1.086 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
13 Maggio 2022
19:05

Sono almeno 190mila i bambini deportati in Russia dall’inizio della guerra in Ucraina

Sono più di 190mila i bambini arrivati in Russia dall’Ucraina dall’inizio della guerra. Lo ha confermato la stessa Maria Lvova-Belova, Commissario presidenziale per i diritti dell’infanzia russo. Secondo gli Stati Uniti si tratta di cifre al ribasso: nel mese di marzo dal Donbass sarebbero stati portati via con la forza circa 2.300 minori.
A cura di Gabriella Mazzeo
1.086 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Secondo quanto dichiarato da Maria Lvova-Belova, Commissario presidenziale per i diritti dell'infanzia in Russia dal 2021, sono più di 190.000 i bambini arrivati dall'Ucraina dall'inizio del conflitto. Molti dei piccoli giunti dal Paese invaso provengono dalle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Secondo Kiev, si tratta di veri e propri rapimenti di minori ucraini, costretti a partire verso la Russia pur di non morire. In tanti, raccontano le autorità ucraine, non sanno neppure dove sono diretti al momento della partenza.

I piccoli profughi sono spesso già orfani e affetti da disabilità. Secondo quanto dichiarato da Maria Lvova Belova alla stampa nazionale, i bimbi vengono affidati alle famiglie russe in via temporanea perché è impossibile trovare una sistemazione per tutti loro presso gli orfanotrofi sul suolo nazionale. Il piano, spiega, è che i minori possano avere presto la cittadinanza russa in modo da poterli collocare in maniera definitiva presso le famiglie che stanno chiedendo il loro affidamento. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva accusato Mosca già nel mese di marzo di aver prelevato con la forza i bambini ucraini dal Donbass e da Mariupol. La maggior parte sarebbe stata messa davanti a una scelta: la Russia oppure la morte.

Il Cremlino sostiene che i minori siano stati semplicemente "salvati da zone a rischio" e che le operazioni si sono svolte senza la collaborazione delle autorità ucraine solo perché queste ultime non erano intenzionate a rispettare gli accordi sui corridoi umanitari. Tutto fa pensare che i numeri riguardanti gli arrivi di minori da Donetsk e Luhansk siano al ribasso. Secondo gli Stati Uniti, il 22 marzo scorso Mosca aveva prelevato dal territorio circa 2. 300 bambini (le autorità russe sostengono invece che siano 1.200 quelli in arrivo dalla regione).

Secondo Kiev, il Cremlino non sta solo operando deportazioni dall'Ucraina alla Russia, ma sta anche prendendo in ostaggio figli di personaggi di spicco della politica ucraina. L'ultimo sarebbe il figlio 16enne del governatore di Zaporizhzhia, fermato a un posto di blocco mentre cercava di lasciare il Paese senza il padre. In macchina con lui vi erano due donne e tre bimbi piccoli. L'auto è stata fermata dall'esercito russo e i soldati hanno chiesto i documenti ai passeggeri. Quando hanno capito di trovarsi davanti al figlio del governatore, avrebbero costretto il ragazzino a scendere dalla vettura. Non è chiaro dove possa trovarsi ora il 16enne: forse è ancora nelle mani dell'esercito russo. Potrebbe essere stato portato a Mosca come ostaggio. Secondo quanto sostengono le forze armate ucraine, i russi rapiscono i figli di politici locali in vista nel tentativo di intimidire le autorità e la popolazione

1.086 CONDIVISIONI
2820 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni