2.385 CONDIVISIONI
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus
5 Agosto 2022
11:17

Long Covid, rischio infarto e ictus resta elevato anche mesi dopo l’infezione

Secondo quanto pubblicato sulla rivista Nature, una serie di studi confermano che il rischio di problemi cardiocircolatori, come ictus e infarto, resta alto anche mesi dopo aver contratto l’infezione da Covid-19: “Il contagio può alterare in modo permanente la salute di alcune persone, riducendone la qualità della vita sul lungo periodo”.
A cura di Ida Artiaco
2.385 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Cosa sappiamo sul Long Covid, gli effetti a lungo termine del Coronavirus

Il rischio di problemi cardiocircolatori, come ictus e infarto, resta alto anche mesi dopo aver contratto l'infezione da Covid-19.

È quanto emerge da una serie di studi pubblicati sulla rivista Nature, l'ultimo dei quali è stato realizzato da Ziyad Al-Aly, epidemiologo della Washington University di St. Louis, Missouri e dai suoi colleghi.

I ricercatori hanno confrontato più di 150mila veterani che si erano ripresi da Covid-19 acuto con i loro coetanei non infetti, nonché con un gruppo di controllo pre-pandemia proprio per stimare la frequenza con cui l'infezione da Sars-CoV-2 porta a problemi cardiovascolari.

Dall'analisi è emerso che le persone che avevano avuto la malattia hanno affrontato rischi sostanzialmente maggiori per 20 condizioni cardiovascolari nell’anno successivo all’infezione con il Sars-CoV-2. Ed anche coloro che non erano stati ricoverati in ospedale avevano aumentato il rischio per molte condizioni, che andavano da un aumento dell’8% del tasso di attacchi di cuore a un aumento del 247% del tasso di infiammazione cardiaca.

Per Al-Aly, lo studio ha aggiunto al crescente corpo di prove che un attacco di Covid-19 può alterare in modo permanente la salute di alcune persone, riducendone la qualità della vita sul lungo periodo.

Nel frattempo, i ricercatori stanno cercando di capire anche chi è più a rischio di questi problemi cardiaci, per quanto tempo persiste il rischio e cosa causa questi sintomi. Nature esamina le domande che gli scienziati si pongono e le risposte che hanno scoperto finora. Nonostante le sue grandi dimensioni, lo studio VA viene fornito con alcuni avvertimenti, affermano i ricercatori. Lo studio è osservazionale, il che significa che riutilizza i dati raccolti per altri scopi, un metodo che può introdurre pregiudizi. Ad esempio, lo studio considera solo i veterani, il che significa che i dati sono distorti verso gli uomini bianchi. "Non abbiamo davvero alcuno studio del genere che riguardi una popolazione più diversificata e più giovane", afferma Eric Topol, un genomista presso Scripps Research a La Jolla, in California, ritenendo che siano necessarie ulteriori ricerche prima che gli scienziati possano quantificare veramente la frequenza con cui si verificano questi problemi cardiovascolari.

Ma, nonostante ciò, i valori tendono ad essere giusti.

Un altro studio ha rilevato che, nei 4 mesi successivi all’infezione, le persone che avevano avuto il Covid-19 avevano un rischio di insufficienza cardiaca di circa 2,5 volte maggiore rispetto a quelle che non erano state infettate. Sarah Wulf Hanson dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington a Seattle ha utilizzato i dati di Al-Aly per stimare a quanti attacchi di cuore e ictus è stato associato il Covid-19. Ebbene, il suo lavoro inedito mostra come, nel 2020, le complicazioni dopo Covid-19 hanno causato 12mila ictus in più e 44mila attacchi di cuore in più negli Stati Uniti, numeri che sono saliti a 18mila ictus e 66mila attacchi di cuore nel 2021.

Ciò significa che il Covid-19 avrebbe aumentato i tassi di infarto di circa l’8% e di ictus di circa il 2%. Gli effetti indiretti della pandemia, come visite mediche mancate, stress e la natura sedentaria dell’isolamento a casa, probabilmente hanno ulteriormente contribuito al carico cardiovascolare per molte persone, suggeriscono gli scienziati su Nature. Ma si tratta ancora di ipotesi e numerosi studi sono stati avviati per dare una risposta al problema.

2.385 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni