2.251 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
9 Marzo 2022
17:31

Guerra Ucraina, fosse comuni a Mariupol. La denuncia del vicesindaco: “1170 morti, è genocidio”

Le autorità di Mariupol denunciano che la città è sotto il continuo attacco dei bombardamenti russi. Il vicesindaco ha parlato di 1170 persone uccise, 47 sepolte oggi in una fossa comune: “È medievale”.
A cura di Susanna Picone
2.251 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Bombe, migliaia di vittime, fosse comuni, assenza di ogni servizio. È drammatica la situazione a Mariupol, città ucraina da giorni sotto le bombe russe. Il vicesindaco della città Sergiy Orlov parla di genocidio, con 1.170 persone uccise e 47 sepolte in una fossa comune solo oggi. Mariupol, dove oggi è stato distrutto dalle bombe russe anche un ospedale con reparti pediatrici e maternità, sarebbe senza acqua, luce e gas. Le persone rimaste in città sarebbero costrette a bere neve scongelata e scaldarsi bruciando la legna. Un parlamentare ucraino ha detto alla BBC che le autorità di Mariupol ritengono di avere a disposizione solo tre giorni di scorte di cibo prima che la fame inizi a farsi davvero sentire.

"È medievale”, così il vicesindaco di Mariupol secondo cui il presidente russo Putin "vuole l'Ucraina senza gli ucraini”. “È un puro genocidio. L'attacco condotto dalla Russia non è semplicemente infido, è un crimine di guerra. Ci stanno attaccando con aviazione, proiettili, lanciarazzi multipli”, ha detto ancora. Secondo quanto denunciato dal vicesindaco di Mariupol l'esercito russo ha bombardato il corridoio di evacuazione, minato la strada e messo un posto di blocco: su 200mila persone che cercano di scappare sono 2-3mila al giorno sono in grado di uscire sugli autobus. Secondo la denuncia degli ucraini, i russi bombardano deliberatamente i punti di raccolta prendendo di mira quelli che cercano di uscire. “Stanno sparando e bombardano il corridoio umanitario. Questa è la situazione", dice il vicesindaco chiedendo ancora una volta una no-fly zone.

A chiedere di fermare gli aerei citando Mariupol anche lo stesso presidente ucraino Zelensky, che dopo il bombardamento dell'ospedale pediatrico ha twittato: "Persone, bambini, sono sotto le macerie. Questa è atrocità! Per quanto ancora il mondo sarà complice nell'ignorare il terrore? Chiudete subito il cielo, fermate subito gli omicidi! Avete il potere. Qui si sta perdendo l'umanità".

2.251 CONDIVISIONI
3315 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni