59 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

L’Unione Europea invierà un milione di munizioni all’Ucraina

Entro il prossimo anno l’Unione Europea invierà all’Ucraina un milione di munizioni e si preparerà a rifornire i propri arsenali.
A cura di Davide Falcioni
59 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Mentre la comunità internazionale è impegnata a discutere la proposta cinese per la pace in Ucraina l'Unione Europea si prepara ad inviare a Kiev un milione di munizioni entro un anno. L'impegno, già annunciato nei mesi scorsi, è stato messo ieri nero su bianco: "Siamo stati veloci, è una dimostrazione che l'Ucraina può contare su di noi", ha commentato Josep Borrell, alto rappresentante della politica estera e di difesa dell'UE. La proposta di Borrell ha ottenuto il via libera dai 27 ministri degli Esteri e della Difesa riuniti in Consiglio a Bruxelles, ma i dettagli andranno messi a punto dai tecnici su altri tavoli.

Le tre fasi del piano UE

Il piano europeo è diviso in tre fasi. La prima prevede di attingere ai depositi militari di tutti i Paesi che hanno aderito all'accordo e di donare le munizioni, sia occidentali che sovietiche, missili compresi, se richiesto, a Kiev. L'operazione dovrebbe contare sul rimborso al 50% del Fondo Europeo per la Pace che attingerebbe al miliardo di euro messo sul piatto dall'Ue.

Immagine

La fase due prevede acquisti comuni, con procedure d'emergenza, per rifornire gli stock e, contestualmente, donare altre munizioni da 155 mm a Kiev, favorendo l'industria europea della difesa (Ue più Norvegia). Chi donerà all'Ucraina le munizioni acquistate nella fase due potrà contare su un altro miliardo dell'Epf da utilizzare come rimborso al 50%. In tutto, dunque, due miliardi di euro in rimborsi e almeno quattro miliardi di euro spesi effettivamente dagli Stati membri.

La terza fase invece prevede ingenti finanziamenti al settore della difesa europeo per aumentare le capacità produttive dopo anni di calo degli investimenti. La novità in questo caso è che il Consiglio chiede alla Commissione di proporre misure "anche, se del caso, mobilitando il bilancio dell'Unione Europea".

Kiev ha ringraziato l'Europa per la decisione "storica", ma ha anche chiesto di attuare il piano "rapidamente" perché ogni singolo proiettile di artiglieria è in grado di salvare vite.

59 CONDIVISIONI
4303 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views