video suggerito
video suggerito
Conflitto Israelo-Palestinese

Gaza, Israele bombarda nuovamente un campo profughi: almeno 6 morti, tra i quali un neonato

Un bombardamento aereo israeliano sul campo profughi di al-Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, ha causato la morte di sei palestinesi, tra cui un neonato, e decine di feriti.
A cura di Davide Falcioni
26 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un nuovo, ennesimo, raid aereo israeliano sul campo profughi di al-Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, ha causato la morte di sei palestinesi, tra cui un neonato, e decine di feriti. Lo riferisce l'agenzia palestinese Wafa citando fonti locali. Gli aerei da guerra di Tel Aviv hanno preso di mira la casa della famiglia al-Khatib nel campo profughi, uccidendo quattro persone, compreso un bambino, e ferendone altre. Un altro attacco aereo ha colpito la casa della famiglia an-Najjar nel campo profughi, provocando l'uccisione di altre due persone e il ferimento di altre.

Ciò è avvenuto quando i caccia e l’artiglieria israeliani hanno fatto saltare in aria una serie di edifici residenziali nella zona di Al-Mughraqa, a nord del campo di Nuseirat nella Striscia centrale. Nel frattempo, altri aerei da combattimento dello stato ebraico hanno preso di mira la zona di al-Mawasi, a nord di Rafah, e un assembramento di persone nel quartiere di Shuja'iya, a est di Gaza, provocando l'uccisione di due persone e il ferimento di altre. Secondo le ultime stime palestinesi sarebbero saliti ad almeno 37.337 i morti per mano israeliana, con circa 85.229 feriti.

Ben-Gvir: "Le pause tattiche a Gaza sono inaccettabili"

In questo quadro, mentre continuano le uccisioni di civili palestinesi, il ministro della sicurezza di estrema destra israeliano, Itamar Ben-Gvir, ha definito "deliranti" le pause tattiche per consentire l'arrivo di aiuti umanitari proposte dall'esercito: "Colui che ha deciso una ‘tregua tattica' ai fini di una transizione umanitaria, soprattutto in un momento in cui molti dei nostri soldati stanno cadendo in battaglia, è malvagio e uno sciocco che non dovrebbe continuare nella sua posizione", attacca. "Purtroppo questa mossa non è stata presentata al governo ed è contraria alle sue decisioni", ha aggiunto  il ministro dell'ultradestra.

Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra

Benyamin Netanyahu ha annunciato lo scioglimento del gabinetto di guerra. Il premier – secondo i media – ha informato i ministri durante la riunione del Gabinetto di sicurezza politico dopo le recenti dimissioni di Benny Gantz e Gadi Eisenkot da quello di guerra. Secondo le previsioni, Netanyahu continuerà a tenere riunioni limitate a scopo di "consultazione", che si sono già svolte alla presenza dei ministri Yoav Galant, Ron Dermer e del capo dell'Assemblea nazionale Tzachi Hanegbi.

In Israele inizia oggi una settimana di proteste contro il governo

Intanto in Israele i gruppi che contestano il governo hanno annunciato una settimane di mobilitazioni, a partire da oggi, per sollecitare la nuove elezioni entro il 7 ottobre. Già ieri ancora una volta le proteste di piazza hanno bloccato alcune delle principali strade di Israele. Oggi un'altra manifestazione è prevista davanti alla Knesset per le 19.  "Il nostro obiettivo è chiaro", ha detto il responsabile del movimento ‘Liberi  nella nostra Terra', Eran Schwartz: "Ed è  quello di restituire immediatamente il mandato al popolo e andare alle urne prima dell'anniversario del fallimento rappresentato dallo scorso 7 ottobre".

L'accusa al governo israeliano è di "aver fallito ripetutamente sia sul fronte della difesa della sicurezza di Israele che nel prendersi cura dei suoi cittadini". E di "anteporre la sopravvivenza politica all'interesse del Paese", come "dimostrato dal  fallimento nel promuovere un accordo per la liberazione degli ostaggi" trattenuti dal 7 ottobre 2023 nella Striscia di Gaza e "dall'abbandono dei cittadini del nord" di Israele, nel mirino degli attacchi degli Hezbollah libanesi. Per un altro esponente del movimento, le elezioni sono l'unico modo per “ridare speranza” agli israeliani. A Netanyahu chiede di non avere paura perché "solo un dittatore sarebbe spaventato dalla sua stessa gente".

26 CONDIVISIONI
938 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views