754 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
26 Marzo 2022
12:31

Come sarà la seconda fase della guerra in Ucraina: i piani della Russia (e perché sono cambiati)

Per la Russia si è aperta la seconda fase della guerra in Ucraina, o almeno questo dice il ministero della Difesa: l’obiettivo ora è “liberare il Donbass”.
A cura di Tommaso Coluzzi
754 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

La guerra in Ucraina passa alla fase due. O almeno, questo è quello che ha dichiarato il ministero della Difesa russo. In una lunga conferenza stampa, ieri, il Cremlino ha spiegato che – sostanzialmente – tutto procede secondo i piani e che ora che l'Ucraina si è indebolita militarmente la Russia può virare con tutte le sue forze sul vero obiettivo che ha dall'inizio della guerra: la liberazione del Donbass. Dopo un mese di guerra la strategia dichiarata di Mosca diventa un'altra, o almeno così dicono: ripiegare sull'Ucraina orientale, nella zona dei territori contesi dove il conflitto è cominciato molto tempo fa.

A illustrare i prossimi obiettivi di Mosca e fare un bilancio della guerra finora è stato ieri il generale Sergei Rudskoy: "Gli obiettivi principali della prima fase dell'operazione sono, in generale, stati raggiunti", ha spiegato. Poi viene fatta una ricostruzione dell'attacco. Le strade erano due: condurre "l'operazione speciale" solamente nei territori di Donetsk e Lugansk, con il rischio che arrivassero rifornimenti di uomini e mezzi dall'Ovest dell'Ucraina, oppure attaccare direttamente tutto il Paese, in modo da indebolire le difese concentrandosi solamente sugli obiettivi militari.

Ora, però, "il potenziale di combattimento delle forze armate ucraine è stato considerevolmente ridotto. Questo rende possibile concentrarsi sugli sforzi cruciali per raggiungere l'obiettivo principale, vale a dire la liberazione del Donbass", ha detto chiaramente il generale. Poi è stato lo stesso Rudskoy che ha spiegato come procede: "Unità delle milizie della Repubblica popolare di Luhansk hanno liberato il 93% del territorio della regione. Ora si combatte nelle vicinanze di Severodonetsk e Lysychansk. Le milizie della Repubblica popolare di Donetsk hanno il controllo del 54% del territorio. La liberazione della città di Mariupol prosegue".

Quale sia la vera strategia dietro queste dichiarazioni ancora non è chiaro: la conquista di Mariupol, oltre a quella del Donbass, permetterebbe di ricongiungere anche la Crimea, magari dando a Putin la possibilità di dichiarare una vittoria e la riuscita dell'operazione speciale. Bisognerà capire le mosse dell'esercito russo cambieranno anche nei fatti.

754 CONDIVISIONI
2698 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni