video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

L’Onu accusa Russia e Ucraina: “Effettuate decine di esecuzioni sommarie di prigionieri di guerra”

Sia le forze armate russe che quelle ucraine hanno effettuato decine di esecuzioni sommarie di prigionieri di guerra durante l’invasione russa dell’Ucraina.
A cura di Davide Falcioni
70 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Sia le forze armate russe che quelle ucraine hanno effettuato decine di esecuzioni sommarie di prigionieri di guerra durante l'invasione russa dell'Ucraina. A renderlo noto sono state questa mattina le Nazioni Unite. "Siamo profondamente preoccupati per l'esecuzione sommaria di 25 prigionieri di guerra russi e di persone fuori combattimento" e per quella di "15 prigionieri di guerra ucraini", ha affermato Matilda Bogner, capo della missione di monitoraggio dei diritti umani. Secondo Bogner, l'Onu ha documentato queste esecuzioni di russi da parte delle forze armate ucraine, "spesso" effettuate "immediatamente dopo la cattura sul campo di battaglia".

L'Onu è a conoscenza di cinque indagini condotte da Kiev che coinvolgono 22 vittime, ma "non siamo a conoscenza di alcun procedimento contro gli autori" di questi crimini, ha aggiunto. Per quanto riguarda le esecuzioni di 15 prigionieri di guerra ucraini "subito dopo la loro cattura da parte delle forze armate russe", 11 di loro sono state perpetrate dal gruppo paramilitare russo Wagner, ha specificato Bogner.

Immagine

621 casi di sparizione forzata e detenzione illegale di civili da parte dei russi

Secondo la missione di monitoraggio dei diritti umani dell'Onu in Ucraina dal 24 febbraio del 2022sono stati documentati 621 casi di sparizione forzata e detenzione illegale di civili da parte delle forze armate russe. "Nei territori occupati dell'Ucraina – ha detto Matilda Bogner – abbiamo documentato esecuzioni arbitrarie e attacchi a singoli civili da parte delle forze armate della Federazione Russa, nonché detenzioni illegali diffuse e sparizioni forzate. Dal 24 febbraio 2022, abbiamo documentato 621 casi di sparizione forzata e la detenzione illegale di civili da parte delle forze armate russe", ha detto il capo della missione.

La missione ha condotto colloqui con 127 civili, di cui il 90% ha riferito di aver subito torture durante la detenzione. Borger ha spiegato che in alcuni di questi casi "ciò includeva la violenza sessuale". Durante lo stesso periodo, l'Onu ha anche registrato 91 casi di sparizione forzata e detenzione illegale commessi da strutture ucraine. "La tortura e l'esecuzione arbitraria sono assolutamente proibite. Tutti i trasgressori devono essere assicurati alla giustizia", ha sottolineato Bogner. Come riportato, la missione di monitoraggio dei diritti umani delle Nazioni Unite in Ucraina ha documentato che più di 8mila civili sono stati uccisi e quasi 14mila  sono rimasti feriti a causa della guerra.

70 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views