Opinioni
Conclave
13 Marzo 2013
23:57

Il Papa gesuita col nome del frate poverello riuscirà a riportare semplicità in Vaticano?

Il segnale del nuovo Pontefice Bergoglio per scuotere la Chiesa Cattolica dopo gli scandali e i veleni dell’ultimo periodo di Ratzinger.
Il nuovo Papa Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco I
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conclave


Abbiamo Papa Francesco, dunque (senza il numero, ci hanno detto che non serve quando è il primo). Il Papa gesuita che porta il nome del fondatore dell'Ordine dei Frati Minori. Sembra quasi una ironia della sorte. E in effetti le battute sulla diversità tra gesuiti e francescani ce ne sono a bizzeffe. Una delle storielle più riuscite è questa: "Un gesuita e un francescano sono invitati a pranzo in una famiglia. Giunti al dessert, il gesuita prende il pezzo di dolce più grosso e lascia al frate quello più piccolo. Il francescano dice: ‘Beh, a noi San Francesco ci ha insegnato a prendere quello più piccolo!. E il gesuita ‘E infatti quello ha avuto, padre'…". Vero è che qualcuno ritiene che in realtà potrebbe essere anche l'omaggio ad un santo gesuita, il Francesco Saverio spagnolo; tuttavia per il mondo il nuovo Pontefice Jorge Mario Bergoglio, 76 anni, arcivescovo di Buenos Aires ha scelto il nome del frate poverello di Assisi, al secolo Francesco Giovanni di Pietro Bernardone. Sarà difficile durante questo pontificato non associare gli atti del Papa all'idea che Francesco ebbe della Chiesa. Quest'associazione è la cosa più affascinante di queste ore e non bisogna essere un vaticanista o un particolare esperto di fatti di religione per avvertirlo. Il Santo del "Laudato sie, mi’ Signore" è il simbolo di una Chiesa che guardi alla povertà e alla semplicità e non alle banche e ai Leaks, non ai documenti trafugati e ai Segretari di Stato ma che sappia cogliere lo spirito della Regola francescana e del Cantico ("Laudate et benedicete mi' Signore et ringratiate et serviateli cum grande humilitate"). Il "figlio" di Ignazio da Loyola che abbraccia Francesco è anche il simbolo ideale di un abbraccio fra due distinte anime della Chiesa cattolica, un segnale nella direzione dell'unità, contro una Curia autoreferenziale fatta di intrighi e tradimenti che probabilmente molto hanno inciso nella decisione, clamorosa, delle dimissioni, presa da Joseph Ratzinger.

Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Conclave
10 contenuti su questa storia
Papa, la profezia su Twitter:
Papa, la profezia su Twitter: "Ho sognato che il nuovo Papa si chiamerà Francesco"
#PapaVorrei: speranze, aspettative e certezze del Pontificato di Francesco
#PapaVorrei: speranze, aspettative e certezze del Pontificato di Francesco
I primi impegni pubblici di Bergoglio, Papa Francesco
I primi impegni pubblici di Bergoglio, Papa Francesco
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni