Conflitto in Ucraina
20 Settembre 2022
14:48

Per il presidente turco Erdogan Putin vuole concludere la guerra in Ucraina “il prima possibile”

In una lunga intervista alla tv americana Pbs, il presidente turco Erdogan ha fatto sapere che Putin sarebbe disposto a porre fine alla guerra in Ucraina il prima possibile: “Il modo in cui si stanno svolgendo le cose ora è piuttosto problematico”.
A cura di Ida Artiaco
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Vladimir Putin avrebbe intenzione di archiviare le guerra in Ucraina "il prima possibile".

È questa l'indiscrezione resa nota dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che ha incontrato nei giorni scorsi proprio il leader del Cremlino in Uzbekistan in occasione del 22esimo vertice dell'Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (Sco).

"Abbiamo avuto discussioni molto approfondite con lui – ha precisato Erdogan nel corso di una intervista alla tv americana Pbs, ripresa dai media inglesi -. E mi sta dimostrando che è disposto a porre fine a questa situazione il prima possibile. Questa è stata la mia impressione, perché il modo in cui si stanno svolgendo le cose ora è piuttosto problematico; 200 ostaggi saranno scambiati in seguito a un accordo tra le parti. Penso che si farà un passo avanti significativo".

Erdogan si riferisce all'accordo per lo scambio di 200 prigionieri di guerra tra Mosca e Kiev, "il più importante, in termini numerici, dall'inizio del conflitto", che la Turchia ha cercato di mediare nei giorni scorsi, e che potrebbe essere la chiave di volta per la risoluzione della guerra.

Sempre il presidente turco ha aggiunto: "Ho ancora il desiderio di portare allo stesso tavolo Putin e Zelensky, ho voglia di ascoltarli entrambi. Non ci sono riuscito, ma non ho perso la speranza di riuscirci". Erdogan ha anche chiesto la "restituzione a Kiev di tutte le terre invase, compresa la Crimea. Con il mio caro amico ne parliamo dal 2014 e più volte gli abbiamo chiesto di lasciarla. Ma purtroppo in questo caso non è stato compiuto alcun progresso".

Intanto, il Parlamento filorusso di Lugansk, nell'Est dell'Ucraina, ha approvato il referendum di unione alla Russia, che si terrà tra il 23 e il 27 settembre. Stessa decisione è stata presa nella vicina e autoproclamata Repubblica di Donetsk.

"Questi referendum sono di grande importanza non solo per la protezione sistemica dei residenti della Repubblica del Lugansk e del Donetsk e di altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica", è stato il commento del vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev, su Telegram. "L'invasione del territorio della Russia è un crimine che consente l'uso di tutte le forze di autodifesa", ha aggiunto, spiegando che per questo i referendum "sono così temuti a Kiev e in Occidente" e "devono essere tenuti".

3150 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni