1.995 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
10 Ottobre 2022
13:47

Stuprata e torturata da soldati russi a Izyum, il racconto di Alla: “Ridevano mentre mi palpeggiavano”

Il racconto di Alla, 52enne residente a Izyum, in Ucraina, tenuta prigioniera dai russi durante l’occupazione della città: “Mi hanno spogliato con forza, mi hanno messo sul tavolo e hanno iniziato a toccarmi, ovunque. Ho provato a suicidarmi ma non ha funzionato”.
A cura di Ida Artiaco
1.995 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

È stata stuprata e torturata con uno shock elettrico Alla, 52enne cittadina di Izyum, nella regione di Kharkiv, a Nord-Est dell'Ucraina, da poco liberata dal controllo delle forze russe che hanno lasciato dietro di sé, dopo sei mesi di occupazione, morte e distruzione.

È stata lei stessa a raccontare la sua storia al Washington Post. Dopo essere stata vittima della violenza dei soldati russi, con un chiodo ha inciso il suo nome sul muro del capannone dove era stata tenuta prigioniera e altre tre parole: "Shock elettrico, spogliarsi, doloroso".

"Pensavo che se mio figlio mi avesse cercato, avrebbe potuto trovare queste scritte e capire che ero lì e che lì ero morta", ha spiegato.

Alla è stata torturata, violentata e picchiata dallo scorso luglio. I soldati russi l'avevano rapita per avere informazioni su suo figlio, che lavora per il servizio di sicurezza interna dell'Ucraina, la SBU. Anche suo marito ha subito lo stesso trattamento.

Secondo il suo racconto, dopo essere sopravvissuta a pesanti bombardamenti, Alla ha attraversato un ponte pedonale sul fiume che passa per Izyum per controllare l'appartamento vuoto di suo figlio vicino al centro della città. Era lo scorso mese di marzo.

I vicini di casa di suo figlio le dissero che i russi avevano visitato l'edificio, che avevano chiesto di lui e perquisito il suo appartamento. Gli uomini "hanno iniziato a portare fuori tutto", ha ricordato, compresa la sua macchina per il caffè, la televisione e la lavatrice. Temendo che tutti i suoi averi venissero saccheggiati, trasferì gli oggetti di valore rimasti a casa di un amico nelle vicinanze.

In quello stesso mese, le forze russe cominciarono a visitare lei e suo marito a casa loro, interrogandoli per sapere se il loro figlio si nascondesse a Izyum e insistendo sul fatto che avrebbe dovuto collaborare con la Russia. Alla, per altro, lavorava per l'azienda del gas di Kharkiv, per cui più volte i russi le hanno intimato di tornare a lavoro.

Ma il vero e proprio calvario per lei è cominciato a inizio luglio quando una decina di uomini armati, arrivati fuori casa sua con due auto segnate con il simbolo "Z", l'hanno portata via con la forza.

Le hanno coperto gli occhi, le hanno legato le mani e hanno messo lei e suo marito nel bagagliaio di una delle due vetture. "Non uscirete vivi di qui", le hanno detto. "O accettate le nostre regole e riconoscete che vivete in ​​Russia o sparirete per sempre. Nessuno vi troverà mai".

Alla si è ritrovata poco dopo all'interno di un capannone buio, inconsapevole che quella sarebbe diventata la sua prigione, visitata solo da un commando di sei uomini.

"Mi hanno spogliato con forza, mi hanno messo sul tavolo e hanno iniziato a toccarmi, ovunque", ha aggiunto Alla, che ha continuato: "Ridevano mentre mi palpeggiavano. Mi dicevano: Sai cosa facciamo con le donne ucraine e le madri degli ufficiali dei servizi di sicurezza ucraini? Li leghiamo nudi sulla piazza principale e mandiamo loro foto ai loro figli in modo che vedano cosa possiamo fare ai loro genitori".

Per tre giorni, il leader del gruppo l'ha costretta ad avere rapporti sessuali con lui mentre tenevano il marito in ostaggio in un garage vicino. Alla ha detto che poteva sentirlo gridare mentre le truppe lo picchiavano, e ha sentito il comandante dirgli "che mi ha violentato e che ci siamo divertiti entrambi".

"Ero determinata a suicidarmi. C'erano dei chiodi all'interno del fienile e avevo un reggiseno, quindi ho pensato di impiccarmi", ha detto ancora Alla. "Ma non ha funzionato. Ho iniziato a piangere. Mi hanno sentito piangere, sono tornati e hanno ricominciato a molestarmi”. A settembre ha infine ritrovato la liberà.

1.995 CONDIVISIONI
3289 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni