2.309 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Intera famiglia sterminata mentre il figlio ascolta tutto al telefono

“Stiamo scappando”, poi gli spari e il silenzio. Il figlio sente a telefono lo sterminio dell’intera famiglia. “Sentivo piangere mio nipote, aveva solo un mese e mezzo. Poi gli spari, e il silenzio”.
A cura di Giuseppe Cozzolino
2.309 CONDIVISIONI
Da sinistra verso destra: Irina, 27 anni, la figlia Sofia, 6 anni, i suoceri Anna e Oleg, 56 anni.
Da sinistra verso destra: Irina, 27 anni, la figlia Sofia, 6 anni, i suoceri Anna e Oleg, 56 anni.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un'intera famiglia di cinque persone sterminata mentre cercava di fuggire dall'invasione russa dell'Ucraina: è accaduto a Nova Kachovka, nel sud del paese, non distante da Kherson, la prima grande città ucraina caduta in mani russe dall'inizio della guerra. A morire sono stati Irina Alexandrova Fedko, 27 anni, i figli Sofia Olehivna di 6 anni e il neonato di sole sei settimane Ivan Olegovic, e i suoceri Anna Vasylivna e Oleg Ivanovic, entrambi di 56 anni.

Gli spari mentre erano al telefono con il figlio

Erano tutti fuggiti dai bombardamenti russi sulla loro città, grande porto lungo il fiume Dnipr e a poca distanza da Kherson: a salvarsi è stato solo il marito della donna, Oleg Fedko, 30 anni, che lavora come poliziotto ed era rimasto in città a prestare servizio. A gettare un'ombra cupa sulla vicenda è anche il fatto che i cinque morti durante la fuga non sarebbero vittime dei bombardamenti, ma dei proiettili di soldati russi.

Da sinistra verso destra: Irina, 27 anni, la figlia Sofia, 6 anni, in braccio al padre Oleg, 30 anni e unico superstite, quindi i genitori dell'uomo: Anna e Oleg, 56 anni.
Da sinistra verso destra: Irina, 27 anni, la figlia Sofia, 6 anni, in braccio al padre Oleg, 30 anni e unico superstite, quindi i genitori dell'uomo: Anna e Oleg, 56 anni.

A raccontare questa versione è stato Denis Fedko, fratello del trentenne Oleg e figlio dei due 56enni in fuga con nuora e nipoti. Denis era a telefono con la madre, mentre il padre era alla guida dell'auto: i cinque avevano deciso di lasciare la loro casa con l'avanzare delle truppe russe, quando improvvisamente, mentre erano ancora a telefono, Denis ha sentito la madre urlare, con in sottofondo le urla dei nipoti. "Come potete farlo?", le ultime parole sentite pronunciare alla madre. Poi suoni di spari. "Ho sentato Ivan piangere, aveva solo un anno e mezzo. Poi altri spari, poi silenzio. Poi altri spari, almeno due o tre colpi. Penso li abbiano finiti". Una versione che testimonierebbe, riportano i media ucraini, la brutalità dell'invasione russa e la loro volontà di colpire deliberatamente anche i civili.

2.309 CONDIVISIONI
4321 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views