112 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
4 Ottobre 2022
17:55

Ora la tv russa ammette sconfitta in Ucraina, generali nel mirino: “Vanno sostituiti per codardia”

Qualcosa è profondamente cambiato anche nella tv di stato russa alla luce delle sconfitte militari in Ucraina. I toni sembrano indicare che si è alla ricerca di un capro espiatorio.
A cura di Antonio Palma
112 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Dopo mesi di propaganda sull‘"operazione speciale" in Ucraina e la "cacciata dei nazisti" da Kiev, qualcosa è profondamente cambiato anche nella tv di stato russa alla luce delle sconfitte militari.

Da giorni infatti il tono degli interventi di ospiti e conduttori nelle principali trasmissioni di dibattito fanno chiaro riferimento alla sconfitta e ritirata delle truppe davanti all’avanzata dell’esercito ucraino.

I toni però non sono certo quelli pacifisti ma di chi invece è alla ricerca di un capro espiatorio per quanto accaduto sui campi di battaglia.

Un clima che si respira anche tra la popolazione come dimostrano i messaggi sui social  ma che in tv assumono i contorni della rabbia anche contro i vertici militari russi.

Lo stesso Caporedattore di Russia Today, Margarita Simonyan, considerata la “regina” della propaganda russa, si è scagliata contro il comando militare russo.

Apparsa nel corso della trasmissione di Vladimir Solovyov, Simonyan ha chiesto che l’intero comando venga sostituito "per codardia".

Margarita Simonyan
Margarita Simonyan

"Vigliaccheria, abbandono volontario di posizioni strategiche senza coordinamento con il comando superiore, crollo del comando e controllo delle truppe, inazione del potere" sono gli errori elencati da Simonyan ribadendo però il concetto che si è di fronte alle armi della Nato.

“Questo territorio, tre volte più grande del Belgio, è saturo di ogni tipo di arma, ogni tipo di istruttori, tutta la volontà, la forza e la potenza dell'intero Occidente. Se qualcuno nell'esercito non lo capisce, forse dovremmo rivedere la cosa e sostituire queste persone" ha aggiunto.

Olga Skabeyeva e Andrei Marochko
Olga Skabeyeva e Andrei Marochko

Stesso atteggiamento anche da parte di Olga Skabeyeva, altro cardine della propaganda russa. "Perché avanziamo metro dopo metro quando loro avanzano villaggio dopo villaggio?" ha chiesto in diretta ad Andrei Marochko, portavoce della "milizia popolare" di Luhansk, i filorussi del Donbass, durante una trasmissione tv. La risposta del militare collegamento in video ancora una volta ha fatto riferimento alla Nato. “Stiamo combattendo contro la Nato piuttosto che con l'Ucraina” ha spiegato.

Sempre nel corso di una nota trasmissione anche il vicepresidente del Comitato di difesa Dmitry Sablin, ha confermato le perdite sul campo proponendo: "Dobbiamo fermarci, riorganizzarci, prepararci e accumulare riservisti. Ci vorrà tempo ma siamo obbligati a riorganizzarci". "Stiamo giocando una partita lunga, la guerra va avanti da 30 anni e solo ora si è tolta la maschera. Dobbiamo capire che le industrie non si ricostruiscono velocemente, abbiamo bisogno di nuove attrezzature, strumenti e stabilimenti ma anche di addestrare gli uomini" ha aggiunto Sablin.

112 CONDIVISIONI
3154 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni