Con oltre 61 milioni di dosi somministrate alla popolazione gli Stati Uniti sono il primo paese – in numeri assoluti – per numero di vaccinazioni eseguite. Circa il 18 per cento dei cittadini ha ricevuto almeno una dose e quindi l'immunità di gregge è ancora molto lontana, ma lo scorso 8 marzo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno pubblicato le attesissime linee guida sui comportamenti che possono tenere le persone completamente vaccinate, regole che si applicano quindi a partire da due settimane dopo la seconda dose del siero o a un mese di distanza dall'unica dose del vaccino Johnson&Johnson. Le persone completamente vaccinate potranno tornare a socializzare in sicurezza anche andando a visitare altre famiglie al di fuori della loro bolla. Ci sono, però, delle regole ben precise da rispettare, e sono state messe nero su bianco proprio dai Cdc due giorni fa.

Le persone completamente vaccinate possono visitare altre persone vaccinate al chiuso e senza l'obbligo di indossare una mascherina, ma anche incontrare altre persone non vaccinate che non corrano il rischio di sviluppare forme gravi della malattia. Ciononostante i Cdc specifica che i vaccinati dovranno comunque indossare il dispositivo di protezione in ambienti affollati e continuare a farlo anche ogni qualvolta si incontrano soggetti vulnerabili, quindi potenzialmente esposti a forme gravi di Covid-19. Il distanziamento è sempre raccomandato nei grandi raduni in spazi chiusi e naturalmente si è obbligati a segnalare al proprio medico eventuali sintomi di malattia.

Scrivono i CDC che "i vaccini attualmente autorizzati negli Stati Uniti sono altamente efficaci nel proteggere le persone vaccinate contro il COVID-19 sintomatico e grave. Inoltre, un numero crescente di prove suggerisce che le persone completamente vaccinate hanno meno probabilità di sviluppare un'infezione asintomatica e potenzialmente meno probabilità di trasmettere SARS-CoV-2 ad altri". Tuttavia la durata della protezione non è ancora stata stabilita con chiarezza quindi anche i vaccinati devono continuare ad essere prudenti. "Visite ad amici e parenti o piccole riunioni costituiscono un rischio minimo per i vaccinati", ma nei grandi raduni aumenta la possibilità di contrarre il coronavirus. I Cdc sottolineano dunque come i soggetti totalmente vaccinati possano tornare a condurre una vita sociale abbastanza vicina a quella pre-pandemia, essendo minimo il rischio di infettarsi e contrarre gravi forme di Covid-19. Quanto ai viaggi, tuttavia, nulla è stato ancora definito con certezza.