Guerra in Ucraina
1 Dicembre 2022
11:49

Scriveva poesie e racconti per bambini: ucciso dai russi l’autore ucraino Volodymyr Vakulenko

Il corpo dello scrittore ucraino Volodymyr Vakulenko è stato rinvenuto a inizio settembre nella fossa comune di Izium: l’autore di libri per bambini sarebbe stato ucciso la scorsa primavera per il suo supporto alla causa ucraina.
A cura di Davide Falcioni
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Tra i 400 corpi estratti all'inizio di settembre da una fossa comune scoperta dalle truppe ucraine nella città di Izium c'era anche quello dello scrittore Volodymyr Vakulenko. A renderlo noto, nei giorni scorsi, è stato il sito di news Prava, spiegando che per risalire all'identità di ogni singola vittima è stato necessario ricorrere a test del DNA.

Vakulenko era un poeta e autore di libri per bambini. Nella sua carriera ha vinto numerosi premi letterari ed era noto per il suo impegno sociale. Con la "controletteratura" aveva creato un suo genere in cui si mescolavano postmodernismo, neoclassicismo e assurdismo. Stando a quanto emerso lo scrittore è scomparso con suo figlio dalla sua casa nel villaggio di Kapitolivka, vicino a Izium, nel marzo 2022. I genitori dell'uomo hanno cercato il figlio per più di sei mesi: non sapevano infatti che era stato rapito e ucciso dalle forze di occupazione russe.

corpi estratti da una fossa comune a Izium
corpi estratti da una fossa comune a Izium

Il stato il padre a riferire cosa potrebbe essere accaduto. Cinque uomini della cosiddetta "milizia popolare dell'LNR" avrebbero fatto irruzione nella casa di Vakulenko il 23 marzo. Avrebbero prelevato lo scrittore, poi l'avrebbero interrogato, torturato e rilasciato. Il giorno seguente, due persone sarebbero arrivate a casa con un'auto con il simbolo pro-invasione " Z " e avrebbero rapito Volodymyr. Da quel momento in poi nessuno l'ha più visto vivo.

Ad aprile PEN America, organizzazione no-profit che opera per difendere e celebrare la libertà di espressione negli Stati Uniti e nel mondo, aveva diffuso per prima la notizia della sparizione di Vakulenko definendo il suo rapimento "spaventoso e ingiusto" e chiedendone il rilascio immediato. "Le forze di occupazione russe stanno punendo Vakulenko per aver manifestato il suo diritto all'espressione; il fatto che stiano anche rapendo suo figlio è indicibilmente straziante", aveva dichiarato nell'aprile 2022 Polina Sadovskaya, direttrice dei programmi Eurasia presso PEN America. "I rischi che corrono gli scrittori in Ucraina sono incommensurabili e occorre fare ogni possibile passo per proteggerli e difendere i loro diritti", aveva concluso.

A quanto pare Vakulenko sarebbe stato rapito, torturato e ucciso per le sue attività filoucraine. Lo scrittore aveva preso parte, tra le altre cose, alla rivoluzione di Maidan e in passato si era arruolato volontario nell'esercito ucraino.

3318 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni