501 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Negoziati tra Russia e Ucraina, si ricomincia: quali sono le richieste e cosa può succedere

Ricominciano i negoziati tra Russia e Ucraina, ma stavolta a distanza. Le due delegazioni si incontreranno lunedì in videoconferenza per il quarto round. Sul tavolo c’è sempre il cessate il fuoco e l’apertura di corridoi umanitari. Entrambe le parti parlano di progressi e passi avanti, ma – almeno a livello ufficiale – finora i colloqui non hanno portato a nulla.
A cura di Tommaso Coluzzi
501 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È pronto un nuovo round di negoziati tra Russia e Ucraina. In giornata si è prima sparsa la voce di un incontro tra martedì e mercoledì, poi è arrivata la conferma sia da Mosca che da Kiev. Il formato, però, stavolta sarà differente: le delegazioni si confronteranno in videoconferenza lunedì 14 marzo e non più nella foresta al confine tra Polonia e Bielorussia. Sarà un negoziato a distanza insomma, che tutto il mondo guarderà con estrema attenzione dopo il fallimento dei precedenti in cui, in pratica, si è stabilito solo di aprire dei corridoi umanitari che poi – nella maggior parte dei casi – sono rimasti solo sulla carta. Stesso discorso vale per l'incontro in Turchia tra i due ministri degli Esteri, ritenuto sostanzialmente un flop.

Nei giorni scorsi è arrivata un'apertura importante dal presidente ucraino Zelensky, che ha parlato di aprire una discussione su Crimea e Donbass, ma dalla Russia ancora non sono stati fatti passi avanti. Almeno ufficialmente. E intanto Turchia e Israele si candidano a svolgere il ruolo di mediatori nella trattativa. Il premier israeliano Bennett ha accolto la proposta di Zelensky di una trattativa con Putin a Gerusalemme, ma quello scenario sembra ancora distante.

Mykhailo Podoliak, consigliere del presidente ucraino e negoziatore di Kiev, ha detto oggi di aspettarsi "risultati concreti" nei prossimi giorni nei colloqui con la Russia. Mosca "è diventata molto più sensibile alla posizione ucraina" e "ha iniziato a parlare in modo costruttivo", ha aggiunto Podoliak in un video pubblicato sul suo profilo Twitter. "Le nostre proposte sono sul tavolo – ha continuato – Sono molto forti. Tra queste ci sono il ritiro delle truppe e il cessate il fuoco".

Intanto, secondo quanto riferisce Riva Novosti, Leonid Slutsky – membro della delegazione russa – ha parlato di passi avanti fatti tra le parti dall'inizio dei colloqui: "Se confrontiamo le posizioni di Russia e Ucraina nei negoziati all'inizio e ora, possiamo vedere progressi significativi – ha detto – Mi aspetto che i progressi possano trasformarsi in una posizione comune di entrambe le delegazioni e in un documento da firmare".

Sul piatto, insomma, ci sono molte possibilità. Se le parti dicono di aver fatto passi avanti, la realtà è che per ora non si è nemmeno riusciti ad attivare dei corridoi umanitari sicuri per far evacuare i civili dalle grandi città. L'apertura di Zelensky su Crimea e Donbass è caduta nel vuoto, al momento. Le richieste da parte dell'Ucraina sono sempre le stesse: cessate il fuoco in primis. Dalla Russia, invece, sembrano continuare a prendere tempo per sedersi a quel tavolo con più carte da giocare.

501 CONDIVISIONI
4322 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views