868 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
16 Maggio 2022
14:50

Putin: “Finlandia e Svezia nella Nato, nessuna minaccia per noi ma risponderemo”

Putin: “La Russia non ha problemi con la Finlandia e Svezia, la loro possibile adesione alla NATO non crea alcuna minacce per Mosca nell’immediato”. Tuttavia “l’espansione delle infrastrutture militari in questo territorio solleciterà sicuramente la nostra risposta”.
A cura di Davide Falcioni
868 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Dopo l'annuncio del governo finlandese di voler aderire alla NATO il presidente russo Vladimir Putin ha avvertito che questa mossa potrebbe non essere prova di conseguenze. "L'espansione della NATO è artificiale", ha detto il capo del Cremlino, citato dall'agenzia russa Tass. "La Russia non ha problemi con la Finlandia e Svezia, la loro possibile adesione alla NATO non crea alcuna minacce per Mosca nell'immediato", ha aggiunto Putin, spiegando che "tuttavia, l'espansione delle infrastrutture militari in questo territorio solleciterà sicuramente la nostra risposta. E vedremo come sarà tale risposta a seconda delle minacce che ci porranno". Di conseguenza, almeno per il momento, "i problemi sono creati dal nulla". Le dichiarazioni di Putin sembrano al momento contraddire quelle del viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov, che nei giorni scorsi ha fatto sapere che "la scelta di Finlandia e Svezia di aderire all'alleanza militare della Nato è un grave errore con conseguenze di vasta portata". "Il livello generale di tensione militare aumenterà e la situazione, ovviamente, sta cambiando radicalmente alla luce di ciò che sta accadendo. Finlandia e Svezia non dovrebbero farsi illusioni sul fatto che la Russia si limiterà semplicemente a sopportare la loro decisione".

Putin: "Abbiamo prove di laboratori per armi batteriologiche in Ucraina vicino ai nostri confini"

Quanto alla guerra in Ucraina Putin ha spiegato che nel corso dell'"operazione militare speciale", la Russia ha ottenuto prove che dimostrano l'esistenza di laboratori per sviluppare armi batteriologiche vicino ai propri confini. "Nel corso dell'operazione speciale in Ucraina sono state ottenute prove documentali che dimostrano che, in violazione delle convenzioni che vietano le armi batteriologiche e tossiche, sono state effettivamente create componenti di armi di questo tipo nelle immediate vicinanze dei nostri confini e sono stati testati i modi per destabilizzare la situazione epidemiologica nelle ex repubbliche sovietiche", ha detto Putin nel corso del vertice dell'Organizzazione del Trattato per la sicurezza collettiva a Mosca. I biolaboratori americani nello spazio post-sovietico raccolgono materiali biologici, studiano i dettagli della diffusione di malattie pericolose e in Ucraina stavano essenzialmente sviluppando armi batteriologiche, ha insistito. "Abbiamo lanciato da tempo l'allarme sull'attività batteriologica degli Stati Uniti nello spazio post-sovietico. Come sapete, il Pentagono ha decine di laboratori e centri specializzati nella nostra regione comune. E non sono affatto impegnati a fornire assistenza medica pratica alla popolazione dei Paesi in cui hanno avviato le loro attività".  In merito alla presenza di gruppi organizzati di estrema destra in Ucraina il leader russo ha dichiarato che "ci sono estremisti in tutti i Paesi, eppure l'Ucraina ha fatto dei suoi nazisti degli eroi nazionali. Il neonazismo rampante è stato osservato da tempo in Ucraina, l'Occidente chiude un occhio su questo".

868 CONDIVISIONI
2590 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni