Guerra in Ucraina
6 Dicembre 2022
07:45

“Attacco di droni ucraini all’aeroporto russo di Kursk”, Mosca accusa Kiev: enorme incendio

Secondo il Governatore di Kursk, un attacco con droni da parte delle forze armate di Kiev sul locale aeroporto avrebbe colpito un serbatoio di carburante all’interno dell’area aeroportuale che ha scatenato un enorme incendio visibile a chilometri di distanza.
A cura di Antonio Palma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

Una grossa esplosione seguita da un enorme incendio ha squassato il silenzio delle prime ore del mattino nella regione russa di Kursk, al confine con l'Ucraina. Secondo Mosca si è trattato di un attacco con droni da parte delle forze armate di Kiev sul locale aeroporto.

Secondo il Governatore di Kursk, nell’attacco sarebbe stato colpito un serbatoio di carburante all’interno dell’area aeroportuale che ha scatenato un enorme incendio visibile a chilometri di distanza, come si vede dalle immagini pubblicate dall'agenzia ucraina Unian. Al momento non vengono segnalati morti o feriti.

A causa di un "attacco di droni nell'area dell'aeroporto di Kursk, un serbatoio di stoccaggio di carburante ha preso fuoco. Non ci sono state vittime. L'incendio è stato circoscritto. Tutti i servizi speciali disponibili sul posto", ha dichiarato il governatore della regione Roman Starovoyt sui social.

Da parte di Kiev al momento però non nessuna rivendicazione del presunto attacco di droni sulla regione russa Kursk che confina con la regione di Sumy in Ucraina una delle zone calde del fronte di guerra.

Il nuovo episodio fa seguito a quelli denunciati nelle scorse ore dal Cremlino, secondo il quale droni ucraini avrebbero attaccato due aeroporti militari russi a nell’entroterra a centinaia di chilometri dal fronte, causando anche morti e feriti.

Il ministero della Difesa russo, infatti, ieri ha dichiarato che i droni ucraini hanno attaccato due aeroporti militari russi causando la morte di tre soldati e il ferimento di altri quattro. Le vittime sono segnalati all’aeroporto di Dyagilevo, vicino a Ryazan,menyre i feriti all'aeroporto di Engels, nella regione di Saratov, dove una esplosione ha danneggiato anche due aerei militari.

Secondo Mosca sarebbero stati usati "droni di fabbricazione sovietica” ma l’Ucraina non ha confermato l’attacco. Secondo gli analisti, Kiev in realtà non avrebbe simili velivoli in grado di colpire così lontano nel territorio russo. Il Ministero russo ha affermato che i droni sarebbero stati intercettati prima di colpire ma i detriti sarebbero caduti ed esplosi sugli aeroporti colpendo aerei e serbatoi di carburante.

Intanto nella notte nuovi bombardamenti russi alla periferia Zaporizhzhia colpita da missili, lo ha comunicato il governatore Oleksandr Starukh citato dal Kyiv Independent. I bombardamenti avrebbero danneggiato infrastrutture critiche ed edifici residenziali, ma non ci sarebbero state vittime. Uno dei missili ha colpito in particolare la comunità di Stepne.

3313 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni