Covid 19
12 Novembre 2021
12:22

Quarta ondata Covid in Olanda, da sabato coprifuoco e smart working per due settimane

Attesa oggi per la conferenza stampa del premier olandese Mark Rutte che dovrebbe annunciare un lockdown light da domani, con coprifuoco dalle 19 e smart working.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

"Sabato inizia il lockdown leggero". Titola così il quotidiano olandese De Telegraaf annunciando le nuove misure restrittive che il governo si appresta a comunicare oggi per fermare la quarta ondata della pandemia di Covid-19 in corso nel Paese. La conferenza stampa del premier Mark Rutte per l'ufficializzazione della decisione è attesa per le 18. Per almeno due settimane, come conferma Reuters, negozi, ristoranti e caffè dovranno chiudere alle 19, quando scatterà un vero e proprio coprifuoco. Si sta inoltre valutando se le visite domiciliari debbano essere limitate a quattro persone, mentre resterà raccomandato il ricorso allo smart working "laddove è possibile". Resteranno invece aperte le scuole, secondo le ultime indiscrezioni. Le nuove misure restrittive tornano a meno di due mesi dall'allentamento deciso lo scorso settembre.

Ma nelle ultime settimane il numero dei contagi ha raggiunto cifre record ed è aumentata la pressione sugli ospedali. I nuovi positivi nel paese da 17,5 milioni sono quasi raddoppiati nell'ultima settimana e solo giovedì hanno raggiunto quota 16.300 in 24 ore, un primato dall'inizio della pandemia, con una incidenza settimanale superiore a 400 casi ogni 100mila abitanti. Il maggior numero di contagi è stato registrato ad Amsterdam, con 616 contagi, seguita da Rotterdam con 586 nuovi casi, L'Aia con 389 e Utrecht 263. Negli ospedali sono ora ricoverate 1.699 persone a causa del Covid-19, il numero più alto dal 23 maggio. Dopo un lockdown parziale di due settimane, è il parere degli esperti, l'ingresso nei luoghi pubblici dovrebbe poi essere limitato ai vaccinati o alle persone guarite di recente. Solo la scorsa settimana, i Paesi Bassi hanno reintrodotto le mascherine e ampliato l'elenco dei luoghi che richiedono il Green Pass per accedervi. Per quanto riguarda i numeri della campagna di vaccinazione, al momento la percentuale di popolazione completamente vaccinata in Olanda è pari all'85%, mentre le terze dosi sono state somministrate solo a immunodepressi e anziani. Il 55% dei pazienti negli ospedali e il 70% di quelli in rianimazione non erano vaccinati o avevano ricevuto soltanto la prima dose.

L'Olanda si aggiunge così all'elenco dei paesi europei che sono alle prese con la quarta ondata della pandemia e che stanno reintroducendo misure restrittive. È il caso della Germania, dove il ministro della Salute Spahn ha appena dichiarato che "si rischia un inverno duro, per questo si deve fare il possibile per fermare i contagi", dopo che il Robert Kock Institut ha chiesto lo stop contatti non essenziali ed eventi, ma anche dell'Austria: dopo che da lunedì scorso è in vigore in tutto il paese la regola 2 G che consente l'accesso a ristoranti, sport, movida e cultura solo a vaccinati o guariti, in Alta Austria si va verso un lockdown duro per i no vax, che potranno uscire di casa solo per fare la spesa, per lavorare e per l'attività motoria.

29723 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni