8.614 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
6 Luglio 2022
15:07

Modella e tiratrice scelta brasiliana uccisa in un bombardamento a Kharkiv

Thalito do Valle, modella brasiliana di 39 anni ma soprattutto esperta tiratrice scelta, è stata uccisa la scorsa settimana a Kharkiv: aveva combattuto anche in Iraq contro l’Isis.
A cura di Davide Falcioni
8.614 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Thalito do Valle, modella brasiliana di 39 anni ma soprattutto esperta tiratrice scelta, è stata uccisa la scorsa settimana a Kharkiv , la città nord-orientale dell'Ucraina oggetto di intensi bombardamenti. La donna era nascosta in un bunker che è stato distrutto da un missile sparato dalle forze armate russe. A perdere la vita insieme a lei anche un altro combattente brasiliano, Douglas Búrigo.

Do Vale in precedenza aveva preso parte a svariate missioni militari in tutto il mondo combattendo anche contro l' ISIS in Iraq. Per questo era considerata una volontaria con un elevato livello di preparazione e non una figura improvvisata, e per questo da tempo uno scrittore aveva iniziato a raccogliere le sue testimonianze per trasformarle in un libro. Il fratello della donna, Theo Rodrigo Viera, ha detto che era un'eroina che desiderava solo salvare vite umane e partecipare a missioni umanitarie ovunque ce ne fosse bisogno. Valle era in Ucraina da sole tre settimane, e lavorava sia come soccorritrice che come cecchina.

Douglas Búrigo e Thalito do Valle
Douglas Búrigo e Thalito do Valle

La donna aveva già visto la morte in faccia ed era sopravvissuta a un bombardamento nella capitale ucraina, Kiev. In seguito a quell'attacco, aveva riferito alla sua famiglia che non poteva più parlare al cellulare poiché le attività dei telefoni cellulari erano monitorate dai droni russi. I suoi cari quindi l'hanno sentita solo di rado e sono riusciti a parlarle per l'ultima volta la scorsa settimana, dopo che si era appena trasferita a Khariv.

La morte di Douglas Búrigo e Thalito do Valle è stata confermata dal ministero degli Affari esteri brasiliano, che in una nota ha spiegato di aver fin da subito sconsigliato ai cittadini del Paese sudamericano di recarsi in Ucraina a causa degli alti rischi che correvano. I due combattenti, tuttavia, avevano ignorato i suggerimenti del governo e – come in altre circostanze – si erano recati sul campo di battaglia forti delle esperienze maturate in altri contesti ad alto rischio, come l'Iraq.

8.614 CONDIVISIONI
2701 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni