video suggerito
video suggerito
Guerra in Ucraina

Assemblea Generale Onu, Biden sulla guerra in Ucraina: “Dalla Russia invasione di conquista illegale”

Durante l’Assemblea Generale Onu, il presidente americano Joe Biden è tornato a chiedere supporto a Kiev per contrastare Mosca. Presente anche Zelensky. La premier italiana Giorgia Meloni parlerà invece dell’immigrazione nella nottata di giovedì (orario italiano)
A cura di Gabriella Mazzeo
39 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Oggi a New York i leader dell'Assemblea generale Onu sono intervenuti su diversi temi, quali la guerra in Ucraina e i migranti. Presente anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il cui discorso era previsto dopo quello del suo alleato americano Joe Biden. Al centro degli interventi dell'Assemblea Onu, infatti, si è avuta principalmente la guerra in Ucraina, che secondo gli Usa è "un'invasione in netta violazione del diritto internazionale" e che deve essere contrastata dall'Occidente unito. Joe Biden, dunque, è alla ricerca di un rinnovato sostegno a Kiev per arrivare a una "pace giusta".

Nella platea del Palazzo di vetro spicca l'assenza di Macron, leader francese, e Sunak, primo ministro inglese. "L'invasione russa dell'Ucraina deve essere contrastata perché in violazione della Carta Onu e del diritto internazionale. Questa guerra ha gravi implicazioni per tutti e le minacce nucleari mettono a rischio la pace globale. Dobbiamo lavorare per una pace giusta" ha affermato durante il suo intervento il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.

Immagine

Il presidente americano ha commentato la guerra in Ucraina definendola una "guerra di conquista illegale". "Solo la Russia – ha sottolineato Biden – porta la responsabilità di questo conflitto e solo la Russia può mettere fine immediatamente all'invasione. L'anno scorso ho detto che vorremmo espandere il Consiglio di Sicurezza dell'Onu e che vorremmo riformarlo, da allora ho avuto una serie di consultazioni con molti Stati membri. Continueremo a cercare di ottenere riforme significative. Per quanto riguarda la Cina, cerchiamo di gestire responsabilmente qualunque competizione in modo da non renderla un conflitto".

Immagine

Per quanto riguarda la questione migranti, invece, all'una di notte di giovedì (ora e giorno italiano), interverrà la premier italiana Giorgia Meloni per chiedere all'Onu un piano ad hoc, così come anticipato dal ministro degli Esteri Antonio Tajani che sta provando a tessere una rete diplomatica con i Paesi dell'area balcanica, quelli del Corno d'Africa e del Sahel.

Il dibattito si incentrerà anche sul cambiamento climatico. Anche in questo caso, Meloni cercherà di portare davanti a una platea mondiale la posizione italiana rispetto alla transizione ecologica e rispetto alle calamità che potrebbero spingere le persone a lasciare i loro Paesi, come l'alluvione in Libia e il terremoto in Marocco.

39 CONDIVISIONI
4347 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views