9.993 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
13 Marzo 2022
13:51

Giornalista americano Brent Renaud ucciso in Ucraina a Irpin: stava filmando profughi in fuga

Il Giornalista americano Brent Renaud era in Ucraina per filmare profughi in fuga. A comunicare la morte il capo della Polizia ucraina Andrei Nebitov. Ferito un altro giornalista.
A cura di Antonio Palma
9.993 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Il Giornalista americano Brent Renaud è stato ucciso in Ucraina dalle forze russe durante uno scontro a fuoco. Lo ha reso noto con un post su Facebook il capo della Polizia della regione di Kiev, Andrei Nebitov. Su twitter sono state diffuse foto dei documenti del cronista che sembrano confermare la sua sorte. Secondo le forze di sicurezza ucraine, Brent Renaud è stato ucciso e un suo collega è stato ferito a colpi di arma da fuoco ad Irpin, cittadina nei sobborghi di Kiev dove da giorni infuriano i combattimenti tra forze russe e ucraine. In zona i russi stanno cercando di concludere l'accerchiamento della capitale ucraina prima dell'assalto finale. "Occupanti cinici uccidono anche i giornalisti dei media internazionali che cercano di mostrare la verità sull'azione delle truppe russe in Ucraina" si legge nel post del capo della polizia di Kiev che mostra, oltre al tesserino del reporter, anche il documento di identità del 57enne.

"Certo, la professione di giornalista è un rischio, ma il cittadino statunitense Brent Renaud ha pagato la vita per aver cercato di evidenziare la crudeltà e la spietatezza dell'aggressore" scrive ancora Nebitov riportando che oltre a Brent, altri due corrispondenti sono rimasti feriti. "I feriti sono già stati salvati e portati all'ospedale della capitale. Il loro stato di salute non è noto" ha fatto sapere l'ufficiale di polizia. A Irpin nei giorni scorsi bombardamenti hanno colpito indiscriminatamente anche civili in fuga, colpiti in strada e uccisi mentre tentavano di lasciare la città e sfuggire all'esercito russo e ai combattimenti. Lacittà è bersagliata ormai da giorni sia da missile che da bombe ed è ridotta a un cumulo di macerie.

Collega di Renaud ferito: "Stavamo filmando i profughi in fuga"

Il giornalista stava filmando con i colleghi i profughi in fuga da Irpin quando insieme sono stati sorpresi da colpi di arma da fuoco ad un checkpoint. Renaud è stato colpito al collo ed è morto all'istante mentre il collega è stato trasferito in ospedale. In un video sui social si può ascoltare la versione del giornalista ferito e in ospedale che racconta di come Renaud sia stato colpito al collo dai proiettili. "Stavamo filmando i profughi in fuga", dice l'uomo su un lettino dell'ospedale Okhmatdet dove sta ricevendo cure mediche.

New York times: "Brent Renaud non era in Ucraina per conto del quotidiano"

"Siamo profondamente rattristati dalla morte di Brent Renaud. Brent era un fotografo e un reporter di talento che negli anni passati aveva collaborato con noi". Lo scrive il New York Times in un comunicato dopo l'uccisione di Renaud a Irpin. "Anche se aveva collaborato con il Nyt in
passato non si trovava in missione in Ucraina per il quotidiano. Le prime informazioni riferiscono che lavorava per noi perché è stato trovato con il tesserino del giornale che gli era stato dato per una missione anni fa", si legge ancora nella nota.

9.993 CONDIVISIONI
2535 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni