1.990 CONDIVISIONI
Covid 19
10 Dicembre 2020
20:57

“Non permettiamo che questo sia l’ultimo Natale con i nonni”: le parole toccanti di Angela Merkel

Le toccanti parole che Angela Merkel ha pronunciato davanti al Bundestag in quello che la Bild ha definito uno dei suoi discorsi più emotivi di sempre: “Se avessimo troppi contatti sociali prima delle feste, e se questo finisse per essere l’ultimo Natale trascorso con i nostri nonni, allora sì che avremmo sbagliato qualcosa. Non dobbiamo permettere che questo accada”.
A cura di Ida Artiaco
1.990 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Per il quotidiano tedesco Bild è stato il suo discorso più emotivo di sempre. Le parole pronunciate ieri davanti al Bundestag da Angela Merkel, che ha fatto appello alla responsabilità contro il crescente numero di vittime in Germania, hanno fatto il giro del mondo. Con voce quasi rotta, la cancelliera ha infatti spiegato che "se la scienza chiede di anticipare le vacanze, si deve trovare una strada", dicendosi disposta anche ad inasprire ulteriormente le misure restrittive, con un lockdown più duro prima e dopo le vacanze di Natale, perché " e mi fa davvero male al cuore, se il prezzo da pagare è di 590 morti al giorno, allora non è accettabile". Il riferimento è all'ultimo bollettino reso noto dal Robert Koch Institute, che ha segnato un nuovo record di decessi in tutto il Paese. Anche perché "fino alle feste ci sono ancora due settimane, 14 giorni, ma al momento in Germania i contagi continuano ad aumentare".

"Cosa diremo in futuro – ha continuato la cancelliera -, guardandoci indietro, se non saremo stati in grado di trovare una soluzione riguardo tre giorni, mentre è in corso un evento epocale? E forse non è giusto rimandare i bambini a casa, ma ci sarà la didattica digitale o qualcos’altro. Io questo non lo so, non è la mia area di competenza e non voglio interferire. Ma voglio dire che se avessimo troppi contatti sociali prima delle feste, e se questo finisse per essere l’ultimo Natale trascorso con i nostri nonni, allora sì che avremmo sbagliato qualcosa. Non dobbiamo permettere che questo accada", ha aggiunto Merkel cercando di spiegare perché è importante andare verso provvedimenti più severi prima e dopo le festività. Anche in parlamento, dopo le indiscrezioni filtrate nei giorni scorsi, ha ribadito che il numero dei contagi è ancora troppo elevato, e che la riduzione dei contatti sociali dovuta alle restrizioni attualmente in vigore non è sufficiente. Di qui l’appello a "fare qualcosa insieme, governo e Länder", prendendo sul serio le richieste dell’Accademia Leopoldina, la più antica società scientifica e medica di lingua tedesca, che spinge per un lockdown più severo dal 14 dicembre al 10 gennaio.

1.990 CONDIVISIONI
31297 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni