534 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
1 Giugno 2022
18:05

“Civili folgorati e ustionati”: le testimonianze delle torture dei russi agli ucraini di Kherson

Le testimonianze raccolte dalla BBC delle torture subite dai civili nella regione ucraina di Kherson, ora sotto il controllo russo. Il racconto di un medico: “Ho visto segni di ustione sui genitali, una ferita da arma da fuoco alla testa di una ragazza che è stata violentata e ustioni dovute a un ferro da stiro sulla schiena e sullo stomaco di un paziente”.
A cura di Ida Artiaco
534 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Mi hanno messo un sacchetto in testa, dicendomi che non mi sarebbero rimasti nemmeno i reni". Comincia così il racconto straziante di Olexander Guz, residente a Bilozerka, villaggio della Regione di Kherson, in Ucraina orientale, ora sotto il controllo russo, alla giornalista Caroline Davies della BBC, che ha a sua volta ha raccolto una serie di testimonianze delle torture subite dai civili nella Regione dopo l'arrivo delle forze di Mosca. Lui e sua moglie erano pubblicamente contrari alla Russia: lei ha partecipato a manifestazioni filoucraine, lui ha cercato di impedire alle truppe russe di entrare nel loro villaggio. "Mi hanno legato una corda intorno al collo e un'altra intorno ai miei polsi, mentre mi interrogavano", ha aggiunto.

"Quando non rispondevo, mi picchiavano tra le gambe. Quando sono caduto, ho iniziato a soffocare", ha continuato Olexander. Ma non è l'unico. Il giornalista di un quotidiano indipendente, Oleg Baturin, ha affermato di essere stato rapito e imprigionato dalle truppe russe per più di una settimana. Nel periodo della sua detenzione, dice di aver sentito altre persone venire torturate e di aver assistito alla finta esecuzione di un ragazzo. Lo stesso Baturin è stato colpito "alla schiena, alle costole e alle gambe" con "il calcio di una mitragliatrice" e ne è uscito con quattro costole rotte. La BBC ha parlato anche con il medico di un ospedale di Kherson, che ha chiesto di rimanere anonimo ma che ha detto di aver visto segni di folgorazione, tracce di corde e segni di strangolamento sul collo, oltre a ustioni su piedi e mani. Ha detto persino di aver visitato un paziente che gli ha riferito di essere stato picchiato con un tubo pieno di sabbia.

"Ho visto segni di ustione sui genitali, una ferita da arma da fuoco alla testa di una ragazza che è stata violentata e ustioni dovute a un ferro da stiro sulla schiena e sullo stomaco di un paziente", ha aggiunto il medico. Sia Olexander che Oleh si trovano ora nel territorio controllato dall'Ucraina. Hanno fornito alla BBC le foto di quelli che hanno detto essere rapporti della polizia sugli abusi. E Belkis Wille, di Human Rights Watch, afferma che le testimonianze raccolte dall'emittente inglese sono coerenti con ciò che stanno ascoltando. "La preoccupazione è che le forze russe, nelle aree che stanno occupando, continuino in una certa misura a terrorizzare la popolazione civile locale e ad usare pratiche abusive come la detenzione arbitraria, la scomparsa forzata e la tortura. Stiamo esaminando potenziali crimini di guerra", ha aggiunto.

534 CONDIVISIONI
2702 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni