9.262 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
14 Marzo 2022
09:19

Attivisti entrano nella villa della figlia di Putin e la occupano: “Ospitiamo profughi dall’Ucraina”

Gli attivisti sui social si sono mostrati con la bandiera ucraina sui balconi della dimora vista mare a Biarritz e hanno mostrato i lussuosi interni della residenza.
A cura di Antonio Palma
9.262 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Una serie di attivisti francesi sono entrati in una villa ritenuta nella disponibilità della figlia di Putin in Francia e hanno detto di volerla occupare per poter ospitare i profughi in arrivo dall’Ucraina. Pierre Affner, questo è il nome di uno degli attivisti impegnato concretamente a sostegno degli ucraini fin dalle prime dell’invasione russa, si è fotografato e ripreso all’esterno e all’interno della villa ritenuta parte del clan di Putin nella località balneare francese di Biarritz. Il gruppo ha dichiarato di aver già cambiato le serrature e che la villa è ora pronta ad accogliere i rifugiati del regime di Putin, principalmente rifugiati ucraini in fuga dalla Guerra.

Gli attivisti, che sui social si sono mostrati con la bandiera ucraina sui balconi della dimora vista mare e hanno mostrato i lussuosi interni della residenza, hanno detto al quotidiano russo indipendente The Insider che durante l'ispezione della villa hanno trovato documenti che sembravano appartenere all'ex genero di Putin, Kirill Shamalov, e all'oligarca russo Gennady Timchenko, un caro amico di Putin. Secondo lo stesso quotidiano, che ha visionato i documenti di proprietà dell’immobile, la villa una volta apparteneva a Timchenko e in seguito sarebbe stata trasferita a Shamalov. La famiglia di Putin e in generale quelli vicino al clan del Presidente russo da tempo frequentano la zona della costa basca, nel sud-ovest della Francia, dove possiedono diverse proprietà.

"Vittoria a Biarritz. Occupazione del Palazzo di Putin. Ora il Palazzo è del Popolo ed  è pronto ad accogliere i profughi del regime di Putin" esulta Affner in un video pubblicato sui social. Postando alcuni scatti dall’interno della villa commenta: “Lampadari, lampadari e altre eccentricità nel Palazzo Putin a Biarritz. Tutto per i vostri soldi, cari russi”. Affner fa parte di un collettivo di attivisti pro ucraina che ha già proposto alle autorità locali di utilizzare la villa come rifugio per i profughi. Un altro attivista, Vladimir Osechkin, ha dichiarato che la villa ha 8 stanze e 3 bagni e quindi può ospitare decine di profughi ucraini.

9.262 CONDIVISIONI
2542 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni