857 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
30 Aprile 2022
10:47

Lugansk, sindaco di Popasna: “Russi hanno sparato contro due bus che evacuavano civili”

Il sindaco della città Popasna, nella parte più orientale di Lugansk, ha raccontato che dei soldati russi avrebbero sparato contro due autobus che stavano evacuando civili dalla città.
A cura di Annalisa Girardi
857 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Due scuole e ben 20 palazzi residenziali sono stati bombardati dall'esercito russo nell'ultimo giorno a Lugansk. "I russi stanno prendendo d'assalto Rubizhne e Popasna", ha comunicato il capo dell'amministrazione militare regionale, Sergii Gaidai su Telegram riportato da Ukrinform. Le forze ucraine hanno anche fatto sapere di aver respinto nel frattempo 14 attacchi nemici nelle regioni di Donetsk e Lugansk: ma le ostilità proseguono senza sosta in questi territori.

"La situazione nel Donbass è difficile", ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel suo aggiornamento notturno sulla guerra. Intanto, il sindaco della città Popasna, nella parte più orientale di Lugansk, ha raccontato che dei soldati russi avrebbero sparato contro due autobus che stavano evacuando civili dalla città. Lo riporta il Kyiv Independent. Le autorità della regione non sono ancora riuscite a mettersi in contatto con gli organizzatori dell'evacuazione, che si trovavano sul bus al momento dell'attacco, in quanto tutte le comunicazioni sono saltate: non si sa quindi se ci siano vittime o meno. Sarebbe stato anche colpito un mezzo della polizia che consegnava forniture mediche a un ospedale. Sarebbe stato centrato, sempre secondo quanto riporta il capo dell'amministrazione militare, da colpi di mortaio a Severodonetsk, dove anche un'altra auto di volontari sarebbe stata colpita dal fuoco russo. Non si sa ancora se ci siano o meno vittime.

"Nel Donbass, gli occupanti stanno facendo di tutto per distruggere qualsiasi forma di vita in quest'area. I continui bombardamenti brutali, i continui attacchi russi alle infrastrutture e alle aree residenziali mostrano che la Russia vuole rendere disabitata questa zona", ha aggiunto ancora Zelensky. L'avanzata nel Donbass negli ultimi giorni, per quanto i raid continuino senza sosta, sarebbe in fase di rallentamento, mentre Mosca cerca di aumentare la pressione a Est, serrando i dintorni di Kharkiv. Dove anche questa notte si sono sentite diverse esplosioni.

857 CONDIVISIONI
2597 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni