1.225 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
22 Maggio 2022
20:03

“Ci hanno tolto i telefoni per inviarci in Ucraina, non sapevamo nulla”, il racconto di un ufficiale russo

Il racconto di un ufficiale russo coinvolto nella guerra in Ucraina che non sapeva nemmeno di aver cominciato. Un conflitto che si sta rivelando sanguinosissimo per entrambe le parti e che ha spinto lo stesso militare a rischiare tutto e a lasciare la divisa.
A cura di Antonio Palma
1.225 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

"Ci hanno tolto anche i telefoni prima di inviarci in Ucraina, non sapevamo nulla e ad essere onesto, pensavo che non saremmo andati in Ucraina" così un ufficiale russo ha raccontato alla Cnn i giorni prima dell'invasione dell'Ucraina quando per lui e il suo gruppo, insieme a migliaia di altri soldati, è iniziato una guerra che non sapevano nemmeno di aver cominciato. Un conflitto che si sta rivelando sanguinosissimo per entrambe le parti e che ha spinto lo stesso militare a rischiare tutto e a lasciare la divisa per non essere più coinvolto nella guerra voluta da Putin.

L'uomo, che ha parlato dietro anonimato e che ora è tornato in Russia, era di stanza con suo gruppo a Krasnodar, nel sud della Russia quando il 22 febbraio, due giorni prima dell'invasione, ha dovuto consegnare il suo telefono senza alcuna spiegazione. Quella notte lui e i commilitoni hanno passato ore a dipingere strisce bianche sui loro veicoli militari. Poi è arrivato il contrordine ed è stato detto loro di lavarli via. "L'ordine è cambiato, disegna la lettera Z , come in Zorro", è l'ordine che ha ricordato l'ufficiale russo.

Il soldato, che era tra le truppe di Mosca ammassate ai confini nell'ovest della Russia prima dell'invasione dell'Ucraina, ha confermato che nessuno del suo gruppo pensava ci sarebbe stato l'attacco. "Il giorno dopo siamo stati portati in Crimea. Ad essere onesto, pensavo che non saremmo andati in Ucraina. Non pensavo che si sarebbe arrivati ​​a questo punto", ha detto l'ufficiale.  Mentre la sua unità arrivava nella regione ucraina annessa alla Russia nel 2014, il presidente Vladimir Putin ha lanciato la sua invasione ma loro no lo sapevano.

Senza radio né comunicazioni ufficiali né telefono non avevano contatti con il mondo esterno. Due giorni dopo sono stati inviati in Ucraina e da allora per loro è cambiato tutto. "Alcuni ragazzi hanno rifiutato apertamente. Hanno scritto un rapporto e se ne sono andati. Non so cosa sia successo loro. Io Sono rimasto" ha rivelato l'ufficiale, aggiungendo: "Molti non capivano a cosa servisse tutto questo e cosa stessimo facendo lì".

"I civili ci hanno accolto malissimo, alcuni di loro hanno nascosto le armi sotto i vestiti e quando si sono avvicinati hanno sparato. Tenevo la mia pistola stretta e per la prima settimana sono stato in uno stato di scossa di assestamento. Non ho pensato a niente" ha ammesso. La scelta di ribellarsi è arrivata quando, dopo un paio di settimane, l'ufficiale è stato schierato più vicino alle retrovie dove ha avuto accesso a comunicazioni e notizie.

"Ho appreso che i negozi in Russia stavano chiudendo e l'economia stava crollando. Mi sentivo in colpa per questo. Ma mi sentivo ancora più in colpa perché siamo venuti in Ucraina. Alla fine, ho raccolto le mie forze e sono andato dal comandante per scrivere una lettera di dimissioni", ha detto alla CNN, aggiungendo: "Alla fine, ho raccolto le mie forze e sono andato dal comandante per scrivere una lettera di dimissioni". L'ufficiale ora è con la sua famiglia: "Cosa accadrà dopo, non lo so ma sono contento di essere tornato a casa."

1.225 CONDIVISIONI
2590 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni