del volo MH17

Intanto domani la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) esaminerà quattro denunce presentate contro la Russia dall'Ucraina per le operazioni condotte dal febbraio 2022 e nel 2014 nella regione del Donbass, e dai Paesi Bassi per l'abbattimento del volo MH17 nel luglio 2014. Queste denunce saranno ascoltate dai 17 giudici della Grande Camera, la formazione più solenne dell'istituzione con sede a Strasburgo. Ventisei Stati, tra cui quasi tutti i membri dell'Unione Europea, sono stati autorizzati a intervenire nel procedimento e a presentare osservazioni scritte, così come diverse ONG. Tuttavia, non è prevista la presenza di rappresentanti del governo russo. Sebbene la Russia sia stata espulsa dalla Corte nel settembre 2022 a seguito dell'aggressione contro l'Ucraina iniziata pochi mesi prima, rimane responsabile per le violazioni della Convenzione europea dei diritti dell'uomo commesse prima di tale data.

35 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views