454 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
9 Marzo 2022
12:21

La condizione della Russia per continuare i colloqui con l’Ucraina: “Kiev riconosca Donbass sovrano”

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov: “La Russia vuole tenere colloqui con l’Ucraina il prima possibile, dipende dalla volontà di Kiev, che deve riconoscere le Repubbliche di Donetsk e Lugansk come Stati sovrani e indipendenti”.
A cura di Ida Artiaco
454 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La Russia vuole tenere colloqui con l'Ucraina "il prima possibile, dipende dalla volontà di Kiev". Lo ha dichiarato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov citato dalla Tass aggiungendo però che le Repubbliche di Donetsk e Lugansk sono "Stati sovrani e indipendenti" e che l'Ucraina dovrebbe riconoscerli come tali. La dichiarazione arriva prima del quarto round di negoziati che Mosca è interessata a tenere "il prima possibile non appena la parte ucraina sarà pronta", ha aggiunto Peskov. Ma al momento nessuna delle due delegazioni ha ancora indicato data e luogo del prossimo incontro.

Peskov (Getty).
Peskov (Getty).

Non è la prima volta che il portavoce del Cremlino parla di questa "condizione" come unica possibilità per permettere alle due parti in guerra di continuare a dialogare. Già ieri, in una intervista alla Reuters, Peskov aveva spiegato che Kiev è a conoscenza di quanto richiesto da Mosca, e cioè "incorporare la neutralità nella propria Costituzione, riconoscere la Crimea come territorio russo e riconoscere le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk come Stati indipendenti", aggiungendo che "tutto questo può essere fermato in un attimo" e che "non è vero" che la Russia intende annettere l'intero Paese. Da parte sua Kiev "cercherà un cessate il fuoco, la liberazione dei suoi territori e la risoluzione delle questioni umanitarie causate dalle ostilità", ha detto il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba in una diretta Facebook alla vigilia dell'incontro in Turchia con l'omologo russo Serghei Lavrov, in programma domani.

La Russia, ha aggiunto Peskov, risponderà anche al bando Usa sui prodotti energetici annunciato ieri dal presidente Biden facendo "ciò che è necessario e vantaggioso per noi in queste circostanze. Stiamo proteggendo i nostri interessi e agiremo coerentemente con questi". Inoltre, "il Gabinetto dei ministri della Federazione Russa preparerà in poche ore un elenco di materie prime e prodotti, la cui importazione ed esportazione potrebbe essere limitata a causa delle sanzioni".

454 CONDIVISIONI
2842 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni