"Fosse stato per me avrei già chiuso le frontiere". Non usa mezza termini Marine Le Pen, leader del Rassemblement National francese, che è tornata a parlare dell'emergenza Coronavirus scoppiata in Italia, ormai terzo al paese al mondo per numero di contagiati dopo Cina e Corea del Sud. La numero uno dei populisti d'oltralpe ha inoltre dichiarato, rispondendo alle domande dei giornalisti nel cortile dell'Hotel de Matignon, sede del governo a Parigi, che la situazione nel Belpaese è quella di "un'epidemia fuori controllo", invocando la sospensione del trattato di Schengen. Le Pen, insieme agli altri leader politici, ha incontrato proprio oggi il premier Edouard Philippe per preparare un piano d'emergenza per contrastare la diffusione del nuovo virus anche in Francia, dove finora si sono registrati due decessi, di cui uno a Parigi.

La risposta di Di Maio: "Così danneggia l'Italia"

A lei ha risposto immediatamente Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri ha sottolineato che le parole della collega francese "danneggiano l'Italia, mentre dice di essere vicina a un partito italiano… Ormai siamo vittima del sovranismo di queste persone. In questo contesto, la solidarietà non esiste. Ho trovato solidarietà dai ministri della Sanità di tutti i Paesi di confine, anche quando si tratta di spiegare alla loro opinioni pubbliche che è inutile sospendere Schengen. Chi lo chiede in Italia ha torto: abbiamo centinaia di migliaia di persone che attraversano i confini, per lavorare, ogni giorno", ha concluso rilasciando una intervista al quotidiano d'oltralpe Le Monde. A placare i toni è infine intervenuto il presidente Macron che rispondendo ai cronisti a Napoli ha detto che "non si chiuderanno le frontiere tra Francia e Italia".

Coronavirus: "Colpito solo lo 0,01 per cento del territorio italiano"

E mentre il numero degli infetti nel nostro Paese continua a salire, fermandosi a quota 528, a cui si aggiungono 14 vittime, il numero uno della Farnesina ha voluto rassicurare i paesi esteri e i cittadini italiani, evidenziando che in Italia è coinvolto dall'epidemia del Coronavirus solo lo 0,1% dei comuni. Le persone in quarantena rappresentano lo 0,089% della popolazione totale e il territorio italiano in isolamento è lo 0,01%, ha sottolineato Di Maio in conferenza all'Associazione Stampa Estera. Su un totale nazionale di 301.000 km quadrati – si legge nella mappa – i territori in isolamento rappresentano in Lombardia lo 0,5% del territorio lombardo (0,04% del territorio nazionale), in Veneto lo 0,2% del territorio. "Abbiamo la percezione nel mondo di un'Italia colpita in tutto il territorio – ha aggiunto Di Maio – ma stiamo parlando di aree delimitate, è importante non partecipare a questa disinformazione che farà più danni dello stesso rischio di epidemia. Faccio un appello a tutti coloro che vogliono bene all'Italia: è importante in questo momento diffondere questi numeri".